Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
29 dicembre 2011 4 29 /12 /dicembre /2011 05:40

Memorie-di-Giacomo-Casanova.jpgSe qualcuno si attende di trovare in questo libro ( o serie di libri a seconda delle edizioni) i particolari erotici delle avventure di Giacomo Casanova vedrà disattese le proprie aspettative, perchè queste memorie sono uno straordinario affresco della società del '700 di cui Casanova fu un perfetto interprete ed un'importante protagonista. 

Non è azzardato affermare che nessun personaggio del '700 più di Casanova, ha saputo meglio rappresentare quel secolo ed, ironia della sorte, la sua morte sopraggiunse quando la Rivoluzione Francese stava dando il colpo di grazia a quell'Ancient Regime a cui, non c'è dubbio, Casanova apparteneva non tanto perchè ne condividesse le idee quanto per frequentazioni di luoghi e personaggi che appartenevano a quella calsse sociale. 

QUALE EDIZIONE SCEGLIERE 

Giova al lettore interessato all'opera che in commercio vi sono varie edizioni delle memorie di Giacomo, la precisazione è d'obbligo perchè l'opera non è stata scritta in italiano ma in francese. 
Nel '700, il francese era la lingua internazionale dell'epoca, quindi si è dovuto tradurre il manoscritto originale; a parere mio la migliore versione è quella con la traduzione di Piero Chiara pubblicata dalla Mondadori nella collana "I Meridiani", ma vi è ache un'edizione più economica (due soli volumi) edita dalla Newton Compton; detta edizione che è stata tradotta da Pietro Bartalini Bigi e ha il pregio di avere 16 tavole a colori disegnate da Giorgio De Chirico. 
Entrambe le edizioni sono comunque buone per ciò che concerne la traduzione. 
Personalmente ho la versione edita da Dall'Oglio, per la collana "I Corvi - Collana Universale Moderna" acquistata al prezzo di lire 500 (cinquecento), questa edizione consta di 6 volumi formato pocket, contiene una lunga ed interessante prefazione dello stesso Casanova e numerose note di rimando che guidano il lettore alla scoperta non solo della vita dell'illustre veneziano, ma anche della società europea dell'epoca. 
"Memorie scritte da lui medesimo" è stato pubblicato da Garzanti ed è una versione ridotta rispetto a quella da me letta e indicata nelle righe precedenti. 

UN AFFRESCO DI UN'EPOCA 

In queste memorie il lettore vedrà che non si segue un punto fisso, Casanova stesso dice: 

non avendo tenuto di mira un punto fisso, il solo sistema da me adottato, se di sistema si possa parlare, è stato quello di abbandonarmi al vento che mi spingeva.Quante vicissitudini in questa indipendenza di metodo" 

Proprio questa precisazione ci permette di dire che nelle sue memorie Casanova non parla solo delle sue avventure ma parla anche della società dell'epoca che ben conosceva e di cui era assiduo frequentatore. 
Il Nostro ebbe, infatti, rapporti con i maggiori intellettuali dell'epoca: da Rousseau a Voltaire; con musicisti come Mozart e con personaggi della vita politica e di corte come Madame de Pompadour,Federico II di Prussia, Benedetto XIV, Caterina II di Russia etc. 

Come frequentatore delle corti europee e come diplomatico, Casanova entrò in relazione con le cancellerie delle potenze dell'epoca ma anche con i salotti più importanti: interessante a questo riguardo è la narrazione dell'incontro con la marchesa G. ( Casanova da galantuomo omette il nome) in cui Casanova fornisce tutta una serie di elementi che ci fanno capire che dovevasi trattare di una gran dama dell'aristocrazia romana animatrice del mondo salottiero dell'epoca, laddove si facevano gli incontri che contavano. 

E tra abati, cicisbei, gran dame ed eminenze, l'affresco diventa un racconto appassionante che potrebbe essere utilizzato come canovaccio per tessere la trama di un film. In questa lunga narrazione la vita di Casanova appare come un capolavoro mischiandosi con quella del mondo che all'epoca contava. Dai suoi racconti emerge la figura di un Casanova fu seduttore tout cour non solo di donne ma anche di molti personaggi importanti della vita politica del '700, fu proprio grazie a questa sua innata capacità che ebbe l'incarico di diplomatico e di agente segreto. 

