Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
26 luglio 2012 4 26 /07 /luglio /2012 03:40

NAPOLI, UN PARADISO PER GOETHE PADRE E GOETHE FIGLIO 


Racconta J. Wolfgang Goethe che suo padre perse la tranquillità perché non poteva vedere più Napoli, non sappiamo quali siano state le ragioni di questo impedimento, ma il racconto è sintomatico del fatto che nella famiglia tedesca dei Goethe, Napoli venisse considerata in modo specialissimo, così speciale che ciò che provocava nel loro spirito era superiore anche a quello che provocava Roma o Firenze. 
Goethe che fu uno straordinario raccontatore di viaggi, ci ha lasciato delle bellissime cartoline dell'Italia dell'epoca, delle illustrazioni che ci permettono di gettare uno sguardo sul Bel Paese in un periodo in cui non era ancora stato devastato dalla cementificazione selvaggia che oggi -come un cancro- ha colpito ogni zona del nostro paese. 

Goethe figlio, suggestionato dal padre, volle poi andare in quello che all'epoca veniva definito dal genitore un paradiso e si avvicinò alla città senza pregiudizi semplicemente perché all'epoca non esisteva alcun giudizio precostituito nei confronto di Napoli. Ma la Napoli raccontata da Johann Caspar Goethe e quella poi cantata dal figlio ,non aveva niente a che fare con quella attuale. 
Quindi, affrontando la lettura del libro, giova dimenticarsi completamente di tutto ciò che oggi affligge Napoli, della cattive abitudini e dei mali che sembrano insolubili. Siamo nel '700, circa 8 generazioni fa rispetto alla generazione attuale. 
Il padre di Goethe si preparò meticolosamente prima di intraprendere il viaggio in Italia, imparò l'italiano e scrisse proprio in lingua italiana un diario -ora diventato un libro- sulla sua permanenza a Napoli. Il diario ad uso familiare non doveva essere pubblicato e per questo è animato da uno spirito sincero e senza secondi fini. 

Goethe padre come il figlio amava l'arte, la poesia, la letteratura e la bella architettura, a Napoli trovò tutto questo; proprio l'armonia e l'equilibrio che regnava in città provocarono in lui, al ritorno, un senso di nostalgia malinconica. 
Il diario non riguarda solo Napoli ma tutte le tappe del viaggio che portarono Johann Caspar nel Regno di Napoli che era separato dallo Stato pontificio da un muraglia che divideva due mondi completamente diversi. 
Napoli era definita gentile per due motivi: il primo perché era una città molto accogliente e poi perché era il salotto buono degli intellettuali, è a Napoli che l'illuminismo produsse le migliori menti della cultura filosofica italiana. 
Questo fatto, oltre le Alpi. lo sapevano ed ecco il motivo per cui gli austeri teutonici venivano non in Italia, ma a Napoli da cui se ne andavano colmi di "soddisfazione e di civiltà" 
Johann Caspar era un visionario? Niente affatto, anche altri illustri personaggi che appartengono alla storia maggiore come, ad esempio, Charles Dickens o Percey Shelley ritenevano non solo Napoli una città gentile (nell'accezione indicata) ma anche la città romantica per eccellenza. 


Tutto questo oggi suona strano, ma era così, perché oggi le cose siano cambiate non lo sappiamo e ha poco senso chiederselo, sarebbe bello leggere il diario di Johann Caspar scritto oggi dopo una visita alla Napoli attuale, probabilmente quell'epiteto gentile non farebbe parte del suo vocabolario. 

Dopo l'Unità d'Italia la storiografia sabauda ha voluto dipingere il Regno dei Borboni come il regno dell'arretratezza, niente di più falso, a Napoli vi fu la prima ferrovia italiana e a Napoli i Borboni inventarono la raccolta differenziata dei rifiuti, ma a Napoli vi era anche una fiorente industria siderurgica, oltre alla pesca in un mare non inquinato. Purtroppo la storiografia attuale persevera in questa direzione diffamatoria. 
Il Regno venne spogliato delle sue ricchezze, i ribelli fucilati e trattati come briganti...da allora Napoli non si è più ripresa. 

E' un peccato che le giovani generazioni e (quelle vecchie) siano piene di luoghi comuni su Napoli, la storia andrebbe conosciuta attraverso i documenti e non leggendo distrattamente i manuali scolastici ripetuti a pappardella. 


Goethe ritornato nei luoghi descritti dal padre invitava i suoi conoscenti e i suoi lettori a lasciarsi trasportate dalla sublime visione del Golfo di Napoli, delle sue baite sovrastate dalla "mole piramidale" del Vesuvio. 

***"il chiarore della luna batteva triste or su' burroni, e su' colli, ora su' risalti coronati di merli e di guglie"*** (Goethe) 

L'autore del diario è Johann Caspar e non Johann Wolfgang, uno è il padre e l'altro è il figlio

 

 Ritratto di una Napoli che affascinò i Goethe, Dickens, Shelley e tanti altri...

 

 

2440558929_3311616738.jpg

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link