Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 luglio 2012 2 10 /07 /luglio /2012 05:32

 

Perche-leggere-i-classici.jpg

 

 

"Perchè leggere i classici" è una delle opere meno note di Italino Calvino, prima di tutto perchè non è un romanzo dove il racconto si svolge in forma unitaria ma anche e soprattutto perchè non è un'opera che nasce come tale, piuttosto è una raccolta critica a carattere monografico degli scritti di Calvino che vertono tutti su una tematica: cos'è il libro classico e quali sono i motivi per cui è importante leggerlo. 

Vediamo i punti salienti di questa raccolta che si rivela molto utile anche per motivare le proprie scelte di lettura: 

COSA SI INTENDE PER CLASSICO E COSA INTENDE CALVINO 

Per classico si intende nel linguaggio comune quell'opera o quell'autore insigne che si contraddistinguono per particolari qualità, spesso il termine è usato anche nel senso di qualche cosa o qualcuno che fa parte del passato o che non si distingue per delle stavaganze, per cui si dice, per esempio, "è un classico". 

Calvino dà una puntuale e precisa definizione di classico: è classico quel libro che ha valore universale e che costituisce un punto di riferimento nella costruzione della propria scala dei valori. 

E' quindi una definizione che si distacca da quella concepita nel linguaggio comune e che rimanda all'aspetto formativo del singolo che inizia a scuola ma che prosegue per il resto della vita. 

In questi saggi critici, Calvino affronta più volte il tema della funzione della scuola e del suo valore formativo sia a livello individuale che sociale e soprattutto rimarca come la scuola sia l'occasione per lambire i classici, per avvicinarvisi carpendone lo spirito ma non necessariamente per affrontarli con una lettura organica; tale difficoltà dipende non solo dalle ambiguità dei tempi scolastici ma anche dalla giovane età degli studenti che difficilmente hanno un aprroccio critico nei confronti delle letture classiche. 

Questo punto è fondamentale per Calvino: la lettura può essere anche uno scorrere le parole senza avere capito completamente lo spirito di un autore o di un' opera ma in suo valore pedagogico rimane comunque in quanto rimane sempre qualcosa dentro, dei semi che possono svilupparsi e germogliare in età adulta quando la capacità critica si è sviluppata. 
Affrontare quindi una lettura in età adulta significa autoformarsi cogliendo in quello scritto o autore classici il valore universale dell'opera: la lettura dell'Odissea al di fuori degli angusti spazi scolastici fa cogliere, ad esempio, nel lettore adulto il valore universale della figura di Ulisse e la sua assolutizzazione svincola il personaggio Ulisse dall'ambito letterario dell'opera e lo inquadra all'interno di una scala di valori universalmente accettato. 

E' interessante il discorso che Calvino fa sulla conoscenza dei classici spesso condiizionata da un'impostazione critica che ne limita la visione a quello che altri hanno detto sull'autore o sull'opera e che non necessariamente coincide con quello che l'autore è e con quello che l'opera dice: è un aspetto non secondario per chi volesse avere un approccio libero da condizionamenti e per chi volesse fare proprio un classico. 

Perchè leggere i classici è anche un invito a leggere un'opera classica in età adulta, liberandosi da qualsiasi condizionamento, cogliendo quegli elementi che sono rapportabili alla propria scala di valori e che non necessariamente coincidono con lo spirito dell'opera, in questo modo il lettore si fa critico e incorpora lo spirito del libro facendolo proprio. 
Solo con questa modalità d'approccio, la lettura del classico ha un senso perchè solo in questo modo la rilettura del classico in età adulta lascia un'impronta indelebile, altamente formativa, stimolante e cratrice di valori. 

"Il (tuo) classico è quello che non può esserti indifferente e che ti serve per definire te stesso in rapporto o magari in contrasto con lui" (Italo Calvino)

Conclusione: Leggiamo, leggiamo........qualcosa rimarrà


 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link