Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 settembre 2012 2 11 /09 /settembre /2012 04:24

contatore visite

Jorge Luis Borge è uno scrittore elegante e raffinato e tra gli scrittori di lingua ispanica, è sicuramente quello più cosmopolita e più innovativo di tutto il Novecento letterario. 
Le sue radici culturali sono europee e dallo spirito della vecchia Europa ha ereditato molti di quei tratti che contraddistinguono tutti quei movimenti di avanguardia che rinnovarono una produzione letteraria spesso asfittica e che, finita l'onda lunga della letteratura tardo romantica, non aveva più nulla da dire. 
Nella prima metà del Novecento, grazie ad una rinnovata energia, la creatività intellettuale si spinse lungo il terreno dello sperimentalismo più estremo non solo nella letteratura, ma anche in tutti i campi artistici tradizionalmente utilizzati per manifestare il pensiero umano come, ad esempio, le arti figurative. Borges fu senza dubbio tra i maggiori protagonisti di questo movimento culturale che rinnovò profondamente anche il linguaggio e il modo di esprimersi. 

Avendo affrontato la lettura di capolavori quali "Ficciones" (Finzioni) e "El Aleph" (L'Aleph), ho imparato a familiarizzare con il linguaggio di Borges, un linguaggio che spesso presenta delle difficoltà dal punto di vista della comprensione, ma che comunque induce il lettore ad uno sforzo interpretativo che alla fine lo arricchisce così come è accaduto a tutti coloro che si sono serviti delle straordinarie intuizioni degli inventori della scrittura. 
Borges diceva che: "La Biblioteca è una sfera il cui centro esatto è qualsiasi esagono, e la cui circonferenza è inaccessibile" suggerendo con tale espressione che la produzione letteraria che scaturisce dal linguaggio è interminabile così come il linguaggio della geometria euclidea descrive uno spazio geometrico interminabile e immaginario. 

È proprio questa visione del mondo che ritroviamo in tutti i testi di Borges che dovrebbero essere affrontati decodificando un linguaggio colto ed erudito, magari con l'aiuto di qualche autorevole esegeta che aiuti a comprendere la ricca produzione letteraria dello scrittore argentino. 

Molti autori possono essere considerati delle coscienze critiche dei loro tempi e della loro nazione, altri riescono a dare una lucida interpretazione della realtà, Borges invece va compreso a partire dalla sua complessa e poliedrica personalità. La maggior parte delle opere di Borges sono considerate giustamente dei capolavori narrativi che -a mio parere- lambiscono i terreni infidi e problematici della filosofia e della psicologia. 
Il "Libro di sogni" può essere inquadrato in questa prospettiva che riesce a mostrare con una finissima capacità di analisi tutta una serie di esperienze oniriche che costituiscono l'altra parte del pensiero umano, quello più nascosto e non immediatamente decifrabile. 
Borges affronta la tematica delle esperienze oniriche in perfetta continuità con l'impostazione delle sue opere più note; anche nel "Libro di sogni" troviamo quelle sovrapposizioni e quell'interscambio tra il mondo delle parole e l'immaginario fantastico presente in "Finzioni". 
Il processo descritto da Borges però avviene all'incontrario: mentre in "Finzioni" l'immagine del mondo e della realtà esistenziale appaiono ordinati e nel contempo incomprensibili, nel "Libro di sogni" il disordine e il non-senso (apparente) vengono decodificati con un'opera di ricerca che Borges "risolve" con una sorta di arte combinatoria fatta di ricordi e riflessioni. 
In questa ricerca sul simbolismo entrano in gioco molte questioni non ultima quello dello sviluppo della personalità dell'individuo, ma anche dei valori culturali che costituiscono la specifica dell'umana natura. 
E se la "disperata ignoranza" che gli uomini dimostrano verso le esperienze oniriche induce spesso all'errore, non bisogna pensare che i sogni siano il regno dell'arbitrario e del non senso. 

Il "Libro di sogni" può essere anche una valida piattaforma per tutti coloro che per motivi "professionali" affrontano il comportamento degli individui, ma non è un libro di psicologia anche se alcuni strumenti utilizzati da Borges potrebbero indurre a pensare che siano gli stessi utilizzati nell'indagine psicologica. 
Del resto il lessico dei termini-chiave utilizzati dall'autore argentino si presta più ad una prospettiva di tipo fenomenologico che ad una fredda analisi di tipo psicologico. 

Possiamo ritrovare questo modo di procedere in un altro autore che senza dubbio è stato il più autorevole studioso della materia: Mircea Eliade. Sotto questo profilo Borges al pari dello studioso rumeno dimostrò da sempre un interesse verso la storia delle religioni e i frequenti agganci e riferimenti contenuti nell'opera sono la dimostrazione che il pensiero umano è fatto di vasi comunicanti, gli specialisti delle singole discipline dovrebbero ricordarlo, ma anche i lettori dovrebbero sempre tenerlo presente. 

Il titolo originale dell'opera è "Libro de sueños", tradotto con "Libro dei sogni" o "Libro di sogni", nella versione edita da Mondadori il titolo è "Libro di sogni", traduzione corretta del titolo in lingua originale. 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link