Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
7 agosto 2012 2 07 /08 /agosto /2012 06:45

contatore gratis

 

 

 

"Quando tu incontri gente che loda Omero e sostiene che qusto poeta ha educato l'Ellade e che merita di essere preso e studato per amministrare ed educare il mondo umano, e che secondo le regole di questo poeta si organizza e si vive tutta la propria vita, questa gente si deve si baciarla e abbracciarla......(Platone, La Repubblica, libro X, VII). 



Se c'è un autore più letto e commentato fin dall'antichità questi è Omero, se c'è un autore di cui non si conosce assolutamente nulla questi è proprio Omero eppure tra i Greci di epoca antica i testi omerici erano letti e commentati e costituivano la letteratura per eccellenza ma anche dei testi didattici perchè l'epica nasce principalmente con questo intento pedagogico e formativo. 

E' più che probabile ed è accettato ai massimi livelli di critica lettteraria che Omero non sia mai esistito ma che l'insieme dei canti omerici non sia altro che la sintesi di una cultura preletteraria della cultura di un popolo che possiamo circoscrivere nel periodo che va dal II millenio a.C. fino alla fine del medioevo ellenico ( VIII secolo) e i poemi cosiddetti omerici non furono altro che la conclusione letteraria codificata in forma scritta di questa cultura orale che si riferiva alle origini della cultura greca. 

Ma qual'è la società che viene raccontata nell'Iliade e nell'Odissea? E' una società arretrata dove la divisione del lavoro era molto elementare e dove gli aedi avevano un ruolo fondamentale: quella di tramandare oralmente, attraverso la forma del canto epico, vicende e fatti ( anche storici) in chiave mitologica. 

Le vicende delle popolazioni greche del II millennio diventano l'occasione, quindi per trasmettere tutto il sapere dell'umanità al fine di insegnare la cultura materiale di un popolo ma anche con il preciso intento di non disperdere la memoria storica e collettiva di un intero popolo. 

Una funzione pedagogica e didattica che si incentrava su due episodi quasi fondanti: la guerra di Troia e la genealogia degli dei

 

 

TANTI CANTORI

Quindi non Omero come singolo personaggio, ma Omero come tanti cantori che, a seconda del temperamento o dell'occasione, recitavano a memoria questo o quel passo; ci troviamo dinanzi a dei passi che furono riuniti e che non rappresentavano un tutto organico e compiuto così come lo conosciamo oggi. 
Sarà solo con il tempo che questi passi assumeranno una forma compiuta dove i fatti si succederanno logicamente e cronologicamente. 
Ecco allora che da questa tradizione orale espressa da tanti cantori nasce l'opera che per comodità chiameremo "omerica" ed è più che probabile il fatto che ogni singolo cantore fosse impegnato a trasmettere la sua parte e che conoscesse solo quella a memoria e che alla fine di questo lungo percorso gli elementi mitologici-fantastici abbiano superato quelli storici. 

E' un fatto tuttavia che i progenitori dei Greci e cioè gli Achei vissero almeno sei secoli prima dei cantori su menzionati e questo è stato ricavato dal contenuto stesso dei poemi omerici che possono inquadrarsi in quel periodo del II millennio a.C che viene denominato medioevo ellenico. 

Ma qual'è la società narrata nei poemi omerci? E' una società primitiva dove vi è un forte egualitarismo e dove soprattutto non c'è alcuna autorità scritta che emergerà solo quando si affermerà l'aristocrazia. 

In ogni caso questi cantori che per tradizione chiamiamo Omero sia che si riferiscano alla civiltà degli Achei o a quella di sei secoli dopo, ci dicono molte cose sull'ordinamento civile e sociale, sulla cultura materiale, sulla religione e le credenze di un popolo che altresì sarebbe rimasto sconosciuto a noi moderni. 

A questo punto forse Omero è una bella invenzione, ma l'Iliade e l'Odissea rimangono come capovalori unici e insuperabili andando a costituire quel patrimonio dell'umanità che rende l'uomo superiore a tutti gli altri esseri viventi proprio come Ulisse.

 

Articolo di proprietà dell'autore, pubblicato anche altrove.2527645526_c40714554a.jpg

 

Fonte immagine:http://farm3.static.flickr.com/2055/2527645526_c40714554a.jpg

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura latina e greca

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link