Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
21 febbraio 2012 2 21 /02 /febbraio /2012 07:29

Nei primi quattro mesi del suo mandato, il Presidente del Consiglio Mario Monti ha dimostrato un'attività che è mancata a tutti gli esecutivi che lo hanno preceduto, bisogna riconoscerlo. Come bisogna ammettere che la lotta all'evasione fiscale ha avuto un impulso notevole con iniziative che stanno incominciando a dare i loro frutti. Gli italiani che evadono sono molti e non solo tra i commercianti, fino ad ora nessun blitz è stato effettuato negli studi di medici e avvocati, ma le attenzioni si sono rivolte solo ai commercianti che non sono certo l'unica categoria in cui si annida l'evasione. Troppe categorie continuano poi a godere del vantaggio di essere poco visibili e tra questi vi sono tutti quei dipendenti che hanno il secondo lavoro e che evadono esattamente come gli autonomi. Sarebbe auspicabile che anche in questo settore si setacci il mondo sommerso dei dopolavoristi che sottraggono risorse al fisco.

Con la riforma del mercato del lavoro e degli ammortizzatori sociali si entra in un campo che non potrà essere affrontato con la logica dell'andiamo avanti senza tenere conto dei sindacati; trattare delle materie delicate senza avere la collaborazione delle parti sociali significa creare le premesse per una coflittualità che sicuramente scoppierà nei prossimi mesi. Fare la riforma del mercato del lavoro entro inizio marzo come ha più volte annunciato il ministro Elsa Fornero non è un obbligo se non si risolve il problema del lavoro che non c'è perché troppe aziende stanno portando il lavoro fuori dall'Italia, magari in Serbia, per pagare gli operai 200,00 euro al mese. In ogni caso se non si abbassano le tasse sul lavoro e sulle imprese qualsiasi discorso di riforma è inutile, le tasse troppo alte sul lavoro deprimono l'economia e la capacità di crescita.La trattativa sul mercato del lavoro crea anche tensioni nel mondo politico, le posizioni attuali di molti esponenti della sinistra sul mercato del lavoro anche quando ci sarà l'appuntamento alle urne. Le critiche rivolte a Giorgio Napolitano a Cagliari sono solo l'inizio di un dissenso che sta montando ovunque, eppure la classe politica non fa niente per risolvere il disagio e il malessere che sta creando dei pezzenti senza diritti ed esclusi da qualsiasi prospettiva occupazionale.

I sindacati, d'altro canto, non possono solo difendere i presunti diritti dei soli iscritti e in particolare dei dipendenti pubblici che passano indenni da qualsiasi crisi e il cui costo finisce col pesare insieme alle pensioni, per il 52 per cento del debito pubblico. L'inasprimento fiscale che stanno pagando tutte le categorie è stato deciso per pagare le spese fisse: stipendi dei dipendenti della pubblica amministrazione e pensioni. Molti precari della pubblica amministrazione, oggi esclusi dalla certezza del posto fisso fino alla pensione, non potranno essere assunti con una sanatoria. Di questo i sindacati dovranno tenerne conto, in caso contrario anche l'Italia sarà costretta a seguire la via ellenica: o diminuire gli stipendi dei dipendenti pubblici o licenziarli.

Per le aziende medio piccole la priorità deve essere la sopravvivenza delle stesse, legata giustamente alla possibilità di non essere soffocate da un fisco che spesso è diventato insostenibile. Un'impalcatura di questo tipo non può reggere alla lunga, troppa gente è entrata nella pubblica amministrazione (enti locali e scuola) senza aver sostenuto un concorso pubblico. Il risultato è che abbiamo oggi strutture elefantiache che costano e che finiscono per incidere notevolemente sulla spesa pubblica.Se la riforma del mercato del lavoro colpirà ancora una volta i lavoratori delle aziende private, saremo punto da capo, vorrà dire che beni e merci li compreranno solo i garantiti e le volpe grigie, intorno a loro vi sarà solo una massa di paria simili ai "pezzenti di Calcutta".

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Società

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link