Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 maggio 2014 1 05 /05 /maggio /2014 04:46

 

 

 

  2881902001_9445c69839.jpg

 

 

 

"È un comune pregiudizio l'opinione che la scienza filosofica abbia a che fare soltanto con le astrazioni, con vuote generalità, mentre invece l'intuizione, la nostra autocoscienza empirica, il sentimento di noi stessi, il senso della vita sarebbero invece il concreto in sé, la ricchezza di ciò che è determinato in sé. In realtà la filosofia vive nell'ambito del pensiero: essa quindi ha a che fare con universalità:  il suo contenuto è astratto, però solo secondo la forma, secondo l'elemento; mentre invece l'idea in se stessa  è essenzialmente concreta, poichè essa è l'unità di determinazioni differenti. Proprio in questo la conoscenza razionale differisce dalla pura conoscenza intellettualistica: ed è appunto compito della filosofia il dimostrare, contro l'intelletto, che il vero e l'idea non consistono in vuote generalità, bensì in un universale che è in se stesso il particolare, il determinato. Se il vero è astratto, esso non è vero.

La sana ragione umana, il buon senso, mira solo al concreto; soltanto la riflessione dell'intelletto forma una teoria astratta, priva di verità, giusta soltanto nel cervello ed inoltre impraticabile, la filosofia è quanto mai nemica dell'astratto e riconduce al concreto."

 

In questo celebre passo tratto dall' "Introduzione alla storia della filosofia" Hegel esplicita in modo chiaro ed inequivocabile qual'è il compito della scienza filosofica che non è un puro esercizio intellettualistico vuoto e astratto dalla realtà ma un percorso che porta a riconoscere l'universale attraverso la determinazione e il riconoscimento del particolare.

Hegel rigetta ogni forma di astrazione e condanna l'intellettualismo che essendo un puro esercizio del pensiero non mira a riconoscere la verità lanciandosi in elucubrazioni mentali impraticabili.

La filosofia, al contrario, è nemica dell'astrazione e permette di riconoscere il concreto, al contrario di quanto si possa pensare, Hegel non riconosce alla logica speculativa alcun ruolo ritenendo che per giungere alla sintesi di due concetti astratti bisogna arrivare ad una nuova  forma concreta e tangibile. Ad esempio il concetto di uomo e di donna è di per sè astratto mentre la loro unione è un divenire concreto.

A differenza della logica tradizionale basata sul principio di identità e di non contraddizione, la logica hegeliana perviene ad una sintesi degli opposti risolvendola in un'unità concreta che la scienza filosofica è in grado di poter cogliere.

 

"Il concreto - sostiene Hegel- deve diventare per sé" ossia si deve risolvere nella sua semplicità in quanto sintesi di due diversi. solo l'unità è verità.

Se l'Idea fosse solo un'astrazione sarebbe solo un'essenza suprema, sulla quale non si può dire nient'altro; Hegel accusa l'intellettualismo moderno di avere creato un'idea di un Dio immobile mentre Dio è nel contempo movimento e quiete, due opposti che si risolvono nella concreta unità.

 

Il filosofo tedesco per spiegare questo concetto fa  due esempi ricorrendo all'oro e al fiore; il fiore, per quanto abbia molte qualità come il profumo, il sapore, la forma, il colore ecc., è un'unità e ogni parte del fiore contiene tutte le caratteristiche del petalo. La stessa cosa si può dire dell'oro le cui proprietà non sono divise e disgiunte.

Nel pensiero astratto le caratteristiche del fiore vengono divise e differenziate, invece nella realtà il sapore e l'odore sono un tutt'uno tant'è che li mettiamo in contrpposizione uno con l'altro.

 

Analogo ragionamento vale per l'uomo che è un misto di necessità e libertà, due concetti che sono apparentemente contrapposti ma -specifica Hegel - vi è una concezione più alta "che ci dice che lo spirito è libero nella sua necessità, e che solo in esso trova la sua libertà, come la sua necessità riposa solo nella sua libertà".

 

Il concetto  astratto di libertà senza necessità  sfocia nel puro arbitrio ed è nel contempo un'opinione vuota, un concetto di libertà puramente formale.

 

Il terzo momento dello svolgimento è il risultato di questo processo in cui lo spirito  è un movimento concreto e non un concetto astratto in quanto, unendo i due momenti contrapposti, è la loro verità. Hegel specifica che il movimento non si dispiega come una linea retta che va verso un infinto astratto ma come un movimento circolare che ritorna in sè e alla cui periferia si trovano una grande quantità di circoli "il cui insieme costituisce una grande serie di svolgimenti, che si volgono su se stessi".

 

Il filosofare pertanto non è altro che un'atività descrittiva della realtà comparabile alla "nottola di Minerva" che si leva in volo quando la giornata volge al termine. La realtà quindi è già fatta o in divenire e il filosofo deve solo coglierne il movimento.

 

Fonte Immagine: https://www.flickr.com/photos/9361468@N05/2881902001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Protected by Copyscape Online Infringement Checker

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Hegel Georg Wilhelm F.

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link