Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 gennaio 2015 2 06 /01 /gennaio /2015 10:55

PREMESSA

Di Andrea Vitali mi piace la sua capacità di saper raccontare le cose comuni in modo non ordinario, "il suo punto di vista" assomiglia a quello di una telecamera messa su una piazza che riprende ogni cosa, anche le più minute. Raccontare una storia di una piccola comunità anche se romanzata conferendogli una discreta dose di epicità non è cosa facile. Qualche critico severo (che peraltro non ha scritto mai niente di rilevante) ha scritto che Vitali ha inaugurato la strada di un format e l'ha proseguita per gran parte della sua vicenda letteraria. C'è una certa dose di verità in questo, un po' come accade con Camilleri che con il suo Montalbano ha trovato la ricetta inossidabile per una fortuna letteraria che sembra non avere mai fine, Vitali ha anche lui la sua ricetta in cui l'ingrediente prevalente è  spesso la Bellagio degli anni Trenta con i suoi personaggi minori e i dialoghi comuni quelli che non fanno la grande Storia ma fanno parte dei valori condivisi e convissuti di una comunità e ne alimentano leggende, luoghi comuni, valori condivisi e convissuti, speranze e rancori, insomma tutto ciò che si ritrova in ogni comunità e che la rende tale.

IL MIO PUNTO DI VISTA SUL LIBRO

Nell'incipit del libro è riassunta il luogo e l'epoca storica dell'ambientazione del romanzo: siamo ancora a Bellagio, ma l'orologio del tempo va indietro di quasi cento anni rispetto ad altri racconti ambientati negli anni Trenta del Novecento: è il 1843.
 Vitali racconta la storia servendosi della penna come di un telescopio che guarda non dalla terra, ma dalla luna e si fa egli stesso luna, una luna che "stava lì a guardare i formicai del mondo".
Il romanzo prende le mosse da una storia sentita: "la leggenda del morto contento" e Vitali, probabilmente come molti abitanti di Bellagio, ha sentito innumerevoli volte questa storia al punto che ne ha sentito la necessità di toglierla dall'indeterminatezza del racconto orale per dargli una forma compiuta: quella scritta.
Ciò che è  confuso nell'immaginario collettivo prende forma,  i personaggi  e le vicende del romanzo diventano patrimonio di tutti i lettori:

  •  un sarto che nei suoi comportamenti rivela timidezza e che si figura con la fantasia di diventare un meteorologo;
  • una consorte lunatica e facilmente irritabile;
  • due giovanotti di famiglia agiata che muoiono in un naufragio;
  • un'autorità di polizia e giudiziaria dedita ai raggiri
  • ....e c'è la morte che aleggia ed è onnipresente e che viene su dall'acqua ferma del lago.


Il modo di raccontare queste vicende mi è piaciuto così come mi è piaciuta l'idea di partire da un paio di pantaloni che il sarto non riesce a trovare per dare inizio a una storia che assume tutti i contorni tragici della morte, dell'indeterminatezza e della paura.
Lugubre e con sentore di morte diffuso come devono essere tutti i romanzi noir che si rispettano, "La leggenda del morto contento"   ha questo ingrediente di fondo come elemento caratterizzante del genere ma -a mio parere- l'autore sa rompere lo schema precostituito e rende viva la storia con quel sottofondo di rumors presente in ogni comunità fatto di pettegolezzi e di malelingue.
Possiamo forse non gradire questo "bozzettismo" ma un racconto seppur romanzato non deve essere un  resoconto dell'autorità giudiziaria e nel linguaggio di Vitali anche ciò che è nero e lugubre diventa parte viva anche se il trapassato crea un turbamento nel lettore ed è quello che ci vuole per un romanzo "nero" che si rispetta. Rilevo dalla lettura del libro anche un interesse apprezzabile per la storia minore e per le tradizioni popolari di cui le leggende come i miti fanno parte integrante, il merito di Vitali è di aver saputo porre la leggenda del vivo-morto come elemento caratterizzante della comunità di Bellagio quasi come se avesse voluto dedicare un ossequioso omaggio agli antenati del paese lacustre. Una correlazione spazio-temporale che il lettore più accorto sicuramente rileverà e apprezzerà.

L'estate scorsa avevo letto "La figlia del podestà" e mi era piaciuto, lette alcune recensioni troppo severe  su "La leggenda del morto contento"  ho deciso - per spirito di bastian contrario- di leggerlo. Non ne sono rimasto affatto deluso pertanto ne consiglio la lettura.


SCHEDA DEL LIBRO

Titolo: La leggenda del morto contento
Autore: Andrea Vitali
Editore: Garzanti
Anno di pubblicazione: 2011
Pagine: 240

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link