Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 ottobre 2012 3 03 /10 /ottobre /2012 07:11

contatore visite

Molte delle soluzioni utilizzate dalle forze armate germaniche sono ancora oggi in uso (rivedute e adattate ai tempi attuali) , in questo bel libro illustrato è possibile conoscere le variegate uniformi che venivano impiegate dai militari tedeschi. 

Non tutti sanno che molti dei combattenti della seconda guerra mondiale non facevano parte di un esercito disciplinato ed inquadrato pur potendo contare su un numero, spesso rilevante, di individui. 
Al contrario di quanto avveniva per gli "irregolari", i soldati tedeschi erano ben equipaggiati e molte delle soluzioni utilizzate per le tenute di combattimento, sono ancora impiegate dai molte forze militari moderne. 
E' il caso dell'M 35, l'elmetto in dotazione alla "Wehrmacht", un elmetto dotato di una vistosa falda concepita per proteggere tempie e nuca. 
Sarà capitato a molti di vedere dei documentari in cui sono in azione i militari statunitensi e notare che l'elmetto da loro indossato è una rivisitazione moderna del famoso M 35. Le ragioni per cui ancora oggi si preferisce quell'elmetto ad altri è dovuta semplicemente al fatto che nessun modello è in grado di fornire la medesima protezione dell'M 35. 

Nel libro di Paolo Marton e Giorgio Vedelago intitolato "Le uniformi tedesche della seconda guerra mondiale" è presente un vero e proprio catalogo delle uniformi impiegate dai soldati tedeschi e dai corpi speciali germanici. Per ricostruirne la storia sono state utilizzate le documentazioni fotografiche originali che hanno permesso di illustrare, con dovizia di particolari, le tenute di combattimento, da parata e d'ordinanza delle forze germaniche. 


I TEDESCHI INVENTORI DELLA GUERRA LAMPO


La storia si può comprendere facendo ricorso ad esempi e soprattutto a comparazioni: la seconda guerra mondiale, oltre che un immane conflitto in cui sono morti milioni di uomini, è stata una guerra in cui la velocità d'azione fu un elemento determinante per tutti gli eserciti, sotto questo punto di vista quel conflitto fu il primo confronto militare moderno in cui venne abbandonata la logica della guerra di posizione che fu una caratteristica peculiare, invece, della prima guerra mondiale. 
I tedeschi furono gli inventori della guerra repentina (emblematiche a tal riguardo sono le foto in cui vengono ritratti i soldati tedeschi che nel 1939 rimuovono il cippo confinario della Repubblica polacca) e in questa nuova concezione della guerra un ruolo fondamentale lo ebbe anche l'equipaggiamento. 
Ad esempio il paracadutista tedesco (Fallschirmjager) calzava un elmetto di modello speciale che rispetto all'M 35 era più leggero ma nello stesso tempo più protetto in quanto era dotato di una speciale imbottitura che riparava la testa, aveva poi un telino mimetico che oggi è utilizzato dai militari di tutti gli eserciti. 
Sopra la divisa indossava un ampio e comodo giaccone studiato appositamente per portare una quantità maggiore di munizioni senza che fosse necessario indossare sulle spalle ingombranti zaini. I pantaloni erano, poi, studiati in modo da non creare impacci durante il lancio.

Tirando le somme: il libro è  ben curato, è  ricco di illustrazioni ed è consigliato agli amanti della storia militare. 

 

Articolo di proprietà dell'autore pubblicato in forma modificata anche altrove. 

 

4502667184_0bc823eb7d.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/29998366@N02/4502667184

Album di  Nationaal Archief

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Storia

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link