Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
19 aprile 2014 6 19 /04 /aprile /2014 06:06

JULIUS EVOLA

 

 

 

 

 

Le riflessioni di Evola sulla società a lui contemporanea si rivolsero anche al problema della relazione fra i sessi, al matrimonio e alla famiglia. Dinanzi alla crisi della famiglia Evola respinge qualsiasi soluzione basata sul conformismo e sul falso tradizionalismo in quanto vanno nella direzione opposta al concetto di famiglia intesa come vincolo sacrale.

 La crisi della famiglia  nel mondo moderno è qualcosa di cui bisogna prendere atto,  ciò che la famiglia è oggi è solo l'atto conclusivo   di un processo irreversibile che ha reso l'istituto familiare "una istituzione piccolo-borghese determinata quasi esclusivamente da fattori conformistici, utilitari, primitivisticamente umani e al massimo sentimentali".

Venendo meno il principio di autorità che rendeva la famiglia un'unità, prima di tutto spirituale raccolta intorno alla figura del pater (1) è prevalso l'individualismo dei singoli componenti. Il padre stesso è estraneo alla famiglia, il suo ruolo è decaduto a quello meccanico di "una macchina per fare denaro" , parimenti la donna sulla spinta delle istanze emancipatrici presa dal lavoro e dal suo entrare nel mondo delle professioni vive i rapporto con i figli in modo frammentario cosicchè questa situazione in cui ognuno è indaffarato nelle proprie attività non giova alla relazione con i figli che a loro volta riproducono e proseguono l'azione individualistica dei propri genitori.

 

La responsabilità di questa degenerazione della famiglia diventata un aggregato dove di tanto in tanto ci si incontra è causata dal modo di concepire i rapporti sociali; l'ingranaggio praticistico della vita materiale, l'ansia di possedere o di trovare le risorse per sopravvivere ha avuto come conseguenza lo sfaldamento della famiglia ormai diventata una centrale di soddisfazione dei propri bisogni.

Alla decadenza del ruolo del padre si unisce il totale distacco delle nuove generazioni che ritengono che i propri genitori debbano pensare ai fatti loro e non si intromettano nella vita dei propri figli; secondo Evola questa situazione oltre ad avere portato ad un ridimensionamento dei valori di unità e di sacralità della famiglia o al loro totale annientamento, ha reso l'istituto familiare uno strumento pratico.

 

L' ATTEGGIAMENTO DELL'UOMO DIFFERENZIATO NEI CONFRONTI DELLA FAMIGLIA

 

  L'analisi delineata da Evola non ha pretese di tipo pedagogico, tuttavia l'irreversibile crisi della famiglia è legata alla visione che si ha in epoca moderna dell'istituto familiare ridotto ad un contratto in cui prevalgono esclusivamente sentimenti di convenienza pratica.

Se il processo a cui si assiste è irreversibile, se non è possibile rinvenire alcunchè di superiore nella famiglia e nel matrimonio qual'è il comportamento che deve avere l'uomo differenziato nei confronti della famiglia, del matrimonio e della procreazione?

Appare superfluo -sostiene Evola- affermare che dinanzi alla situazione di dissoluzione generalizzata parole come famiglia, matrimonio e procreazione non abbiano alcun valore, tuttavia vi sono ancora margini di azione per realizzare la propria successione in termini spirituali; dove però questo sarà realizzabile dipende dalle circostanze.

 

«Soprattutto in questo dominio - osserva Evola -  quel che è autentico e valido si compie nel segno di una saggezza superiore inaferrabile, con le apparenze esterne di una casualità, anziché di una iniziativa diretta "voluta" dell'uno o dell'altro individuo».

______________________________________________________________________________

NOTE

 

(1) Interessante è la ricostruzione storica effettuata dal CALASSO sulla diversa concezione di diritto di famiglia esistente fra la civiltà romana e quella germanica: «Nell'ultima stadio della sua evoluzione, il diritto romano regola la famiglia naturale, come noi oggi la intendiamo, basata cioè sul vincolo di sangue: l'antica famiglia iure proprio, imperniata sulla sovranità del capo (pater=signore) e trascendente l'ordine domestico per finalità di natura (in senso largo) è stata ormai dissolta dallo Stato. I barbari invece portano tra noi la famiglia di tipo agnatizio, costituita cioè da un vasto gruppo di persone che si considerano discendenti da un capostipite comune, e sono legate tra loro da interessi patrimoniali comuni, sono tutte responsabili del delitto commesso da un membro, così come hanno tutte l'obbligo di partecipare alla vendetta dell'offesa patita da un membro.

Il capo di questo gruppo, quindi non ha un potere -mundium- illimitato come la manus o potestas del paterfamilias romano: e per tutta la durata della vita di questo, come accadeva in diritto romano, bensì soltanto fino al momento in cui non è ritenuto adatto alle armi: momento che segna anche, come si disse, la sua piena capacità giuridica». da F.Calasso, Medio Evo del Diritto, Milano, 1954.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Evola Julius

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link