Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 marzo 2012 7 04 /03 /marzo /2012 16:36

Sono trascorsi ormai cinquant'anni dalla tragica morte di Cesare Pavese che a poche settimane dalla consacrazione ufficiale del Premio Strega si uccise in un albergo di Torino, eppure i suoi scritti continuano ad essere scoperti dalle nuove generazioni in quanto la sua opera è una tra le più emblematiche e sofferte del nostro tempo. 

"Lavorare stanca" è una raccolta di liriche che nascono in un contesto completamente diverso rispetto a molta dellla poesia di quegli anni;oggi, rileggendo quelle pagine si può riscoprire un intellettuale in continua ricerca di se stesso, un uomo di pensiero che visse una profonda lacerazione dovuta all'impossibilità di aderire a quelle scelte a cui una generazione intera scelse di acconsentire. 

"Lavorare stanca" è una raccolta di poesie su cui Pavese mise più volte mano, aggiungendo, togliendo, riadattando ma anche nella prima forma pubblicata nel 1936 è presente lo stile di Pavese caratterizzato da un intenso lirismo che si incontra con i miti a cui lo scrittore langarolo attinse per tutta la vita. 

Soffermiamoci su questo verso: 

"Camminiamo una sera sul fianco di un colle, 
in silenzio.......................................... .............." 

In questo famosissimo verso che apre la prima raccolta, c'è la forma della poesia di Pavese, definita poesia-racconto e che lui stesso definì come il ritmo del suo fantasticare. 

Merita una particolare segnalazione la lirica "I mari del sud", che rifiuta ogni forma di ermetismo e di linguaggio criptico, Pavese è chiaro, quando scrive, la sua prosa è poesia e la sua poesia è prosa, racconto, crea personaggi, invoca il paeaggio fatto di colline, fiume, mare, alberi, erba, animali della campagna, il cugino ricordato è visto come "un gigante vestito di bianco" e poi il mito della terra e il suo profumo che lo avvolge.. 

Sarà questo mito della terra e delle Langhe, che lo legherà fino all'ultimo giorno della sua vita e che ricorre in molti dei suoi scritti, a contrapporsi per anti-patia alla città che "gli ha insegnato infinite paure" dove "una folla, una strada lo hanno fatto tremare" dove gli sguardi degli altri gli appaiono inquisitori come se venisse spiato.. 

E' sicuramente con questo mito che la cultura italiana è nata e prima di essere urbana, è stata rurale nel ritmare armonico dei tempi della vita e nei valori condivisi e convissuti, a questa parte di cultura Pavese non sa rinunciare; senza dubbio la campagna vista da Pavese non è quella del contadino ma è quella dell'intellettuale che negli antichi riti di sangue e della riproduzione, vuole rintracciare il valore autentico dell'esistenza, ma proprio in questa ricerca, Pavese riscopre la sua inguaribile solitudine. 

La città acuisce il senso di solitudine e di sdradicamento e lì nella città sente tutta la sua estraneità verso quel mondo che così poeticamente esprime: 

"Sento ancora negli occhi la luce beffarda 
dei lampioni a migliaia sul gran scalpiccio

La raccolta è un tornare all'indietro, un viaggio verso le origini dove le Langhe, quelle suggestive zone del Piemonte sudoccidentale, assurgono metaforicamente al luogo dei luoghi in cui è possibile rintracciare l'uomo nella sua primitiva autenticità, ma in questa ricerca non c'è nulla di consolatorio perchè anche in quel mondo si ritrovano violenza, sangue e sopraffazione. 

Per capire in fondo lo spirito della raccolta, bisognerebbe anche leggere un'altra opera di Pavese intitolata "La luna e i falò", opera scritta nel 1950 e che dimostra come lo scrittore piemontese non si sia mai staccato da quel percorso che incomincia con "Lavorare stanca" e che ha sempre avuto come obiettivo la dolorosa ricerca della propria identità.
 
Andiamo incontro alle buone letture, qualcosa troveremo.. questo ci aiuterà a capire una parte di noi.............. 

 

 


 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link