Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
2 settembre 2012 7 02 /09 /settembre /2012 05:20

contatore sito web

 

 

È possibile essere autori seriali di  romanzi gialli  riuscendo sempre a scrivere racconti di qualità ? In altre parole un autore può essere prolifico mantenendo sempre alta la tensione e tenendo sempre vivo l'interesse dei lettori? Visti i precedenti illustri, uno su tutti quello di Georges Simenon con la serie infinita di Maigret, la risposta è affermativa, ma senza scomodare il passato un altro esempio emblematico è quello di Andrea Camilleri con il suo commissario Montalbano. Jeffery Deaver rientra nella categoria degli autori che sanno costruire bene le storie e che hanno un grande seguito di affezionati, ha talento ed è vicino al gusto dei lettori moderni.

"La strada delle croci" forse non è il miglior racconto di Deaver ma bisogna riconoscere che l'autore statunitense riesce sempre a tenere alta la suspence intessendo storie originali che sanno leggere ed interpetare molti aspetti della realtà. Deaver non è Simenon, è meno artistico ma non è mai in crisi di ispirazione e sa spiazzare, quel che basta per essere un buon autore di thriller; se poi al racconto si unisce l'aggancio con la realtà, la prospettiva per il lettore si fa ancora più interessante.

Ma procediamo con ordine: tutto ha inizio con una croce posta lungo una strada dove è apposta una data postuma, la croce è stata eretta per commemorare la vittima di un incidente stradale, la morte non si è veirificata ma è annunciata.  Lungo la strada vi sono altre croci e tutte hanno la stessa caratteristica: preannunciano delle morti che si verificheranno. Uno scherzo, una coincidenza o il disegno di un serial killer? I sospetti cadono su Travis Brigham, un diciasettenne appassionato di internet che diventa oggetto di pesanti accuse da parte di un blogger, tale Chilton  che lo incolpa di essere il responsabile di un incidente stradale che ha provocato la morte di due sue amiche.

Le indagini  per scoprire l'assassino sono condotte da Kathryn Dance, un'investigatrice del California Bureau of Investigation esperta nella decodificazione del linguaggio corporeo, dallo sceriffo Michael O'Neill e dal consulente informatico John Boling. Una triade  ben assortita che ha un solo obiettivo: scoprire il serial killer e farlo nel più breve tempo possibile......

Fin qui una trama avvincente, ben costruita e degna delle migliori aspettative da parte degli amanti del genere; alcuni lettori si aspettavano maggiore velocità d'azione e hanno rimproverato a Deaver di avere rotto il ritmo del romanzo con pause che tolgono suspence e mordente. Non siamo d'accordo, la lotta contro il tempo e la velocità non sono affatto sinonimo di racconto convincente. Il lettore ha bisogno di elaborare e di pensare, non solo di consumare un racconto che corre veloce come una macchina nell'autostrada; "La strada delle croci" è un libro abbastanza inquietante senza che la scia delle morti  abbondanti faccia perdere di vista altri aspetti che inducono alla riflessione chi ne affronta la lettura. Le accuse ad esempio che il giovane Travis riceve dal blogger assomigliano alla famosa aria del Barbiere di Siviglia che recita: "La calunnia è un venticello, un’ auretta assai gentile che insensibile sottile leggermente dolcemente incomincia a sussurrar. Pian piano terra terra va scorrendo va ronzando: nelle orecchie della gente s’introduce destramente e le teste ed i cervelli fa stordire e fa gonfiar..". 

La differenza però tra la "poesia" di Rossini che diede una certa dingità artistica alla calunnia e quella descritta da Deaver, merita una riflessione: cambiano i sistemi di comuinicare ma l'istinto di inoculare il sospetto è sempre una tentazione che hanno alcuni individui che spesso trascinano nel baratro  del sospetto persone del tutto estranee a questa o quell'accusa. Non è la rete il problema, la rete velocizza ma non ha inventato il vizio della calunnia,  la pratica delle lettere anonime è simile a quella di chi  lancia accuse da un blog nascosto dietro un alias che gli garantisce un certo anonimato, ma l'intento è il medesimo. Deaver facendo riferimento alla realtà dei social network ha bisogno di  inserire qualche  momento di pausa e ne ha bisogno anche  il lettore che saprà apprezzare la presenza di  diversi elementi di originalità. Non è solo  il colore grigio della morte a rendere interessante un thriller.

 

 

SCHEDA DEL LIBRO

  • Titolo: La strada delle croci
  • Autore: Jeffery Deaver
  • Editore: RL libri
  • Collana Superpocket Best thriller
  • Anno di pubblicazione: 2012
  • Pagine:498
  • Prezzo di copertina. Euro 6,90
  • EAN 9788846211279

 

 

La strada delle croci

 

 

 

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link