Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
14 aprile 2012 6 14 /04 /aprile /2012 17:51

LA STRUTTURA DELL'OPERA 

Palomar è una delle ultime opere di Italo Calvino, pubblicata nel 1983, è un'opera complessa che potremo definire all'insegna del "Devo" e in cui la componente speculativa è il tratto distintivo di tutta la narrazione. 
Chi è il signor Palomar? E' lo stesso Calvino, la componente autobiografica di questo romanzo è evidente, è scritto in terza persona e l'anonimo narratore esterno è Calvino che racconta Calvino/Palomar. Ma Palomar è anche il nome di una famosa stazione di osservazione astronomica statunitense e il Signor Palomar è come l'osservatorio: guarda e contempla il mondo per cercare di capirlo. 

L'opera è articolata nelle seguenti tre parti: 

  • Le vacanze di Palomar; 
  • Palomar in città; 
  • I silenzi di Palomar. 


ogni parte a sua volta è divisa in nove brevi racconti e comprende in totale ventisette racconti. 

Calvino racconta Calvino e il lettore si immedesima in Calvino/Palomar, ecco il gioco straordinario di questa serie di racconti che è lo specchio perfetto dello spirito dell'uomo di ogni tempo che cerca di comprendere lo svolgimento degli avvenimenti e di capire la ragione che regola ed ordina il mondo. 



POSSIAMO CAPIRE IL MONDO IN BASE AGLI STRUMENTI CHE ABBIAMO 

Ogni volta che cerchiamo di comprendere un fatto o lo svolgersi degli eventi, noi possiamo dare una spiegazione di quel fatto, della società piuttosto che degli eventi naturali in base agli strumenti di conoscenza che abbiamo. 
Se i nostri strumenti metodologici sono rozzi e primitivi daremo una spiegazione degli eventi naturali semplice ricorrendo sempre a spiegazioni che chiamano in causa l'ordine soprannaturale, dice infatti Calvino che noi possiamo conoscere il mondo in base a "solo ciò che abbiamo imparato a conoscere in noi". 
Si tratterà quindi di una spiegazione fallace che finisce per condizionare non solo la nostra esistenza ma anche quella di tutte le persone con cui entriamo in contatto e l'errore si ripeterebbe per generazioni in quanto l'uomo spiega in base alle sue conoscenze e a quelle che gli sono state trasmesse, da questo atteggiamento nasce il pregiudizio. 
Nessun uomo quindi può dare una spiegazione esaustiva del mondo davvero obiettiva perché i suoi strumenti di percezione gli impediscono di mettere a fuoco la complessità della realtà, allora qual'è la soluzione prospettata dal Signor Palomar/Calvino? L'annullamento più totale dell'io, solo annullando la visione soggettiva è possibile dare un ordine al cosmo. 
La soluzione prospettata da Calvino è una soluzione radicale, senza ritorno perché l'annullamento dell'io coincide con la morte, se l'uomo impara a pensare alla propria morte (ed è proprio quello che fa Palomar) annulla il proprio io. Si tratta non tanto della morte fisica, anche se nel romanzo Palomar muore pensando alla morte ma di predisporsi nei confronti del mondo mettendo da parte ogni tipo di schema ideologico e scientifico. 

LA CONTEMPLAZIONE DELLE STELLE 


Uno dei passi più belli del libro è quello in cui il signor Palomar si trova in un momento di meditazione in occasione di una "bella notte stellata" e dice "Devo andare a guardare le stelle" perché dice Devo? Perché il signor Palomar non ama gli sprechi e quindi ritiene che non sia giusto sprecare quell'occasione dato che gli viene messa a disposizione una grande quantità di stelle. 

Il procedimento spiegato da Calvino è allegorico, eccone le sequenze: 

  • La prima difficoltà è quella di trovare un posto da cui osservare le stelle; 
  •  La seconda condizione necessaria è quella di portarsi dietro una mappa astronomica; 
  •  La terza condizione è quella di avere una lampadina tascabile per vedere la mappa di notte; 


Dato che il signor Palomar è miope deve continuamente togliersi gli occhiali per aggiustare il cristallino e adattarlo alla visione notturna in modo di essere in grado di spostare gli occhi dalla mappa al cielo e viceversa. 

Dopo aver fatto queste operazioni preliminari, Palomar si rende conto che non solo non è in grado di stabilire con esattezza se la stella che sta osservando è quella riportata nella mappa, ma non è nenache in grado di stabilire le dimensioni e le distanze. 

Il processo descritto da Calvino è allegorico: l'uomo non riesce a pervenire alla conoscenza e comunque quand'anche dovesse arrivare a coglierne qualche aspetto, si tratta di una visione parziale e contraddittoria. 

HA SENSO CERCARE DI CAPIRE E CONTINUARE A INDAGARE? 

Chi cerca di capire il mondo rischia di passare per un demente ( è proprio questo il termine usato da Calvino) ed è esattamente quello che accade a Palomar attorno al quale si accalca una piccola folla di persone incuriosita dal suo strano comportamento cercando di capire perché il Signor Palomar se ne sta su di una sdraio "contorcendosi verso sud o verso nord, ogni tanto accendendo la lampadina e avvicinandosi al naso le carte che tiene dispiegate sui ginocchi". 
Da quanto si evince dal testo e in particolare dall'episodio della contemplazione delle stelle la conoscenza è condizionata da tutta una serie di variabili che costituiscono un ostacolo insormontabile, ma davanti all'inconoscibile -ecco il messaggio di Calvino- dobbiamo continuare con ostinazione a cercare di capire liberandoci da tutti i pregiudizi.
La conclusione del romanzo è amara: Palomar si rende conto che non solo vive in completo isolamento ma che la società gli è ostile ed indifferente ritenendolo una persona strana e "demente". 



Il modo migliore per comprendere i temi affrontati da Calvino è quello di leggere interamente il libro, probabilmente - a parere di chi scrive- è l'opera più matura e complessa della sua intera produzione letteraria ed è quella che pone l'interrogativo che ancora oggi non sembra trovare una soluzione: qual'è il ruolo dell'intellettuale nella società? E' la domanda di sempre che ne precede la sconfitta, ma che non può condizionare la voglia di capire e di conoscere anche rischiando di passare per un demente.

 Palomar.jpg       

 

Bisogna sempre cercare di capire, nonostante tutto


 



 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link