Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 aprile 2014 7 20 /04 /aprile /2014 11:26

Evola si interessò  a molte manifestazioni della cultura umana tra cui anche quelle che riguardavano la musica moderna e il jazz; nell'opera "Cavalcare la tigre" non poteva mancare  una trattazione dell'argomento  dedicata in particolare  proprio alle correnti della musica moderna in cui egli mostrò  una capacità di approfondimento non comune.  Al di là del giudizio che ognuno può esprimere sul proprio grado di affinità con le posizioni di Evola in materia musicale, resta il fatto che esiste una asimmetria tra l'Evola artista futurista e svincolato dai canoni del classicismo e il teorico della Tradizione severo nei confronti di forme musicali in cui egli rilevò la prevalenza  dell'elemento fisico rispetto a quello intellettuale.

 

 

 

 

In una civiltà del divenire come quella moderna  - secondo Evola - si può parlare di una "demonìa occidentale della musica", la musica è diventata un fenomeno invadente che ha dato avvio a situazioni autodissolutive analoghe a quelle dell'arte moderna.

La musica moderna occidentale si è distaccata dalla precendente linea melodrammatica ed eroico-romantica del passato per diventare un fenomeno in cui prevale l'elemento fisico.

Cosa vuol dire Evola quando fa riferimento alla musica in cui prevale l'intellettualizzazione rispetto a quella in cui si afferma l'elemento fisico?

 

La musica è  suono, una musica senza elemento fisico è silenzio, nulla assoluto ma non è su questo piano che va intesa la critica di Evola che si sofferma, invece, sulla riduzione della musica ad attività descrittiva della natura in cui il musicista intellettuale ha deciso deliberatamente di incontrare l'elemento fisico ed elementare "sul genere di Pacific 231 di Honegger e di Fonderie d'acciaio di Mossolov".

 

Un'altra caratteristica della musica moderna è stata quella di sostituire la musica-canto e la musica-patetica con la musica-danza; proprio questo aspetto è giudicato da Evola positivo in quanto la funzione della musica riacquista la capacità di liberare l'uomo che -aggiungiamo noi- si può trovare nelle danze evocatrici della cultura greco-dionisiaca.

Quindi per Evola non tutta la musica moderna è da rigettare bensì quella dodecafonica sulla quale il filosofo tedesco Adorno ebbe usò nell'opera Filosofia della musica moderna questa efficace espressione: "La dodecafonia è il nostro destino" (riportiamo la citazione fatta da Evola).

Se le note di una musica cessano di provocare emozione sono paragonabili alle "pure entità algebriche della fisica moderna"; il sottofondo di questo modo di fare musica -rincara la dose Evola-  "è una devastazione interiore".

 L'atto terminale che sembra avere rotto ogni argine rompendo con la tradizione della musica come armonia lo si ritrova nella cosiddetta "musica concreta" che non è altro che una rassegna organizzata di rumori che vengono assemblati insieme a dei suoni orchestrali.

 

Nel quadro convulso e agitato descritto da Evola viene incluso il jazz, espressione di una tendenza che trova largo seguito nel mondo moderno, una tendenza che egli definisce "una voga aberrante superficiale" da inquadrare nel rango della musica puramente fisica e che poco si ferma all'anima.

Nel jazz  - conclude Evola- al posto della graziosità e dello slancio propri delle precedenti musiche europee come, ad esempio, il valzer viennese "si sostituisce alcunché di meccanico, di disgregatore e, insieme, di primitivisticamente estatico, talvolta di parossistico per l'uso della ostinata reiterazione tematica".

 

La posizione evoliana sul jazz,  che per il suo esplicito diniego e per la sua radicale opposizione dà l'impressione di essere prevenuta, non va presa alla lettera ma va inquadrata in una concezione più vasta dove il fine non è quello di avere consenso ma di delineare le linee guida per l'uomo della Tradizione che si trova a vivere nel mondo della società borghese occidentale e americanizzata. Si tratta di un punto di vista "speciale" che va letto attentamente in quanto Evola riconosce che lo spirito della musica africana nulla ha che fare con quello del jazz che dalla prima ne ha attinto i contenuti grezzi.

 

La posizione di Evola su questo punto non può dare adito ad alcun equivoco,  ecco cosa scrisse a tal proposito:

 

"Si sa infatti che la musica africana da cui sono stati tratti i principali ritmi dei balli moderni è stata una delle principali tecniche usate per produrre forme di apertura estatica e di invasamento.

Il Dauer e lo stesso Ortiz hanno giustamente visto la caratteristica di quella musica nella sua struttura polimetrica, elaborata in modo che degli accenti estatici che marcano il ritmo siano in funzione costante di accenti estatici; così le speciali configurazioni ritmiche generano una tensione intesa ad « alimentare un'estasi ininterrotta »"

(da J.Evola, Cavalcare la Tigre, Milano, Vanni Scheiwiller, 1971, pp 162-163)


Protected by Copyscape Online Infringement Checker

 

officine meccaniche

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Evola Julius

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link