Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
15 agosto 2012 3 15 /08 /agosto /2012 13:25

siti di article marketing

Quando si parla di autori russi è ormai un luogo comune quello di sottolineare un presunto difetto: "quello di essere noiosi"; niente di più fuorviante per i lettori che dovrebbero avvicinarsi ad ogni autore senza preconcetto. Anton Cechov va esattamente in direzione contraria allo stereotipo disegnato da coloro che non conoscono la letteratura russa e il cui giudizio è stato in parte influenzato dalle noiosissime riduzioni televisive in bianco e nero trasmesse negli anni '60. 
Ma Cechov non è Leon Tolstoj, non scrive romanzi lunghi dove il rischio per il lettore è quello di perdere il filo della trama o quello di abbandonare il testo dopo la lettura del primo capitolo, Cechov è uno dei più straordinari autori di novelle e racconti brevi, non è noioso, è sobrio ed è l'autore perfetto per i lettori di ogni epoca perché sa rappresentare, in modo magnifico, i personaggi della vita quotidiana, con le loro debolezze e i loro difetti. 

Leggendo infatti i racconti di Cechov è facile procedere per analogia trovando delle corrispondenze con la propria realtà, così ci accade ogni volta che riprendiamo una delle novelle contenute nelle sua raccolte. 
La prima raccolta di Cechov che abbiamo letto è stata "Racconti variopinti" che contiene una serie di racconti scritti a partire dal 1883; la forma letteraria preferita da Cechov era quella della novella; lo scrittore russo era solito "passare" i suoi scritti a riviste di poca importanza che, all'epoca in cui visse, avevano una scarsissima diffusione nella società russa composta per lo più da una pletora di analfabeti. 
Quello che più apprezziamo di Anton Cechov è il suo saper raccontare con distaccato umorismo l'umanità nella sua universalità. 
Come di Verga ricordiamo novelle quali "La Roba", "La Lupa" o "Rosso Malpelo" così di Cechov ho ben fissato nel mio immaginario alcune delle sue straordinarie novelle come, ad esempio, "Il camaleonte", "Lo starnuto" , "I contadini", "La fidanzata". Ecco la mia selezione: 

IL CAMALEONTE 

La novella è tutta incentrata sul commissario Ociumielov che si trova nell'imbarazzo di prendere dei provvedimenti nei confronti di un cane che ha morso l'orefice Chriukin. 
Il racconto è dinamico e segue il flusso di informazioni che lo stesso commissario riceve nel corso delle sue indagini. Più nuove informazioni riceve, più cambia idea, da questo comportamento deriva il titolo della novella. Il commissario procede come un camaleonte e come il camaleonte cambia il colore della pelle adattandosi all'ambiente in cui si trova, così Ociumielov si adatta al suo ambiente di vita. 
Analogie con l'universale comportamento umano? Tante. Naturalmente il lettore troverà in questo e negli altri racconti della raccolta il punto di vista del commissario, insomma niente a che fare con il modo di procedere, ad esempio, di Maupassant che quando racconta inserisce i suoi commenti condizionando il giudizio di chi legge. 



LO STARNUTO 

Della raccolta è quello che più mi è piaciuto, prima di tutto per la sua brevità e poi per la storia in sé esposta con uno stile al limite del surreale. 
Il protagonista del racconto è il "magnifico usciere" Ivàn Dmitric Cerviakòv che si trova in un teatro per seguire "Le Campane di Corneville", quando all'improvviso starnutisce colpendo senza volerlo un generale, il banalissimo episodio gli crea un senso di colpa talmente forte che provocherà in lui la morte. 

Ecco la conclusione (vale la pena citare il passo per avere un'idea dello stile di Cechov): 

"Nel ventre di Cerviakòv qualcosa si lacerò. Senza vedere nulla, senza udir nulla, egli indietreggiò verso la porta, uscì in strada e si trascinò via.....Arrivato macchinalmente a casa, senza togliersi la divisa di servizio, si coricò sul divano e.....morì"

La caratteristica di tutti i racconti è la presenza di espressioni brevi in cui Cechov descrive abilmente gli stati d'animo e i comportamenti interiori dei personaggi, il lettore troverà una corrispondenza tra il modo di comportarsi di ciascun personaggio e gli accadimenti vissuti in un gioco di continui rimandi in cui diventa difficile comprendere se sono i protagonisti a causare gli eventi o se gli eventi determinano la reazione e influenzano il comportamento dei protagonisti. In questo Cechov è stato un maestro!!! 


INFORMAZIONI SUL LIBRO


Titolo Racconti (1885) 
Autore Cechov Anton 
Editore Feltrinelli (collana Universale economica. I classici) 
Prezzo di copertina: 9,80 Euro. 

Se ne consiglia la lettura.

Cechov acconta l'uomo, l'uomo di ogni tempo. Un maestro.

 

Articolo di proprietà dell'autore adattato per questo spazio.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link