Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 aprile 2014 7 20 /04 /aprile /2014 04:17

JULIUS EVOLA

Rivoluzione dell'alto

 

 

 

 

 

 

 

 

"Una caratteristica generale dei tempi ultimi è l'urgenza, la spinta e l'azione di rottura esercitata partendo dal basso, e in funzione del basso, sulle strutture esistenti sociali e culturali: il che corrisponde al solo significato proprio e legittimo del termine «sovversione»".

 

Con queste parole inizia un articolo di Julius Evola intitolato "Rivoluzione dall'alto" pubblicato sul quotidiano "Roma" agli inizi degli anni '70 e presente nel volumetto "Ultimi scritti" per le edizioni Controcorrente edito nel 1977. In questo articolo Evola ribadisce la necessità di un'azione rivoluzionaria che parta dall'alto e prende le distanze dall'azione di rottura di quelle forze sovvertitrici che partono dal basso "dal basso, inteso con riferimento sia a strati sociali inferiori, sia a valori inferiori".

Pur riconoscendo la legittimità di una rivolta  verso il mondo moderno, la società borghese e il capitalismo, egli ritiene che tale azione abbia come unico riferimento la cosiddetta "giustizia sociale" e rivendica la giustizia distributiva basata sul principio del "suum cuique"  e che trova i suoi riferimenti in Aristotele e Cicerone.

Una giustizia così concepita e al servizio della "cosiddetta «classe lavoratrice » a scapito degli altri ceti", viene definita da Evola pseudo-giustizia partigiana in quanto stimola esclusivamente le rivendicazioni del ventre mentre il principo della reazione a cui egli si richiama deve avere come fine ultimo i "valori qualitativi, aristocratici e spirituali".

 

Nel quadro del complesso orizzonte politico e sociale a cui fa riferimento Evola prosegue la sua critica verso due altri fenomeni del mondo contemporaneo: la psicanalisi e il moderno irrazionalismo; pur ricoscendo la legittimità della critica contro il feticismo della ragione e della intellettualità astratta non ne condivide gli esiti che hanno finito col privilegiare la sfera dell'irrazionale e dell'inconscio.

 

Evola ha elaborato la sua riflessione facendo spesso riferimento agli aspetti molteplici e contradditori della società e della cultura del tempo, può quindi oggi apparire insopportabile la sua feroce critica all'idea della cosiddetta "giustizia sociale" diventata un totem intoccabile a cui tutti fanno continuamente riferimento per lucrare il consenso degli strati popolari che vivono qualsiasi forma di disagio.

Egli che non cercava il consenso dei contemporanei, era ben conscio del fatto che in una democrazia la giustizia sociale è uno slogan privo di senso in quanto le più grandi differenze sociali si realizzano proprio in un sistema in cui l'unica cosa che conta è il profitto. Se la democrazia realizza la giustizia sociale è un problema ancora aperto, resta il fatto che la difesa dei ceti inferiori è una fandonia che ha il solo obiettivo di legittimare i propri previlegi. Molti di coloro che vengono dal basso vorrebbero accedere alla cerchia di coloro che vivono di privilegi e di ingiustizia sociale, quel che conta è solo risolvere (economicamente) la propria situazione personale, in questo senso la rivoluzione dal basso si è attuata con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti.

 

Il tempo di una rivoluzione in nome di valori proletari è trascorso, ma la crisi delle strutture politico-sociali, culturali ed intellettuali  è ancora in atto e sembra lontana la sua parabola discendenteIl mondo globalizzato è sempre più un mondo competitivo ed ingiusto dove si sgomita per prevalere.

Che questa crisi investa anche gli aspetti più squallidi dell'esistenza è fuori di dubbio, senza una rivoluzione interiore che faccia riferimento a valori autentici e veri non ci può essere alcuna giustizia sia nell'ambito pubblico che in quello privato.

 

Potrebbero anche interessarti:

 

Vilfredo Pareto l'anticonformista - Julius Evola


 

 

 


Protected by Copyscape Online Plagiarism Detection

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Evola Julius

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link