Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
17 aprile 2014 4 17 /04 /aprile /2014 11:06

In un articolo pubblicato sul giornale "Roma", Julius Evola riflette sull'attualità della figura di Nietzsche, l'articolo ha ancora una sua attualità ma quel che più conta è il fatto che in questo breve scritto è possibile capire cosa Evola pensasse della figura di Nietzsche e se le idee del filosofo tedesco potessero essere considerate ancora valide nei tempi moderni. L'articolo venne scritto agli inizi degli anni '70 e molti pregiudizi venivano espressi su Nietzsche considerato a torto colui che più di tutti alimentò il mito dell' "Herrevolk" ossia di quel popolo di signori che avrebbe dovuto dominare il mondo e che era uno dei capisaldi dell'ideologia nazionalsocialista.

 

 

 

 

 

Si tratta di un autentico falso storico sostenere che Evola fosse un sostenitore del razzismo biologico, chi lo sostiene o è in malafede o non conosce le tesi di Evola che se razzista fu, lo fu in chiave spirituale. Si tratta di una precisazione non da poco visto che la "damnatio memoriae" viene trasmessa in modo acritico da generazione a generazione mostrando un acredine malevola sulla quale dovrebbero riflettere in primo luogo gli storici della filosofia.

 

Nel periodo in cui Evola scrisse questo articolo stava avvenendo la traduzione di tutte le opere di Nietzsche da parte della casa editrice Adelphi di Milano, inoltre -come viene ricordato dallo stesso Evola- vennero pubblicati due libri: uno intitolato "Nietzsche" di Adriano Romualdi e un altro dal titolo "Nietzsche e il senso della vita" scritto da Robert Reininger pubblicato per le edizioni Volpe.

 

Circa la domanda sulla attualità delle idee di Nietzsche, Evola sposa la tesi del Reininger secondo il quale la figura del filosofo tedesco ha il "valore di un simbolo", essendo la causa dell'uomo moderno privo di radici nel "sacro suolo della tradizione e gli abissi delle barbarie".

Nell'epoca moderna in cui tutti i valori sono venuti meno "il deserto cresce", una posizione condivisa da Evola e ripresa più volte in diverse sue opere a partire da "Cavalcare la tigre".

 

Una precisazione importante riguarda il significato di "superuomo", un'idea centrale nella filosofia di Nietzsche e che Evola filtra nel senso di "superuomo positivo" rigettando ad esempio l'idea di quella "bionda bestia da preda" utilizzata in "Genealogia della morale" e che Nietzsche  usò comunque in termini  tutt'altro che elogiativi. Anzi, aggiungiamo che Nietzsche pensava che proprio l'uso della forza da parte dei dominatori fu in tempi successivi una delle cause della nascita della "cattiva coscienza" del popolo tedesco.

Tuttavia fatta questa precisazione Evola sostiene che:

 

"Il superuomo positivo, quello che corrisponde al « miglior Nietzsche », è invece, da identificare col tipo umano che anche in un mondo nichilistico, devastato, assurdo e senza dèi sa tenersi in piedi, perché è capace di darsi da sé una legge, secondo una nuova superiore libertà".

 

Per Evola esiste quindi una linea di demarcazione tra il Nietzsche demolitore della morale e quello della "rivoluzione del nulla" che lo qualifica come uno dei più convinti anarchici di tutti i tempi.

Evola osserva che Nietzsche è stato "il più grande dei ribelli" e paradossalmente questa sua posizione è stata ignorata proprio da quei movimenti che della ribellione facevano la loro bandiera.

 

Attuali per Evola sono poi le parole  sulla liberta dello Zarathustra nietzschiano: "Tu ti dici libero, ma ciò a me non importa - io ti chiedo: libero per che cosa'.

Osserva Evola che quello di Nietzsche è un monito nei confronti di coloro che parlano solo di repressioni e che nutrendo insofferenza verso ogni ordine costituito hanno gettato via l'unico valore che si possedeva. Questo accade perchétutti coloro che parlano solo di repressione "non hanno in sé un superiore principio che comanda".

Al contrario chi "ha dietro di sé il nichilismo" e ha saputo trovare da ciò un reagente salutare, sa anche dare a se stesso una legge e un ordine interiore.

 

Possono interessarti anche:

 

 

Vilfredo Pareto l'anticonformista - Julius Evola

Genealogia della morale - Friedrich W. Nietzsche

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Evola Julius

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link