Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
28 luglio 2012 6 28 /07 /luglio /2012 04:12

 

 

 

 

 

 

2128581158_53c82cc2f6.jpg

 

Non c'è dubbio che in 70 anni è cambiato il modo di concepire il turismo che da fenomeno riservato a pochi è diventato un movimento di massa, leggere pertanto le vecchie guide del Touring Club è un'occasione per capire come il turismo era concepito all'epoca. Prima di tutto le vecchie guide suggerivano itinerari che potrebbero essere paragonati a quelli paragonati alle "mille miglia", si trattava di percorsi oggi in parte scomparsi o comunque secondari lontano dalle grandi direttrici attuali; la stessa cosa dicasi per i ristoranti che si trovavano lungo quelle vie, sono ovviamente tutti scomparsi come non esistono, nella maggior parte dei casi, gl edifici che li ospitavano. 
Un'esame della cartografia dell'epoca mostra che l'Italia è cambiata moltissimo in 70 anni a partire dalla rete stradale, la diffusione delle autostrade ha cambiato anche il modo di viaggiare, di partire ed arrivare utilizzando un'autovettura. I tempi odierni sono veloci e la maggior parte delle persone non consulta più la cartina stradale ma utilizza un navigatore satellitare, eppure una guida come quella del proposta dal Touring Club continua ad avere il suo fascino e a svolgere una funzione che -secondo noi- non potrà mai essere sostituita da alcun navigatore satellitare per quanto possa essere preciso e aggiornato. 


LA GUIDA 

L'impostazione della versione moderna della guida delle Marche segue la proposta di un percorso che parte da Ancona, una proposta "saggia" per chi arriva con il treno e non possiede altro mezzo di locomozione, la permanenza e la visita del capoluogo delle Marche e della provincia omonima; la destinazione crediamo sia indicata anche per chi proviene in auto dalla vicina dorsale appenninica.

La visita alla chiesa di San Domenico è tappa obbligata come anche quella alla chiesa romanica di San Ciriaco, un edificio che risale al XII secolo di impareggiabile bellezza artistica. 
Sul piano della qualità e quantità di informazioni presenti anche sul territorio circostante la città marchigiana sono più che sufficienti per avere una buona guida anche per quanto concerne la parte costiera, sicuramente la guida è poco interessante per quanto concerne le informazioni  sulla parte monumentale ma si rivela utilissima per quanto riguarda il territorio 
Eventuali altre integrazioni possono essere ottenute dalle pubblicazioni gratuite distribuite dalle locali pro loco. 

La guida Marche del Touring Club Italiano propone 22 itinerari, sono tutti interessanti, i luoghi da visitare suggeriti sono senza dubbio quelli più rappresentativi , quelli che non possono mancare per chi voglia organizzare un viaggio nelle Marche. 
Di particolare interesse è la parte che riguarda la visita a rocche e castelli per la maggior parte concentrati nel territorio del Montefeltro, la visita nella provincia urbinate richiede comunque almeno un paio di giorni per visitare alcuni dei luoghi suggeriti. 
Particolare poi è l'itinerario della fede proposto dal Touring, un itinerario dove si trovano elencati i principali luoghi di culto della regione, non nuovo per i locali ma sicuramente molto suggestivo per i turisti che vengono da fuori regione.

ALTRE INFORMAZIONI  

La guida Marche si compone di 192 pagine dove sono indicati tutti gl itinerari con le informazioni più significative di ogni singola zona; a queste 192 pagine vanno aggiunte 96 pagine della sezioni dove si trovano le "informazioni pratiche": vengono suggeriti nomi di hotel, ristoranti, osterie e strutture ricettive di agriturismo in cui soggiornare; si tratta di un ampio ventaglio di possibilità che permette di scegliere la destinazione più adatta alle proprie esigenze e alle proprie tasche. 

La guida ha un prezzo di copertina di 22,00 euro, per i soci del Touring Club Italiano il prezzo è di euro 17,60. 

Data l'accuratezza del contenuto ne consigliamo l'acquisto. 

A chi consigliamo la guida? A tutti ed in particolare a coloro che praticano quello che il Touring Club Italiano ama chiamare il "turismo dolce" ossia quel turismo in bicicletta e a piedi che permette di riscoprire luoghi dimenticati, angoli spesso trascurati di ogni luogo. Perché allora non riscoprire il "turismo dolce" proprio nelle Marche? Una bellissima regione ricca di bellezze architettoniche, monumentali e paesaggistiche che merita più di una fugace visita.

 

Scritto di proprietà dell'autore adattato per questo spazio.

 

http://img.dooyoo.it/IT_IT/175/libri-e-giornali/romanzi/marche-touring-club-italiano.jpg

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link