Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
16 aprile 2014 3 16 /04 /aprile /2014 09:36

  Regole per il picchettaggio - Mohandas K. Gandhi

 

 

Il pensiero di Gandhi non può essere considerato filosofia nel senso tradizionale del termine, eppure il suo pensiero può definirsi filosofia come teoria etica e come azione. La filosofia della non violenza  teorizzata da Gandhi continua a rimanere l'unica risposta  di lotta possibile nei sistemi democratici. Agire con violenza significa solo provocare una reazione che costituisce l'alibi di tutte le oppressioni.

 

 

 

 

4921858974_1bc706f670.jpg

  Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/42956036@N03/4921858974

 

Gandhi non fu solo il teorico della non-violenza ma elaborò tutta una serie di regole comportamentali da adottare nelle varie azioni di contrasto e di lotta contro il potere. Più è autoritario il potere, più è necessario da parte degli oppositori evitare ogni forma di confronto fisico nel quale inevitabilmente chi detiene l'uso delle armi avrebbe la meglio.

 

Il 19 marzo 1931 scrisse un articolo nel quale in modo puntuale fissa "alcune regole per il picchettaggio degli spacci di alcolici e di manufatti stranieri"

 

Scrive Gandhi:

 

" Durante il picchettaggio di rivendite di tessuti stranieri, alcolici e droghe, è necessario rammentare che lo scopo che ci si ripropone è il passaggio dalla nostra parte di chi dipende dal vizio e dei compratori. L'obiettivo che perseguiamo è quello di realizzare una riforma etica ed economica. Ciò che ne consegue dal punto di vista politico è solo un effetto collaterale. Se il Lancashire smettesse di fare esportazioni in India di tessuti e se il governo smettesse di utilizzare gli incassi dell'abkari per i fini più disparati ad eccezione di quello di eliminare l'alcolismo e l'abitudine riprorevole della droga, noi avremmo ugualmente il dovere di seguitare a fare attività di picchettaggio e di propaganda.

Le seguenti linee guida vanno intese in tale ottica:

  1. Quando si picchettano le rivendite bisogna concentrare l'attenzione sugli acquirenti.
  2. Non bisogna mai essere scortesi con gli acquirenti o i venditori.
  3. Non bisogna fare degli assembramenti o sbarrare l'accesso con dei cordoni.
  4. Bisogna fare un'attività silenziosa.
  5. Bisogna tentare di ottenere il consenso dell'acquirente o del venditore con la cortesia e non facendo pressione con il numero.
  6. Non bisogna ostruire il traffico.
  7. Non bisogna dire "hai, hai",  nè utilizzare altre frasi ingiuriose.
  8. Bisogna conoscere il nome e il cognome degli acquirenti e tentare di entrare nelle loro case e di avere il loro consenso. Ciò significa che devono essere sempre le stesse persone quelle che fanno il picchettaggio dei negozi.
  9. Bisogna cercare di capire le problematiche degli acquirenti e dei compratori e quando non si è in grado di perseguire questo obiettico è necessario contattare i propri superiori.
  10. Se si fa un picchettaggio di un negozio di tessuti stranieri, bisogna portarsi dietro del khadi o almeno un campionario con i prezzi e sapere dove è possibile comprare del khadi per orientare gli acquirenti. Se l'acquirente non ha intenzione di comperare del khadi e chiede con inistenza di avere dei prodotti fabbricati nell'industria, bisogna oreientarlo verso una rivendita di proprietà di un commerciante indiano.
  11. Bisogna portare sempre con sè una grande quantità di materiale di propaganda per lasciarlo ai clienti delle rivendite.
  12. Bisogna prendere parte a manifestazioni, discorsi in pubblico avendo o no la lampada magica, incontri religiosi ecc., oppure occuparsi di prepararli in prima persona.
  13. Bisogna annotare in un diario la propria attività quotidiana.
  14. Se si constata che i propri sforzi non hanno successo, è neccessario non perdere coraggio, ma si deve sempre avere fiducia nella legge universale della causa e dell'effetto ed essere fermamente convinti che nessuna idea, nessuna parola e nessuna azione giusti rimangono senza portare dei frutti.
  15. Avere idee pure, fare delle azioni giuste dipende da noi; il premio è solo nelle mani di Dio.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofia della non-violenza

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link