Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 settembre 2012 7 09 /09 /settembre /2012 06:27

contatore gratuito

"Le ceneri di Gramsci" è il titolo di un poemetto di 400 versi scritto nel 1956 da Pier Paolo Pasolini; si racconta che lo scrittore friulano era a Roma e nel corso di  una serata estiva  incominciò a riflettere sul proprio passato cercando di sconfiggere il senso di pessimismo che lo attanagliava; poi il ritorno a casa dove trascorse un notte insonne  nel tentativo di razionalizzare il proprio passato. La mattina la vita riprese con i rumori dei lavori di un cantiere che si trovava vicino alla casa del poeta. 
E' questo il punto più bello del poemetto, il lavoro di una dozzina di operai e il rumore di una vecchia benna "che cieca sembra,cieca/sgretola, cieca afferra" evocano nel poeta il senso del dolore. 

Pasolini scrive: 

 
"A gridare è, straziata/ da mesi e anni di mattutini/sudori - accompagnata/ dal muto stuolo dei suoi scappellini,/la vecchia escavatrice: ma, insieme, il fresco/ sterro sconvolto, o, nel breve confine. 

Si tratta di versi bellissimi densi di significato in cui il Poeta coglie il grido della vecchia scavatrice accompagnata da un gruppetto di operai, la benna scava e insieme a lei grida la terra ferita, ma sembra gridare tutto il quartiere ferito. Il pianto della benna, della terra e di tutto il quartiere è il pianto di tutto il mondo, è il pianto del Poeta e della sua disperata voglia di gridare il suo dolore. 
Ma quello del Poeta non è solo il pianto esistenziale e personale, è il grido disperato "per ciò che muta/anche per farsi migliore". 

Ad un certo punto nel pometto si trova l'espressione "impeto gobettiano", Pasolini si riferisce a Piero Gobetti l'intellettuale liberale morto in seguito alle percosse subite dai fascisti. Il riferimento e l'attenzione di Pasolini è verso la personalità di Gobetti che tentò di unire le istanze liberali con le esigenze della classe operaia dimostrando per gli anni Venti una straordinaria modernità. 

Bellissimi sono poi i versi che connotano gli operai intenti al lavoro, scrive Pasolini :

" ....verso questi operai. che muti innalzano, nel rione dell'alto fronte umano/ il loro rosso straccio di speranza". 

 Il rosso indica il simbolo dei paesi di sinistra dell'epoca: la bandiera rossa; lo straccio è un modo efficace con cui Pasolini descrive la povertà e l'umiltà dei lavoratori senza che questo termine abbia un intento dispregiativo. 
Pasolini poeta traspone in versi quelle atmosfere che troviamo in molti suoi romanzi in cui vengono raccontate le storie del sottoproletariato urbano. In tutta l'opera pasoliniana si trova una connotazione positiva verso la corporalità e la sensualità popolare in contrasto con tutta la poetica del Novecento che cerca il bello nell'arte e nella natura; la classe operaia suscita in Pasolini emotività ma soprattutto adesione , solidarietà e pietà. 
Un'altra caratteristica evidente del poemetto è l'intreccio tra la propria situazione privata e la dimensione pubblica degli eventi, la poesia diventa lo strumento per esprimere il proprio abbandono emotivo vissuto nella mente e sofferto nella carne. 


E infine una curiosità,nel poemetto Pasolini cita due luoghi molto noti a Roma: Viale Marconi e la stazione di Trastevere, nel periodo in cui scrisse i versi, queste due zone erano zone frequentate quasi esclusivamente dalle classi meno abbienti.

 

SCHEDA DEL LIBRO

 

  • Titolo: Le ceneri di Gramsci
  • Autore: Pierpaolo Pasolini
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Garzanti Novecento
  • Anno di pubblicazione: 2009
  • Prezzo di copertina: euro 10,00

 

 

 

IMGP6352 P

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link