Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 agosto 2012 5 03 /08 /agosto /2012 06:54

saldatrici

 

La lettrice dei destini nascosti

 

 

 

 

 

La conversione di un attore o di un'attrice alla scrittura è spesso il naturale approdo di un'artista che non si accontenta solo di rappresentare ed interpretare, ma vuole anche dare libero sfogo alla creatività lasciando la propria impronta in una sua opera. Ed è questa probabilmente la ragione che sta all'origine dell'attività di scrittrice di Adriana Asti, già bravissima interprete di pellicole che hanno fatto la storia del cinema italiano. 
Ricordiamo sempre con grande piacere le sue interpretazioni in film come "Salon Kitty" e "L'eredità Ferramonti", ma dopo la lettura de "La lettrice dei destini nascosti" si apprezza lo stile chiaro e piacevole che riesce a comunicare efficacemente una storia che interessa, attrae e induce alla riflessione  il lettore. 

Abbiamo nella trama un mondo con il quale ho avuto occasione di conoscere da vicino quando ero piccolo: quello dei ciechi; un mondo dove vi è molta più luce di quanto si possa comunemente pensare e dal quale si può sempre cogliere un messaggio di speranza anche per i normalissimi che pensano di vedere tutto e soprattutto di sentire ogni cosa. La storia ha come protagonista una giovane donna, Augusta che svolge un lavoro particolare: legge per i ciechi. I problemi legati all'handicap però sono solo un particolare, è la protagonista che vive la mancanza, una mancanza illusoria e fatta di certezze solo apparenti. Augusta è infatti pienamente occupata ha i suoi libri, la sua attività, una vita tutto sommato tranquilla ma la sua bontà messa volutamente a disposizione degli altri non può bastarle. 
Fino a quando decide di rispondere ad un'offerta di lavoro che le permette di continuare il suo lavoro di lettrice mettendola in contatto con una donna malata di tumore fino a quando anche Augusta in quel contesto familiare fatto di dolore e in cui si preannuncia una fine scontata, scopre l'amore per sé. 

Sono possibili diverse chiavi di interpretazione del racconto, ma anche volendo essere aderenti al testo, abbiamo tratto alcune brevi e personalissime considerazioni: non basta la pietà per avvicinarci alle persone escluse a meno che questa pietà non basti a se stessa.

E ad Augusta questa pietà e questa vocazione non basta per quanto il suo mondo le dia un apparente senso di soddisfazione e sia pieno di interessi che la riempiono. L'uomo non è infatti qualcosa che vive solo di se stesso, ha bisogno degli altri ma ha bisogno soprattutto di ricevere amore e non solo di darlo. 
Se è consentito un paragone la storia di Augusta assomiglia a quella di una pianta che per vivere ha bisogno della fotosintesi: quel processo in cui le piante verdi trasformano l'anidride carbonica e l'acqua in ossigeno e carboidrati per vivere. 

Un bel libro, una bella storia ben scritta e dal finale non scontato.

 

INFORMAZIONI SUL LIBRO

  • Autore: Adriana Asti
  • Titolo: La lettrice dei destini nascosti
  • Editore: Piemme
  • Pagine:112
  • EAN 9788856606232

 

 

Articolo di proprietà dell'autore già pubblicato altrove 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link