Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 agosto 2012 3 01 /08 /agosto /2012 07:24

"La figlia del reverendo" (titolo originale A Clergyman's Daughter) è un romanzo di George Orwell scritto nel 1935. La narrazione del romanzo è incentrata sulla storia  di una giovane donna di nome Dorothy Hare, figlia del reverendo Charles, un pastore anglicano che dirige la parrocchia di St.Athelstan nel Suffolk, a Knype Hill. Tra padre e figlia vi è una distanza caratteriale evidente: Dorothy è una ragazza che agisce con impegno e serietà, non dà nell'occhio e il suo aspetto fisico è trascurabile, il reverendo Charles ha invece un carattere dispotico, è un accentratore, è fiero e si trova a combattere contro i pregiudizi della gente a partire dai suoi parrocchiani.

Il reverendo è oberato dai debiti e per fare fronte ai suoi obblighi, si adatta a svolgere una molteplicità di lavori che gli creano un continuo stato di delusione, inoltre intorno a lui crescono tutta una serie di discorsi malevoli e inopportuni alimentati da un carattere che non accetta compromessi e che non gli permette di mettersi sullo stesso livello delle persone tutto sommato semplici e ignoranti che vivono nel piccolo centro agricolo di Knipe Hill.

 Dorothy è una ragazza remissiva che per tutta la vita è sempre stata ligia agli ordini del padre, il suo tempo è impegnato a tenere in ordine la casa, si dedica poi all'attività caritatevole e alla preghiera. Inoltre, quando Dorothy sente di aver commesso qualche cosa di sbagliato si autoaffligge colpendo le proprie mani con un grosso spillo per espiare atteaverso il dolore.

Un giorno accade un episodio che cambierà per sempre la sua vita: viene insidiata da un uomo, il signor Warburton, presa dal terrore perde i sensi e e la memoria. Non ricorda il suo nome, dove abita e perde persino la fede in Dio, una fede incrollabile vissuta più per abitudine che per spontanea adesione.

Per Dorothy è l'inizio di una vita di vagabondaggio che si trascina nelle zone malfamate e lorde di sporcizia di Londra,  la ragazza entra in contatto con un mondo fatto di disperati e di emarginati, vivendo nella più assoluta miseria conosce la fame e il freddo e  per sopravvivere si si umilia fino al punto di chiedere l'elemosina.

Si adatterà a lavorare come raccoglitrice di luppolo, dormirà con altri compagni di lavoro e si renderà conto, vivendo questa terribile esperienza, com'è la realtà dei poveri e dei disperati fino al giorno in cui recupererà la memoria persa, ma non riuscirà a riconquistare la sua profonda fede in Dio.  Infine Dorothy dopo aver recuperato il suo equilibrio interiore decide di tornare a Knipe Hill dove vi vivrà per sempre.

 

La  figlia del reverendo forse non si può ascrivere tra i capolavori di ogni tempo ma conserva intatta la sua attualità, i poveri non sono diminuti e sono molti coloro i quali da un momento ad un altro possono trovarsi nella situazione di vivere con gli ultimi degli ultimi. L'emarginazione non è sempre una condizione voluta e spesso non c'è un autore come Orwell che perlomeno gli dà dignità letteraria;  la povertà è qualcosa di terribile che dimostra come la nostra società sia in realtà dominata dall'egosimo e dalla carità pelosa. Leggere il libro permette poi di fare un viaggio nel degrado materiale e umano, condizioni queste per molti sono solo delle parole vuote di significato e in particolare per chi  parla a sproposito di sviluppo e di crescita solo in termini di consumi. Purtroppo quando ci sono molti che consumano inutilmente, ci sono tanti che vivono di privazioni, sarebbe bene che questo fatto venisse tenuto in considerazione da coloro i quali parlano di favorire i consumi al oltranza non preoccupandosi di coloro i quali vengono esclusi dai consumi essenziali per vivere.

 

 

Dettagli prodotto

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link