CASANOVA E LE DONNE 

E' lo stesso Casanova che racconta quali furono i suoi rapporti con le donne, vediamo la sua interessante e per certi versi unica posizione: 

"Per quel che riguarda le donne, si tratta di inganni reciproci, che non si mettono in conto, perchè quando vi si immischia l'amore, di solito ci si inganna da una parte e dall'altra. 
Il temperamento sanguigno mi rese sensibilissimo alle voluttà; ero sempre allegroe disposto a passare da un godimento ad un altro nuovo, e nello stesso tempo molto ingegnoso nell'inventarli. 

IL CREDO DI CASANOVA 

Casanova dichiarava di credere in un Dio immateriale, autore e padrone di tutte le forme, non ha dubbi circa l'esistenza di Dio e confessa di essersi rivolto a Lui con la preghiera e di essere stato sempre esaudito. 
In questa confessione la seguente frase mi ha colpito particolarmente: 

"La disperazione uccide, ma la preghiera la fa sparire, e quando l'uomo ha pregato, acquista la fiducia in sé e agisce". 

Si tratta di un'affermazione che rivela un Casanova filosofo che non è affatto in contraddizione con il suo credo di libertino; scrive infatti a tal proposito Casanova: 

"Io non solo sono monoteista, ma cristiano fortificato dalla filosofia, la qual cosa non ha mai guastato". 

Il pensiero di Casanova è sicuramente l'aspetto più interessante che possiamo rilevare dalla lettura delle sue memorie che ci permettono di capire che cosa significasse per lui il libertinaggio di cui fu l'autentico interprete. 

I GUSTI DI CASANOVA IN FATTO DI CIBO E DI DONNE 

Casanova confessa di avere avuto per base un'eccellente morale che definisce "frutto necessario dei divini principi radicati nel mio cuore", ma ammette anche di "essere stato per tutta la vita vittima dei sensi", ma, diventato vecchio, ritiene che il suo comportamento fosse erroneo e arriva a connotarlo come una follia di gioventù. 
Ma pur ammettendo l'errore Casanova fa un vero e proprio elogio del piacere arrivando a confessare che : 

"Mi sono piaciute le pietanze fini: il pasticcio di maccheroni fatto da un buon cuoco napoletano, l'olla podrida degli Spagnoli, il merluzzo di Terranova ben grasso, la selvaggina con l'odore di chiuso e i formaggi la cui perfezione si manifesta quando i piccoli esseri che vi si formano dentro cominciano a diventare visibili". 

Gusti sui generis soprattutto in materia di formaggi, quanto poi alla selvaggina che sa di chiuso è interessante notare come i gusti gastronomici cambino con il tempo, il merluzzo di Terranova doveva essere una specialità per i palati fini dell'epoca, ma temo che, quanto ad odori, coloro che vivevano nel '700 accettavano un pò di tutto anche ciò che noi connotiamo semplicemente con il termine "puzza". 

Riguardo alle donne Casanova dichiara: 

"Quanto alle donne, mi è parso sempre soave l'odore di quelle che amavo. 
Che gusti depravati -dirà qualcuno- Che vergogna riconoscerli in sé e non arrossirne!". 

L'ESSENZA DEL LIBERTINAGGIO SECONDO CASANOVA 

In questa confessione Casanova si fa beffe delle critiche e dichiara da vero libertino (ecco l'essenza del libertinaggio) che non è possibile concepire Dio come un Essere Supremo che gode delle nostra astinenze e dei nostri dolori. 
Se Dio ci ha dato tante belle cose è perché di queste cose noi possiamo provare piacere e fa il seguente elenco: 

- Amor proprio (orgoglio che non va confuso con la superbia); 
- Desiderio di elogi (riconoscimento); 
- Sentimento di emulazione; 
- Forza; 
- Coraggio. 


"Coltivare il piacere dei sensi fu sempre la mia più notevole occupazione; non ne ebbi mai alcuna più importante. Sentendomi nato per il bel sesso, l'ho sempre amato e me ne sono fatto amare più che ho potuto. Ho anche amato la buona tavola con trasporto, e sono stato sempre appassionato per tutti gli oggetti che hanno eccitato la mia curiosità". 

 

Scritto di mia proprietà già pubblicato altrove

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link