Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 maggio 2014 4 01 /05 /maggio /2014 21:30

L'istruttoria di Peter Weiss è un'opera molto particolare che sfugge ai canoni della narrazione tradizionale e utilizza quella forma di racconto che viene denominata "oratorio"; ispirandosi al processo di Francoforte del 1964-65 contro i criminali nazisti nei lager, l'opera si divide in 11 canti che con drammatica efficacia rappresentano in modo chiarissimo e vivo l'orribile storia dei deportati nei campi di concentramento nazisti, queste vicende non vengono narrate sotto forma di romanzo  ma semplicemente registrando i racconti, privi di qualsiasi commento, dei testimoni di quelle vicende e ogni canto assomiglia ad una deposizione simile a quella che avviene in un'aula di un tribunale.

La forza che provoca forte angoscia e turbamento dell'oratorio è proprio questa sua apparente forma scarna che presenta i fatti senza alcun commento ed è proprio l'assenza di considerazioni e riflessioni personali la caratteristica dell'intera opera, la cui intensità unica è proprio dovuta all' assoluta nudità dei fatti esposti.

Essendo nata come opera teatrale il dramma scritto raggiunge la sua massima forza emotiva quando viene rappresentato in teatro, ma anche una  lettura  del testo si rivela di forte impatto emotivo proprio per la  forza sconvolgente del messaggio trasmesso.

In questi dialoghi, ricavati  dalle carte processuali, si ripercorre il percorso degli avvenimenti: il "Canto della banchina", il "Canto del lager", il "Canto dell'altalena" e così via fino al tragico "Canto dei forni" che costituisce l'epilogo drammatico di un itinerario che necessariamente ogni vittima doveva percorrere fino all'eliminazione fisica finale.

Tutti i canti sono una rappresentazione di quello che avveniva nel momento in cui un deportato arrivava in un campo di concentramento e sono anche una fonte narrativa per conoscere questo processo che avveniva sempre eguale e con una freddezza che assomiglia alla routine di un macello per animali solo che qui abbiamo a che fare con uomini.

Intensissimo è il "Canto dei forni" dove viene presentato un dialogo tra il giudice e il testimone 7, seguito da un intervento di un avvocato difensore.
Nel dialogo manca la punteggiatura, il giudice fa delle affermazioni che sono poi delle domande in cui è assente il punto interrogativo, la mancanza di segni di punteggiatura non è una licenza letteraria su cui indulge Weiss ma una scelta intenzionale che conferisce maggiore forza alle testimonianze del processo che in questo modo appaiono  esattamente eguali al dialogo parlato.

Il testimone che parla, lo fa elencando in modo essenziale e scarno un elenco di fatti, cose e circostanze che rendono la lettura nel contempo angosciante e macabra e a titolo esemplificativo, è utile per il lettore rendersi conto di questo riportando un breve estratto del dialogo tra il giudice e il testimone 7:

"GIUDICE
Signor testimone
come avveniva il passaggio
nelle camere a gas
TESTIMONE 7
Il fischio della locomotiva
davanti all'ingresso che portava alla banchina
era il segnale d'arrivo
d'un nuovo trasporto
Questo significava
che entro un'ora
i forni dovevano essere in perfetta efficenza
Si attaccavano i motori elettrici
Questi mettevano in moto i ventilatori
che portavano la temperatura nei forni
al grado richiesto"

(Brano tratto da L'Istruttoria di Peter Weiss, trad. G.Zampa, ed Einaudi, 1967,Torino)

Come si vede la domanda del giudice non ha il punto interrogativo, quasi a  voler rispettare l'esposizione dei fatti evitando di fare precedere  la domada stessa da un interrogatorio che serve si per accertare i fatti, ma anche per metterli in dubbio, fino a prova contraria.
La lettura di fatti allucinanti come quelli esposti, assomiglia quasi a un documento tecnico, essenziale e questo è ancora più evidente quando il testimone 7 si sofferma nella elencazione delle modalità che precedevano l'esecuzione:

"Gettavano il gas dall'alto
dentro le colonne di lamiera
Nell'interno delle colonne
correva una guida a spirale
lungo la quale si distribuiva la massa
Nell'aria caldo- umida
il gas si sviluppava rapidamente
e usciva dagli orifizi"

(Tratto da op. cit.)

Cercare di capire come è possibile che una nazione di alta cultura  come quella tedesca sia arrivata a questa aberrazione, è possibile al di là dell'apparente illogicità dei fatti, ma richiederebbe uno spazio che andrebbe oltre queste brevi note: la lettura dell'oratorio di Weiss è comunque l'occasione per meditare come ogni forma illogica di distruzione dell'uomo sull'uomo si possa presentare sotto altre forme completamente diverse rispetto a quanto è accaduto, del resto che differenza esiste tra una morte scientificamente determinata e quella che avviene dall'alto, scaricando un ordigno nucleare, improvvisa e altrettanto devastante?

Le armi di cui dispone la scienza e la tecnica moderna sono talmente devastanti che sono in grado di fare in pochissimi secondi quello che richiedeva tempo e organizzazione nei campi di sterminio, il risultato finale è però il medesimo, in entrambi i metodi di distruzione, i valori e la dignità umana, vengono annientati.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link