Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 novembre 2011 5 04 /11 /novembre /2011 09:01
6532095863_854b3a516d.jpg
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/52100374@N05/6532095863
Qual'è il comun denominatore  che lega  "L'usignolo della Chiesa Cattolica" e "Uccellacci e uccellini"?
Prima di tutto che entrambe le opere sono una sorta di viaggio progressivo che non ha una conclusione ben definita, in particolare poi "L'usignolo della Chiesa Cattolica" è un'opera che acquista ancora più valore perchè è la grande incompiuta di Pierpaolo Pasolini; per tutti gli estimatori dell'opera dell'artista friulano, questo acquista un particolare significato, artista che, non bisogna mai dimenticarlo, fu scrittore, poeta e regista e che, si espresse con quella particolare vis polemica che lo ha portato più volte a sfiorare l'essenza della quotidianità anticipando tempi ed analisi come uno straordinario profeta inascoltato che meriterebbe la giusta colocazione proprio per il grande valore dei suoi scritti.

Dispiace constatarlo ma chi ha fatto più male a Pasolini è stata l'intellighenzia di una certa sinistra che ieri come oggi è troppo impegnata più ad autoreferenziare se stessa che ad analizzare la realtà senza reticenze.
Con "L'usignolo della Chiesa Cattolica" ritroviamo il medesimo approccio di inconciliabilità che Pasolini ha sempre tenuto ogni volta che ha usato l'arte sia nella forma scritta che nella rappresentazione cinematografica ed è proprio questa inconciliabilità che trova libera espressione in questo poemetto incompiuto perchè da sempre alla poesia è permessa la licenza e non solo come forma, ma anche e soprattutto come contenuto.

Pasolini si sentiva un diverso, è innegabile questo ma la sua diversità non va intesa banalmente nel significato allusivo a scelte di carattere sessuale, quanto ad una diversità antropologica che è comune a tutti gli anticipatori dotati di una sensibilità non comune, la diversità o sfocia nella rabbia o viene veicolata e sublimata atrtaverso diverse forme d'arte espressive, prendiamo, ad esempio, "Uccellacci e uccellini" e ci rendiamo conto che quell'itinerario, quel girare non è altro che la metafora di una vita che scorre lentamente e corre verso la morte e che quasi incosapevolemte ognuno subisce senza potersi ribellare.
Questo accade anche per la scelta della lingua, Pasolini ha scritto molte poesie  nella sua lingua, il friulano e questa scelta credo sia dovuta al fatto che oltre ad un motivo sentimentale ci siano state anche altre ragioni prima fra tutte quelle del letterato che andava alla ricerca delle parole, ma perchè Pasolini abbia deciso di scrivere un poemetto in italiano non lo sapremo mai, possiamo fare solo delle ipotesi, comunque c'è un filo che lega quelle opere giovanili in friluano e questo poemetto incompiuto: l'amore per la poesia.
Pasolini fu prima di tutto poeta e poi scrittore e regista, la sua scrittura non avrebbe mai toccato le coscienze se non ci fosse stato questo animo poetico che lo portava ad anticipare, quasi che fosse un visionario incapce di misurarsi con il pensiero della normalità, ma nello stesso tempo capace più di ogni altro di leggere la realtà.

I critici letterari sono concordi nell'affermare che "L'usignolo della Chiesa Cattolica" è il libro più bello che Pasolini abbia mai scritto, concordo con questo giudizio, certo sono sentimentalmente legato a "Scritti corsari" ma si tratta di una raccolta di articoli e di interventi che di poetico hanno pochissimo, l'idea di una poesia diaristica non è nuova, ma in questo Pasolini troviamo tutta la tradizione poetica italiana che parte da Leopardi, come per incanto Recanati e il paesaggio friulano si trovano vicino, Leopardi e Pasolini, entrambi partono dalla campagna e dall'osservazione del paesaggio per arrivare all'infinito e nel caso di Pasolini il punto di partenza è proprio un usignolo e l'usignolo e lui stesso che si rivolge a Dio per chiedere perdonio, è un Pasolini sofferente che ha alto il senso del peccato, di Dio e dell'infinito.

IL FRUTTO PROIBITO, LA CHIESA, LA MORTE E IL SENSO DEL PECCATO

E' uno scritto di una straordinaria profondità in cui il poeta riflette sulla Passione di Cristo, sull'Annunciazione e sul significato del Cristo, questo scritto così denso di religiosità non poteva che essere non considerato dalla Chiesa che non può accettare per ragioni esclusivamente ideologiche questo legame tra morte e sesso.
Ma dal punto di vista teologico cos'è il peccato originale se non anche una condanna eterna a non godere più in maniera libera dei piaceri della vita?
Cosa facevano Adamo ed Eva tutto il giorno, cosa facevano nel paradiso terrestre? Non si tratta di domande da poco e questo problema è stato affrontato da molti teologi, perchè godere dei piaceri della vita non significa contemplare la vita ma viverla anche nei sensi.
Una cosa è certa Dio non disse ad Adamo ed Eva di pregare tutto il giorno ma disse crescete e moltiplicatevi, in poche parole amatevi e fate i figli, questo è il miglior modo di ringraziare Dio, l'uomo contemplava ( ma non solo) la donna e l'amava e viceversa..una situazione ideale e questo per sempre..poi  il frutto proibito maledetto e la morte si è incontrata con il sesso togliendo ogni piacere, questo il Pasolini teologo lo aveva capito.

Quando Pasolini fa la distinzione tra sentimento religioso e Chiesa intesa come gerarchia, segna il punto di non ritorno che gli è valsa quella damnatio memoriae originata non dalle sue scelte sessuali, ma dall'aver messo in dubbio quello che non doveva essere messo in dubbio: il potere delle gerarchie sulle coscienze, compreso il controllo sessuale, ma questo  la Bibbia non dice di farlo, il rapporto era tra la coppia e Dio, non c'erano intermediari e controllori che volevano sapere tutto, Dio era discreto sapeva ma non si metteva in mezzo, anche perchè era stato Lui a dire ad entrambi di fare così e se non fosse stato per il frutto proibito.....

L'usignolo lo aveva capito...da qui la sofferenza di Pasolini!!

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link