Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 agosto 2012 3 01 /08 /agosto /2012 18:27

 

5084954064_b1b3915a5a.jpg

 

 

 

 

 

LA STORIA DEI TROTTA : quando i "franzosi" stavano coi sardi e i piemontesi. 

Chi era il Trotta? Era il progenitore dei Trotta che aveva combattuto nella battaglia di Solferino nel 1859, da una parte c'erano gli austriaci , dall'altra parte l'esercito franco-sardo (sardo perchè la Sardegna era parte integrante del regno Sardo-Piemontese...la Sardegna era già unita........e sardi erano molti fanti), il Trotta era uno che non sbagliava un colpo e gliele dava ai franco- sardo-piemontesi, eccome se gliele dava, dall'altra parte i sardi, piccoli e terribili ( allora i sardi erano piccoli e terribili soldati). Il Trotta salvò zio Beppe (Francesco Giuseppe) e si frantumò la clavicola, chi sparò il colpo? Forse un "franzoso", un piemontese o un sardo...sta di fatto che il Trotta diventò l'eroe di famiglia. 

Chi era il Trotta? Era un italiano o meglio era un suddito fedele agli austro-ungarici e suo nonno aveva combattutto con Radetzsky , un italiano di orgine slava, Giuseppe era coraggioso, ebbe come la massima onorificenza: l'ordine di Maria Teresa. 

 

 

 

6335449854_2bbf3afa0b.jpg

 

http://farm7.static.flickr.com/6211/6335449854_2bbf3afa0b.jpg

  • Primo inserto: L'Unità d'Italia è una cosa complessa, da studiare prima di tutto, perchè non in tutti era nel cuore l'Italia, i confini allora erano diversi e diversa era la cultura..........il Trotta era un pò come il Trota! 


....ed era uno che avrebbe preferito morire al suono di una banda militare e in particolare quello della MARCIA DI RADETZSKY. 

  • Secondo inserto: Sul significato degli inni.....ci sarebbe da dire molto, tuttavia è curioso conoscere aspetti che sono stati "addomesticati" ad uso dei contemporanei, non sempre sono dei momenti identificativi di un paese e le ragioni storiche, non si può far finta che non esiste una polemica nei confronti dello stato unitario. A Bolzano c'è il presidente della provincia che non ha voluto festeggiare, dica allora da che parte vuole stare.........se dalla parte dei Balilla o di Radetzsky.........Trotta non aveva paura di essere corente e le scelte le fece in modo chiaro..........è proprio su questo che dobbiamo fare chiarezza!!!!!! 


Joseph Roth ci porge con eleganza uno spaccato di quel mondo e lo fa con la padronanza di chi potrebbe essere un eccellente soggettista come Mazzini lo fu per l'Unità d'Italia, c'è uno spirito nostalgico nel ripensare al periodo dell'Impero e il suo è forse un romanzo apologetico? C'è molto odore di cavalleria in queste magnifiche pagine dove il particolare diventa il "metodo" per illustrare quel mondo che oltre che di cavalli sa di tabacco vecchio, tabacco da presa e di zuppa fumante. 

I grandi scrittori no sono soliti usare la retorica, vergano con la penna come il pittore fa con il pennello. 

  • Terzo inserto: Roth, ritaglia dei quadretti che entrano nell'immaginario e ci fanno sentire l'odore della zuppa fumante e del tabacco da presa e poi di legumi, spinaci scuri e teneri ravanelli. 


Leggere la storia dei Trotta e del sottotenente, Carlo Giuseppe, barone di Trotta è scorrere la storia di quel periodo in cui l'Italia era austriaca....un bel libro che merita di essere letto. 

  • Quarto inserto: Abbiamo parlato di Balilla........avete mai letto il testo di Goffredo Mameli? Quello che si canta è una parte, un'altra parte è stata tolta, riporto alcune strofe: 


"i bimbi d'Italia/si chiaman Balilla" 

"Già l'Aquila d'Austria /le penne ha perdute" 


....................versi dimenticati ed omessi....scritti da Goffredo Mameli, ma il pennuto austriaco.....con i "franzosi" e i sardi piemontesi le penne le aveva davvero perdute.

 

INFORMAZIONI SUL LIBRO

 

Titolo: La marcia di Radetzky

Autore: Joseph Roth

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Pagine: 432

Data di pubblicazione: 24/04/1996

Prezzo. 13 euro



 

 

La Marcia di Radetzky

 

Fonti Immagini: http://farm5.static.flickr.com/4154/5084954064_b1b3915a5a.jpg;

                       http://farm7.static.flickr.com/6211/6335449854_2bbf3afa0b.jpg.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link