Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
15 marzo 2014 6 15 /03 /marzo /2014 04:53

 

 

 

 

 

5832932142_c337773f82.jpg

 

 

 

LA FAMIJA POVERELLA

 

Quiete, creature mie, stateve quiete:

sì, fiji zitti, ché momò viè tata.

Oh Vergine der Pianto addolorata,

provedeteme voi che lo potete.

 

Nò viscere mie care nun piagnete:

nun me fate morì cusì accorata.

Lui quarche cosa l'averà abbuscata

e pijeremo er pane, e magnerete.

 

Si capissivo er bene che ve vojo!...

Che dichi Peppe? Nun vòi stà a lo scuro?

Fijo, com'ho da fà si nun c'è ojo?

 

E tu Lalla, che hai? Povera Lalla,

hai freddo? Ebbè, nun méttete lì ar muro:

viè in braccio a mamma tua che t'ariscalla.

 

 

 

 

 

 

 

 

COMMENTO DI CAIOMARIO

 

Dalla sterminata produzione di Giuseppe Gioacchino Belli (1791-1863) che conta oltre 2000 sonetti non è agevole scegliere quello più significativo, molti sono infatti i sonetti "memorabili" che meriterebbero di essere riportati in evidenza per la loro capacità di sintetizzare in pochi tratti una scena, uno stato d'animo, una credenza  dalle quali emerge una plebe romana misera e affamata ma nello stesso tempo vitale e a cui rimaneva, spesso, solo una religiosità vuota fatta di riti e parole o l'insulto quale unica via per manifestare la propria insofferenza.

 

La plebe della Roma del Belli è pronta con l'espressione becera a sfogare la propria frustrazione e la propria incapacità di reagire ad un mondo che sembra immobile e sempre uguale a se stesso.

 

Ne "La Famija Poverella" emerge una figura indimenticabile, quella di Lalla, la bimba affamata e infreddolita che la madre invita ad avvicianrsi per riscaldarla.

 

Desolazione, povertà, miseria......condizioni che non appartenevano solo alla Roma reazionaria e bigotta di Gregorio XVI, periodo in cui visse il Belli,  ma anche all' Italia odierna comprata con tante promesse e pochi denari. Oggi, come allora, grava una cappa di cinismo che si serve dell'inganno per comperare il consenso...

 

 

 

Nella foto in alto è immortalato il Monumento eretto in memoria di Giuseppe Gioacchino Belli, monumento che si trova a Roma nel rione di Trastevere (fonte: http://www.flickr.com/photos/9084427@N07/5832932142 dall'album di Yellow Cat).

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link