Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
18 luglio 2012 3 18 /07 /luglio /2012 05:25

SOFFERMANDOMI SULL'ARA DI CESARE 

Due anni fa andai al Foro Romano e mi sono soffermato davanti all'ara di Cesare, un tempietto eretto in onore del "dittatore democratico" romano; sono rimasto colpito dal fatto che vi erano deposti dei fiori, molti fiori freschi .Caio Giulio Cesare è morto nel 44 a.C. E' l'unico uomo di stato dell'antichità che continua ad essere ricordato e onorato. 

Racconto questo episodio perché la mia vicinanza con Cesare è legata soprattutto ai suoi scritti, come è noto infatti la sua fama non è legata solo alle sue imprese e alle sue conquiste, ma anche alle sue opere che oggi potremo definire storico-letterarie, ma che al tempo in cui vennero scritte erano dei commentari, dei diari in cui Cesare raccontava le imprese delle campagne militari di cui lui era l'unico e vero artefice insieme ai sui legionari. 

LA GUERRA CIVILE DI CAIO GIULIO CESARE 


L'opera originale si intitola "COMMENTARII DE BELLO CIVILI" e consta di tre libri, tratta della sanguinosa guerra civile tra Cesare e Pompeo che avvenne tra il 49 e il 48 a.C. 
Nello scritto vengono raccontati numerosi episodi alcuni dei quali notissimi come, ad esempio, il passaggio del Rubicone, dove venne pronunciata la famosa frase "Il dado è tratto", frase che NON si trova nel De bello civili. 

LA LINGUA PARLATA DA CESARE, UN ESEMPIO DI CHIAREZZA 

Anche chi non conosce il latino può comprendere la lingua parlata da Cesare, riporto solo come a titolo d'esempio, l'incipit di un passo famoso in cui Cesare descrive la Gallia Transalpina (si tratta di un passo tratto da un'altra famosa opera di Cesare il "De bello gallico"): 

"Gallis est omnis divisa in partes tres, quarum unam incolunt Belgae, aliam Aquitani, tertiam, qui, ipsorum lingua Celtae, nostra Galli appellantur". 

Anche andando a senso, il lettore italiano riesce a comprenderne il significato, Cesare aveva una capacità di sintesi rarissima, lo si potrebbe definire un giornalista ante litteram e uno stilista della bella scrittura. 
Sotto questo punto di vista La guerra civile  con il testo originale a fronte permette di avere una rigorosa traduzione e nel contempo di poter leggere il testo originale riportato a fronte. 

In questo modo anche il lettore moderno può sentire la voce di Cesare, capirne la personalità, comprendere il suo modo di pensare, ma anche inquadrarlo in tutta la sua faziosità di uomo teso a difendere fino in fondo il proprio operato. 

Senza dubbio il "De bello civili" è un'opera apologetica dove Cesare vuole dimostrare a futura memoria di aver operato sempre secondo ragione e secondo diritto. 


NOTA A MARGINE SU QUANTO VIENE RACCONTATO NELL'OPERA 

Al di là dell'aspetto linguistico, è inevitabile ragionare intorno al contenuto dell'opera da cui emerge un Cesare fiero di aver modificato la struttura dello stato a favore delle classi basse ossia di provinciali, centurioni e persino (per l'epoca) liberti (schiavi che aveva riconquistato di diritto la libertà). Naturalmente il quadro che emerge è sempre "secondo il racconto di Cesare", ma secondo Cicerone il vero responsabile della guerra civile fu proprio Cesare. 
Di contro Cesare dimostra tutto il suo risentimento nei confronti degli avversari arrivando a denunciarne l'operato illegale e arrivando ad appellarsi ai suoi legionari in modo che sedassero qualsiasi tumulto. Cesare aveva capito che l'unico suo solo oppositore era il Senato romano ma non il popolo che lo appoggiava e da fine politico qual'era, sapeva che proprio il popolo e l'esercito mai gli avrebbero girato le spalle....queste furono le ragioni per cui i congiurati decisero di eliminarlo, erano le famose idi di marzo. 



L'OPERA CHE DOVREBBERO LEGGERE TUTTI E IN PARTICOLARE 

"La guerra civile" dovrebbe essere letta da tutti ed in particolare da: 

  • tutti coloro i quali parlano oggi di Roma a sproposito; 
  • tutti coloro che confondono la squadra della Roma con Roma antica; 
  • tutti coloro che parlano sempre a sproposito di Galli, Celtici ed affini e di romani moderni confondendoli con quelli antichi. 
  • gli studenti dei licei classici e scientifici, se non altro perché, possono trovare tutti i brani tradotti delle versioni che, sicuramente, saranno loro assegnate; 
  • tutti coloro che ignorano che Roma antica non ha niente a che fare con la città di oggi; 
  • ai lettori moderni per comprendere che le tensioni sociali e politiche in terra italiana incominciarono ai tempi di Cesare.....non sono ancora finite. 



INFORMAZIONI SUL LIBRO

 

  • Listino € 9,50
  • Editore Garzanti
  • Collana I grandi libri
  • Data di pubblicazione 21/02/2008
  • Pagine 352
  • Lingua Italiano
  • EAN978881136728

 

 

 

la-guerra-civile.jpg

 

 

 

 

 

 

 Pompeo finì decapitato, Cesare morì pugnalato.....sic transit gloria mundi.

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura latina e greca

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link