Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 gennaio 2013 4 03 /01 /gennaio /2013 22:12

contatore visite

 

Foto0229.jpg

 

 

 

Gustave Flaubert è ritenuto uno dei più grandi scrittori della letteratura di ogni tempo, eppure per tutta la vita non fu mai consapevole della sua bravura al punto che provò tutti i generi letterari e tentò pure di avvicinarsi al teatro, forse il suo più grande amore, quello non corrisposto. 

Come molti autori, i critici della letteratura hanno raccolto l'epistolario di Gustave Flaubert impedendo in tal modo che anche questa parte della sua opera andasse perduta. 
"Lettere a Louise Colet" non è un libro che nasce come tale, ma è una raccolta postuma delle lettere che il Signor Gustave Flaubert, insigne letterato, inviò alla sua amata, tale Louise Colet. 

Ammettiamo che leggendo queste lettere si può provare un certo disagio ma solo per il fatto che ci è sembrato di violare un'intimità che purtroppo ora può essere sotto gli occhi di tutti, complicanza questa che affligge tutti coloro che sono destinati alla fama eterna. 

LE TUE PANTOFOLINE SONO LI' SOTTO GLI OCCHI MENTRE SCRIVO 

"Le tue pantofoline sono lì sotto gli occhi mentre scrivo...." Louise era piccolina? Che numero di scarpe portava? Mah curiosità che poco servono a chi ama le opere di Flaubert, ma sono utilissime per ricostruirne la personalità. 
Flaubert pensava a Louise, leggeva e rileggeva le sue lettere e poi le riponeva in un sacchetto ricamato, che incredibile delicatezza mostrava Gustave! Quale uomo oggi stamperebbe una email e poi la riporrebbe in un sacchetto ricamato e profumato? Probabilmente nessuno e la missiva elettronica sicuramente andrebbe a finire nel "cestino telematico". 
Flaubert scriveva in una carta orlata di nero (un po' funerea non credete?) ed era solito passare gran parte delle serate con Louise e dove andavano i due amanti? Non certo in uno dei tanti centri commerciali che sono diventati luoghi di aggregazione anonimi e che allora ovviamente non esistevano, ma lungo dei viali alberati illuminati dalla luce fioca dei lampioni a lanterna; i due piccioncini stavano adagiati mollemente su di un calesse dondolante e probabilmente si tenevano per mano vagando per la Parigi notturna di metà Ottocento.  Gustave era davvero un romanticone, con quei baffoni e l'aria da burbero non si direbbe proprio! 

E mentre il nostro baffuto letterato scriveva con penna e calamaio, ripensava al tempo trascorso con la sua Louise e ai movimenti del piedino di lei nella pantofolina calda (era una fissazione, va bene che i piedi possono essere un simbolo di attrazione erotica, ma ci è sembrato molto insistente sulle estremità inferiori e sulle pantofole). 

Molte delle lettere terminano con "Tutte le tenerezze che vorrai", insomma Gustave era un coccolone romantico avvezzo alle tenerezze.

In una lettera Flaubert scrive di sentirsi a pezzi e che l'amore per Louise lo ha inebetito e sfiancato e le dice di averla trovata di "una squisita dolcezza", ma si confessa ammettendo di essere un uomo che non crede più a niente, neppure a se stesso e si rivolge dicendole "tu sei una bambina"; probabilmente, oltre all'atteggiamento di lei alquanto infantile (a detta di lui), tra il satiro romantico e la ragazza dal piccolo piede, vi doveva essere una notevole differenza di età.

SÌ TI DESIDERO PENSO A TE 

É una costante....ripensa a Louise ai suoi piedi ma anche ai boccoli che scendevano sulle spalle bianche e ricorda  a Louise che i suoi baci sono pieni di calore, di passione, ma avverte anche il senso della fine dicendole: 

 
"La contemplazione di una donna nuda mi fa pensare ad uno scheletro", ma le dice che il suo amore è così forte che grazie a lei ha conosciuto l'amore vero mentre prima per calmare l'ardore che provava per alcune andava a spegnerlo da altre; Gustave a quanto pare era romantico ma amava l'amor profano a cui seguivano intermezzi di astinenza totale. 

ORE 11 DELLA SERA 

"Contemplo le tue pantofole, il fazzoletto, i tuoi capelli e il tuo ritratto"....insomma quella delle pantofole e dei piedi è una  vera e propria fissazione, infine chiude con "Mille baci, mille baci dappertutto, dappertutto" (due volte). 
E udite udite: sentiva l'odore delle lettere che profumavano di odore muschiato, qui si può pensare di tutto, forse era muffa? Mah, anche questa è una curiosità che purtroppo non potrà essere soddisfatta. 

Altre curiosità

  • Gustave scriveva nelle ore notturne, tra le 11 di sera e l'una di notte, ma riattaccava con un'altra lettera il giorno dopo alle 10 della mattina, preferibilmente di domenica. 
  • Per mitigare la nostalgia legata alla lontananza di Louise aveva messo un suo ritratto sul suo sofà in mezzo a due cuscini, esattamente nel posto in cui si sedeva la ragazza quando veniva a trovare Gustave. 







Gustoso epistolario del baffuto scrittore celebre per Madame Bovary...

5241146341_e7b691eaf0.jpg

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link