Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 giugno 2014 4 05 /06 /giugno /2014 15:12

PLATONE

 

2526824813_0c3f050ce5.jpg

Secondo il pensiero platonico l'uomo appartiene a due realtà: quella del mondo intelligibile o delle idee e quello del mondo sensibile,  il primo è il mondo eterno e perfetto, il secondo è quello delle cose mutevoli e imperfette quindi il fine ultimo dell'uomo è quello di ricongiungersi al mondo intelligibile. L'uomo essendo attratto da entrambi i mondi tuttavia è chiamato alla trascendenza, in quanto il corpo è una prigione dell'anima, è il corpo la sede delle pulsioni e delle scelte irrazionali, è il corpo che impedisce all'uomo di elevarsi se non si fa guidare dall'equilibrio che è una caratteristica dell'anima intellettiva.

Nonostante questa condanna del corpo e della realtà materiale, Platone ritiene che il mondo sensibile debba essere valorizzato e governato. Queste indicazioni trovano una loro completa teorizzazione nel celebre mito dell'auriga illustrato in una delle opere più suggestive di Platone: il Fedro. In questa opera il filosofo greco spiega che l'anima intellettiva è simile all'auriga che guida un carro trainato da due cavalli: l'anima irascibile e l'anima concupiscibile, l'auriga sa quando deve frenare, pungere o trattenere i deu cavalli e in tal modo fa sì che il carro non venga rovesciato dal loro impeto selvaggio. Si potrebbe obiettare che la vita morale secondo Platone deve essere indirizzata verso l'ascetismo come supremo ideale di vita, tuttavia le passioni non sono negative in sè in quanto rappresentano un'opportunità, l'importante è non farsi travolgere da esse. La virtù è quindi essenzialmente capacità di equilibrio, la virtù coincide con la razionalità nel senso che rappresenta il vero argine nei confronti delle forze irrazionali, ma la virtù è anche giustizia nel senso di equilibrio tra le parti.

Il concetto  di Stato organico espresso da Platone è la forma esterna della prima virtù a cui deve essere improntata la vita dell'uomo: la giustizia. Vive secondo giustizia l'uomo che sta al suo posto e che rispetta la gerarchia, vive secondo giustizia l'uomo che instaura rapporti  equilibrati  con gli altri uomini . Le altre virtù dell'anima dell'uomo sono:

  • la saggezza, la sapienza e la prudenza  sono virtù proprie dall'anima intellettiva, l'uomo che saggio, sapiente e prudente è l'uomo che sa dirigere le passioni.
  • la fortezza e la virilità virtù  necessarie per affrontare le difficoltà della vita e che corrispondono dall'anima irascibile.
  • la temperanza necessaria a non farsi travolgere dai piaceri della vita prodotti dall'anima concupiscibile.

 

L'uomo gettato nel mondo e  la cui anima proviene dal mondo intelligibile si trova così ad affrontare un viaggio dove il cavallo  nero dell'anima concupiscibile deve essere continuamente domato, il cavallo nero è quello che tende a trascinare l'uomo verso le passioni ma che nello stesso tempo alimenta la vita e ne permette il suo perpetuarsi. L'uomo morale è quindi colui che riesce a tenere in perfetta armonia le tre parti dell'anima in modo che egli possa raggiungere la realizzazione del valore supremo del Bene-Bellezza.

 

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/41099823@N00/2526824813

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Platone

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link