Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 ottobre 2012 5 12 /10 /ottobre /2012 04:40

siti di article marketing

Siamo sempre tesi tra sostenere Epicuro o Seneca, anche chi non ne ha mai approfondito il pensiero inconsciamente oscilla tra le due posizioni. Questo accade perché l'uomo dinanzi allo scorrere della vita, ai suoi imprevisti, alle sue gioie e ai suoi dolori, non ha una ricetta precostituita e cerca delle risposte ora in una, ora in un'altra strada. 
Quale sia la strada giusta da seguire non si può dire ma è possibile dire che non tutte le persone sono pronte ad accettare l'epicureismo come via alla felicità e al piacere. 
Per frequentazione dovuta a motivi di studio prima e di interesse dopo, ho letto sia i testi che numerose critiche alla dottrina di Epicuro. 
A differenza di quanto si possa pensare Epicuro è semplice da comprendere in quanto era solito pronunciarsi con delle sentenze brevi, attraverso delle massime che sono diventate celebrerrime e spesso -mi preme sottolinearlo- citate a sproposito, sono pochissimi infatti coloro i quali possono definirsi seguaci di Epicuro e fedeli ai dettami della sua dottrina. 

 

 

 

 

5904435402_fed3f2aa95.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/61429029@N05/5904435402

Tratta da Album di Javier Almodóvar

 

 


L'equivoco nasce da una cattiva interpretazione del pensiero di Epicuro dovuta alla malevola dannazione che lo ha "perseguitato" nei secoli. 
La lettura del volume può quindi costituire occasione per sgomberare il campo da questi equivoci e soprattutto dalla vulgata comune che epicureo significhi "crapula" che si abbandona ai piaceri dei sensi, niente di più falso e niente di più lontano dalla dottrina di un pensatore che continua ad affascinare per le sue teorie che trovo invece equilibrate e forse le unich percorribili quando non si riesce a dare risposta ad un termine come felicità e quando non si riesce a vivere con coerenza impegno e responsabilità. 

IL LIBRO 

  • Titolo: La felicità e il piacere 
  • Autore Epicuro 
  • Editore: Barbera (pubblicato nella collana "Parole per sempre" 
  • Anno di pubblicazione: 2005 
  • Pagine: 59 
  • Prezzo Euro 6,90 


L'ANGOLO PERSONALE 

Il volumetto ha il pregio di raccogliere tutte le massime e gli scritti distesi di Epicuro, la brevità del libro si spiega per il fatto che i testi che ci sono pervenuti sono assai scarsi; dobbiamo essere grati a Diogene Laerzio se possiamo conoscere una piccola parte delle sentenze di Epicuro. 
Anche se esistono una serie di fonti autentiche che ci permettono di integrare e conoscere la sua dottrina, leggere direttamente il suo pensiero continua ad esercitare una pregnante suggestione a distanza di oltre 2200 anni. 
Il pensiero di Epicuro ebbe nell'antichità un grande seguito, si pensi che in una villa di Ercolano vennero ritrovati dei papiri carbonizzati (ma ancora leggibili) dove erano contenuti testi epicurei ossia di coloro che -seguaci del maestro di Samo- elaborarono delle dottrine perfettamente aderenti al suo pensiero. 

Il concetto espresso da Epicuro è semplice: non possiamo raggiungere la conoscenza per se stessa, tanto vale cercare di ragiungere la massima felicità possibile. Non si può comprendere lo spirito del pensiero epicureo e il significato delle sue massime se non si comprende questo presupposto: non possiamo sapere più di tanto, non resta allora che cercare di essere felici. 

Epicuro parla di felicità e di piacere, è la felicità che porta piacere e non viceversa. Ecco il punto centrale del suo pensiero: non dobbiamo agitarci, è necessario garantire la tranquillità dell'anima da tutte le minacce esterne, bisogna quindi raggiungere una calma che Epicuro paragona quella che si può riscontrare in un mare tranquillo. E' questo l'obiettivo, il resto non conta. 
L'uomo deve vincere la paura ma anche la passione e il dolore (che deriva dalla passione), trovo la via indicata da Epicuro saggia perchè ogni passione distrugge l'uomo e lo fa vivere nel turbamento anche se è facile da dirsi, ma è diffcile da applicare con coerenza la sentenza epicurea. 

PORCUS DE GREGE EPICURI 

Chi è il porco del gregge di Epicuro? E' un'idea che non appartiene ad Epicuro, sono stati i suoi detrattori ad aver messo in giro questa definizione fuorviante, chi usa questa epsressione per il pensiero del filosofo di Samo, si sta riferendo in realtà (senza saperlo) ad Orazio Flacco che teorizzava il "carpe diem" cosa diversa dalla calma interiore di cui parlava Epicuro. 



APPLICAZIONE PRATICA DEI PRECETTI DI EPICURO 

Possono trovare applicazione nella vita quotidiana i precetti di Epicuro? Senz'altro a mio parere. Oggi più che mai. 

Cosa avrebbe fatto Epicuro davanti alle notizie negative che ci bombardano ogni giorno attraverso la televisione o la radio? Avrebbe spento la televisione quale fonte di agitazione e di angoscia. 
Cosa avrebbe fatto Epicuro dinanzi a una cartella esattoriale? Se poteva pagarla l'avrebbe pagata, se no non si sarebbe turbato più di tanto. 
E dinanzi alle azioni degli uomini quali dispetti ed invidie? Si sarebbe messo sopra una collina e avrebbe guardato senza farsi distrarre ne "appassionare" da queste piccolezze. 

E quale è il comportamente da tenere davanti alle leggi dello Stato? Vanno rispettate per motivi pratici, ma -sostiene Epicuro- volta le spalle alle beghe della politica e vivi nascosto. 
Discutibile questa posizione perché in tal modo niente cambierebbe, ma può essere una strada saggia, trasgredire per essere puniti non è da saggio -sostiene Epicuro- m vedere affondare gli ingiusti nelle sabbie mobili e non intervenire lo è. 


Libro da leggere, consultare e tenere come un prontuario per l'uso quotidiano, ognuno può trovare la sua massima e la sua sentenza da applicare nella vita di ogni giorno. 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Epicuro

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link