Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
25 luglio 2012 3 25 /07 /luglio /2012 15:04

Le opere di Luigi Pirandello sono spesso caratterizzate dalla presenza di personaggi commoventi e divertenti, ma anche eccentrici e bizzarri e i sentimenti da loro espressi si possono definire universali perché appartengono agli infiniti modi attraverso i quali si manifesta il comportamento umano. 
Pirandello per tutta la vita ha scritto delle opere non facendo prediche ma illustrando degli esempi, delle patologie, delle sindromi individuali che diventano collettive oppure prendendo il posto del personaggio principale del suo racconto ed esprimendo attraverso di lui la sua verve polemica e provocatoria 

"Quaderni di Serafino Gubbio operatore" è un romanzo che rappresenta la continuazione de "Il fu Mattia Pascal"; chi è Serafino Gubbio? E' Mattia Pascal reincarnato che come lui, svolge un lavoro di operatore del cinema, così si presenta: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno". Pirandello quindi pone Serafino Gubbio in una duplice veste: quella dell'osservatore e quella del narratore, ancora una volta l'autore privilegia uno stile che è un ibrido tra la narrativa e il canovaccio teatrale che permette anche la lettura del testo destrutturata ed episodica senza che ne risenta affatto la comprensione del racconto nella sua totalità. 

NON SAPERE PER PAURA DI SCALFIRE IL PROPRIO SISTEMA DI VITA 

Ecco allora che Serafino nel suo ruolo di indagatore degli altri crea turbamento al punto che solo con lo sguardo induce il prossimo a trasformare la propria certezza in perplessità in questo modo la vita appare come qualcosa di insensato. 
Ritorna quindi il tema dell'oltre, ossia della verità che c'è dietro ad ogni situazione, dice infatti Serafino rivolgendosi a degli interlocutori ideali: "Voi non volete o non sapete vederlo" riferendosi al fatto che la maggior parte delle persone non mette in discussione niente perché ha paura che il proprio sistema di vita venga scardinato (quanta verità c'è in questo!). 

PIRANDELLO CONTRO LA DISUMANIZZAZIONE DEL LAVORO 

Ad un certo punto Serafino/Pirandello affronta il tema delle macchine, profetica è questa frase: 

"....vorrei dir meccanico della vita che fragorosamente e vertiginosamente ci affaccenda senza requie. Oggi, così e così, questo e quell'altro, correre qua, con l'orologio alla mano, per essere in tempo là"..... 

....la colazione, il giornale, la borsa, l'ufficio, la scuola, la bottega, la fabbrica, il tribunale e se volessimo aggiornare l'elenco: l'ufficio, la fabbrica, le poste, lo spread e alla fine della giornata tanta stanchezza da sentirsi -per dirla alla Serafino/Pirandello- intronati da tanto stordimento. 
Serafino/Pirandello osserva che nessuno si sofferma a pensare se quello che vede fare agli altri sia davvero conveniente farlo, al punto che anche quando dovrebbero svagarsi finiscono collo stancarsi (quanta verità anche in questa osservazione!). 

E' il meccanismo fragoroso della vita che rapportato al nostro tempo costringe la gente a lavorare di più per acquistare cose che la fanno solo indebitare e lavorare di più. 

PIRANDELLO IL SOVVERSIVO ANARCHICO 

Con sarcasmo Serafino parla del suo lavoro definendosi un operatore che non opera, il suo lavoro consiste nel sistemare un treppiedi sotto le indicazioni del direttore ossia del regista, un lavoro se vogliamo inutile dove l'uomo è solo una protesi della macchina, ma che proprio per questo nasconde un'insidia come tutti i lavori che soppiantati dalla tecnologia, rendono l'uomo stesso inutile a svolgerlo. 
Nel libro ricorre spesso l'idea della macchina come una sorta di mostro insaziabile che divora tutto anche l'anima dell'uomo. 
La domanda che Serafino si pone dovrebbe fare riflettere, si chiede infatti come mai dinanzi a tanta insensatezza l'umanità non sia impazzita distruggendo tutto. Quello di Serafino/Pirandello è una osservazione o un auspicio? Si può propendere per la seconda ipotesi, considerando che questa ideologia di stampo piccolo borghese è presente in molti altri autori "pacifici" come ad esempio Italo Svevo, per non parlare poi del cinema e di quel capolavoro de "Un borghese piccolo piccolo" di Mario Monicelli in cui vengono messi alla berlina i vizi degli italiani. 

LA DISTRUZIONE O IL MUTISMO 

Quale può essere allora il modo migliore per difendersi? Serafino sceglie il mutismo che rappresenta una forma di difesa e di salvezza, dice Serafino in questo modo sono diventato "perfetto", un perfetto finto alienato in un modo realmente alienato. Impassibile dinanzi a tutto, insomma un perfetto seguace dello stoicismo. 

E' IL SUPERFLUO LA CAUSA DEI CONFLITTI 

I geni dell'economia dicono che i consumi sono lo sviluppo, lo pensano anche i sindacati e gli operai, più c'è consumo, più c'è lavoro e la giostra in tal modo rincomincia, l'operaio prende lo stipendio, spende e si indebita, ma per Serafino/Pirandello è il superfluo la causa dell'infelicità. Invito il lettore a soffermarsi sulla parte finale del romanzo, è illuminante. 

Tra le diverse edizioni presenti in commercio si consiglia la seguente: 

Quaderni di Serafino Gubbio operatore, a cura di M.A. Grignani, intr. N.Borsellino, Garzanti, Milano, 1993.

 

 

6171702293_972b0b9834.jpg

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link