Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 maggio 2014 4 01 /05 /maggio /2014 14:44

 

ALBERTO MORAVIA

LA NOIA

Moravia-Alberto-copia-1.JPG

 

I critici letterari sono concordi nell'affermare che Alberto Moravia possa essere definito l'iniziatore del romanzo borghese, eppure abbiamo dei precedenti illustri, tra i quali va annoverato senz'altro Italo Svevo che espresse le  frustrazioni  di unal classe sociale in una prospettiva del tutto individuale.
 Moravia per primo affronta la realtà borghese da una punto di vista del tutto particolare con una lucidità unica che lo porta a raccontare quella crisi esistenziale che è sempre stato il tema di fondo dominante della sua produzione letteraria.
Nel racconto si respira  quel clima laico ed illuminista che ritroviamo in buona parte della letteratura francese influenzata dall'esistenzialismo filosofico, del resto il suo primo romanzo  Gli indifferenti rientra a pieno titolo entro i canoni di quel filone esistenzialista che ebbe successo anche in Italia.
Tuttavia Moravia sviluppa il realismo in altro modo non sbilanciandosi mai verso la letteratura di consumo che a partire da quegli anni diventerà un genere così popolare e diffuso  di cui ne avvertiamo ancora l'eco e di cui è innegabile l'influenza  anche nella successiva produzione televisiva che si svilupperà a partire dagli anni '60.
Nonostante questa particolare prospettiva di intendere il realismo, ci si è chiesti se Moravia potesse essere un autore "cinematografico" e al di là di ogni schematismo  letterario,sembra che le prove ben riuscite tradottesi nel grande schermo abbiano sciolto ogni dubbio.

Lo spazio intecorrente tra la pubblicazione de Gli Indifferenti (1929) e La noia (1960) e di oltre un tentennio, un periodo lungo nel quale erano avvenuti dei formidabili cambiamenti, l'evento della Seconda Guerra mondiale aveva cambiato profondamente il modo di rapportarsi al presente e al futuro, nuove sfide aspettavano le generazioni postbelliche, prima fra tutte quella della ricostruzione.
Molto del cosiddetto "miracolo economico" ha avuto come motore propulsore proprio quest'ansia rigeneratrice che non ha coinvolto solo la classe borghese, ma anche il sottoproletariato che per la prima volta aveva intravisto la possibilità di migliorare la propria condizione economica grazie alle nuove opportunità che le mutate condizioni offrivano.

A differenza di Pasolini, Moravia però non si occupa del sottoproletariato che spesso è del tutto assente in una parte de suoi romanzi ad eccezione di  Agostino, ma del resto  non fu mai un intellettuale organico e tanto meno marxista anche se per un certo periodo pensava che all'insensatezza borghese potesse esserci l'alternativa del "popolo", inteso come classe popolare.
Ed è proprio ne "La noia" che ritorna il tema dell'insensatezza borghese, ma se ne "Gli indifferenti", l'indifferrenza a cui non era estranea una certa dose di cinismo più che una condizione esistenziale era una sorta di atteggiamento tipico di una borghesia dedita agli imbrogli e all'erotismo, ne La noia più che di indifferenza si deve parlare di abulia, di apatia, di un'incapacità di relazionarsi con gli altri a qualsiasi livello.
È proprio Dino la figura più penosa ( nel senso proprio che provoca un senso di pena e commiserazione) del romanzo, una figura emblematica, classico rappresentante del più deleterio gallismo che una volta si definiva italico, ma che ora è andato oltre i confini del Bel Paese.
La vita di Dino è mercificata in ogni suo aspetto, tutto conta in relazione al denaro e ogni suo atto è condizionato dalla madre che conoscendo il figlio, gli "butta" letteralmente il denaro addosso ogni qualvolta Dino ne ha bisogno.
L'incapacità di riappropriarsi della propria vita è vano, Dino è afflitto da una vera e propria impotenza ad agire in modo costruttivo anche quando conosce una donna, una bellissima modella di nome Cecilia.
 Cecilia è cinica, opportunista, attratta dal denaro e dalla bella vita, pronta a tradire quando se ne presenta l'occasione, quella che con un'espressione efficace si potrebbe definire "la scarpa giusta per il piede"; Dino ne è affascinato ed attratto ed è disposto ad accettare qualsiasi compromesso pur di tenerla e mantenerla.
Patetico è Dino quando scopre che Cecilia ha un amante, accetta tutto, qualunque cosa, poi disperato decide di uccidersi lanciando la sua autovettura contro un albero.
Il gesto è disperato ma è peggio quello che accade dopo, si salva e vive come un relitto, tuttavia scopre che forse la vita va accettata così come'è e che è vano ogni tentativo di ribellarsi.

Lo stile di Moravia  è realistico, sa entrare nella mentalità dei personaggi e sa guarda la realtà da quella prospettiva, uno stile che ha affascinato tanti lettori che hanno trovato nei personaggi dei suoi romanzi una parte di loro: Questo forse  spiega (almeno in parte) il suo successo.


Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link