Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 dicembre 2014 2 30 /12 /dicembre /2014 20:29

contatore visite gratis

 

 

 

 

 

8124802719_2024e1e8f0.jpg

http://www.flickr.com/photos/8623220@N02/8124802719 (Album di The Library of Congress)

 

L'INSENSATEZZA DELLA GUERRA RACCONTATA DA CHI ERA PARTITO....... 

"Mico È Tornato Coi Baffi" di Massimiliano Scuriatti sarebbe uno dei tanti romanzi in cui si parla di un'amicizia interrotta e della guerra ma è molto di più, probabilmente è stata una scommessa editoriale fortunata grazie alla scelta dell'autore di non seguire la strada intrapresa dalla letteratura documentaria; eppure in un breve ma intenso romanzo che si contraddistingue per la qualità narrativa, troviamo una storia autentica raccontata con uno stile unico ed originale, storia nella quale emerge tutta l'insensatezza di un'impresa che, senza retorica, rimane una delle più grandi tragedie nel Novecento: la Grande Guerra.


Leggendo il romanzo mi è capitato di venire coinvolto in quelli che sono stati i ricordi narrati da mio nonno che pur parco nel raccontare i dettagli di quell'esperienza che lo segnò irrimediabilmente nell'animo e nel fisico, doveva avere molto probabilmente un'età vicino a quella di Mico, uno dei tanti ragazzi che vennero mobilitati per entrare nelle fila di un esercito formato in gran parte da classi subalterne la cui origine era prevalentemente contadina.
Non possiamo negare che quella generazione ricca di ideali e di passioni si rese ben presto conto della forza eversiva della guerra che prima di essere un evento bellico fu una tragedia esistenziale e sociale.

Chi si aspetta di leggere un libro come "Niente di nuovo sul fronte occidentale" di Erich Maria Remarque, rimarrà deluso intanto perché "Mico È Tornato Coi Baffi" non è un romanzo autobiografico ma il merito dell'autore sta a mio parere, nell'essere riuscito perfettamente ad entrare nella testa di due giovani dell'Italia meridionale che nel 1914 si trovarono a subire un evento di cui neppure lontanamente avrebbero potuto immaginare gli esiti terribili che ebbe a partire dal numero di vite umane sacrificate.

....E L'INSENSATEZZA DELLA GUERRA VISTA DA CHI NON ERA PARTITO



Potrebbe essere un libro di memorie è invece molto di più: è un libro di memoria dove vengono raccontate due prospettive diverse ma congiunte: quella del giovane Mico che parte per il fronte e quella dell'amico inabile a combattere che rimane nel piccolo paesino siciliano ad attendere notizie.
L'unico contatto che vi è tra i due è di tipo epistolare, la sola forma di contatto possibile che la grande massa di militari arruolati poteva utilizzare per stare in contatto con i propri familiari ed amici; leggendo il libro mi sono domandato quanti Mico siciliani, sardi, calabresi, campani e di tutte le altre regioni d'Italia abbiano comunicato a chi era rimasto i loro umori e quanto a noi sia giunto di autentico di quelle lettere che gli organi censori controllavano per non fare trapelare quale era la vita vissuta al fronte.

Tutto il racconto è appassionante a partire dall'arrivo di quel giorno in cui Mico si distacca dal suo paesino per andare incontro alla grande mattanza, leggendo l'episodio ci immaginiamo il ritratto di un giovane che con tutta la sua sguaiata incoscienza si accinge a prendere la tradotta che lo porterà lontano dagli affetti più cari e dal paesino sonnolento fatto di personaggi scombinati ma autentici che con lui condivideranno l'esperienza della guerra.
Bisogna considerare che cento anni fa la coscrizione obbligatoria era il mezzo attraverso il quale le autorità ingrossavano le fila degli eserciti, chi era arruolato forzatamente viveva questa esperienza con un misto di rassegnazione ed ineluttabilità alla quale era impossibile sottrarsi; gli incontri sporadici, brevi e casuali che avvenivano durante la permanenza nel fronte diventavano tal volta dei legami profondi e il senso di cameratismo prendeva il sopravvento quando ci si trovava a vivere la quotidianità. Questo accade a Mico che essendo analfabeta trova un compagno d'arme volenteroso che gli scrive le lettere da inviare all'amico che è rimasto al paese; per il lettore non è importante che in quelle epistole vi siano delle riflessioni scritte in un bell'italiano ma che quelle lettere contengano pensieri che sembrano rimasti in sospeso, mai banali e sempre struggenti.

La scelta del'autore di usare in diverse parti del libro il dialetto siciliano dà un senso di verosimiglianza a quei dialoghi a distanza intrisi di un'intensità commovente dove troviamo la solitudine, la disperazione, le paure che da sempre accompagnano l'uomo nelle situazioni di pericolo e poi lo smarrimento che si dilata e si comprime in relazione allo stato emotivo vissuto in quel momento.

Il racconto di Scuriatti è un viaggio nell'animo dell'uomo in cui si intrecciano in un contesto storico le vicende individuali di uomini che loro malgrado si trovarono costretti a subire eventi che solo i manuali di storia non riescono a fare comprendere se non si conoscono le migliaia di storie di coraggio, di vigliaccheria e di speranza che tanti uomini come Mico vissero nella loro carne.

..........Mico tornò dalla guerra coi baffi, era cambiato...per sempre.

SCHEDA DEL LIBRO

* Autore: Massimiliano Scuriati
* Titolo: Mico È Tornato Coi Baffi
* Pagine: 130
* Editore: 2011 Edizioni Bietti srl
* ISBN: 978 88 8248 242 8

...lettura consigliata.

Conclusione:Breve ma intenso romanzo in cui è bello perdersi

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link