Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
25 agosto 2012 6 25 /08 /agosto /2012 16:20

contatore gratis

Vogliamo consigliare a tutti coloro i quali sono alla ricerca di libri dimenticati un prezioso volumetto di Guido Gozzano, intitolato semplicemente "San Francesco d'Assisi". 
Prima di tutto è necessario sgombrare il campo da qualasiasi equivoco, l'opera di Gozzano non rientra tra le cosiddette "opere religiose", ma può essere catalogata come una "prova di sceneggiatura" destinata al cinema nascente che nel 1916, come è noto, non solo era agli albori, ma non aveva quella che per noi è una caratteristica scontata: il sonoro. 
La differenza che passa tra il cinema muto e quello sonoro non risiede nel fatto - come si potrebbe comunemente pensare - che in uno "si sente parlare e nell'altro no", ma nella grande enfasi che viene data all'espressività dei volti e dei gesti che devono comunicare, attraverso l'arte della recitazione, sensazioni e impressioni. 
Approcciarsi a quest'opera che potrebbe essere catalogata come un'opera minore di Guido Gozzano, permette di conoscere come gli autori dell'epoca che si dedicavano alla scenggiatura, affrontavano il problema della recitazione; mentre infatti nel teatro le tecniche erano simili a quelli che attualmente vengono impiegate nella recitazione, nel cinema si doveva impostare la sceneggiatura in relazione alle caratteristiche del cinema dell'epoca. 

Leggendo il volumetto si nota prima di tutto la precisione, quasi certosina, che Gozzano profuse nella ricostruzione della figura di San Francesco e dell'epoca a lui coeva, lo stesso Gozzano in alcune note rivelò che per preparare la sceneggiatura del San Francesco d'Assisi, si documentò girando molte biblioteche per procurarsi le opere di San Francesco in modo da dare non solo attualità alla sceneggiatura stessa, ma anche per fornire una ricostruzione aderente storicamente alla figura di Francesco, cercando di uscire fuori dall'agiografia di stampo religioso che rappresentava il "poverello" in modo talvolta banale. 
Tale finalità, a mio parere, è perfettamente riuscita in quanto Gozzano, pur non essendo un religioso, realizzò una ricostruzione storica della figura di Francesco perfettamente aderente a quelle che erano le aspettative della sensibilità popolare delle maggior parte dei cattolici italiani. 
Bisognerebbe infatti mettere l'accento proprio sull'italianità di un'opera che che probabilmente era indirizzata a un pubblico nostrano vista anche l'attenzione data ad altre figure di santi come Santa Chiara e Santa Caterina. 
La figura di Francesco che appare disegnata da Gozzano è quella che sicuramente è più vicina alla realtà di un uomo che fu prima di tutto uno straordinario evangelizzatore che interpretò in maniera più autentica il messaggio del Cristo. 
Rileggere la sceneggiatura ci permette di scoprire la figura del santo e del suo rapporto con il dolore che è poco comprensibile per noi anche se ci diciamo crisitiani. E' una corrente di pensiero, quella che della svalutazione del corpo che è tipicamente medievale, però è importante comprendere le ragioni della svalutazione del corpo per capire il significato delle stimmate e del dolore mai rifiutato che sembra addirittura quasi sempre invocato. 

Probabilmente la scelta di Gozzano di trattare il soggetto di un copione così particolare come quello di San Francresco, nasceva da una sincera ammirazione nei suoi confronti e "forse" anche alcune sue scelte nella vita privata ( così come si apprende dalla sua breve ma intensa biografia) sono spiegabili anche in questa direzione. 

Dal punto di vista letterario Guido Gozzano è sempre stato inquadrato tra i cosiddetti "autori crepuscolari" eppure oltre a questo aspetto che ritengo alquanto riduttivo, c'è un aspetto molto più profondo ed è quello del misticismo, una sorta di sacro furore che pervadeva l'esistenza di Gozzano esattamente come quella di Francesco. 
Taluni critici parlano di "francescanesimo di Gozzano", se per francescanesimo intendiamo la sua vocazione a al rifiuto verso qualsiasi estriorità, senza dubbio possiamo accettare questa interpretazione. 
Ecco allora che anche la "fiaba francescana" raccontata da Gozzano può essere inscritta in quel rifiuto dell'esteriorità che era prima di tutto un rifiuto verso d'Annunzio e verso il dannunzianesimo. 
La vita di Gozzano, è bene ricordarlo, non fu affatto inimitabile come quella del Vate, anzi la sua breve vita fu contrassegnata dalla malattia ( non ci è dato sapere quanto fosse accettata) e da una prematura scomparsa ( anche per la vita media dell'epoca) a soli 27 anni. 
Probabilmente l'ammirazione verso Francesco nasceva anche dalla contraddizione che era in lui presente: da una parte lo slancio e la passione ( leggete a questo proposito la "Cruna del mondo") e dall'altra parte una sorta di autocensura e autocontrollo che Gozzano esprimeva attraverso la scrittura; ma una cosa è certa come Francesco, Gozzano fu un irriducibile e non vi è contraddizione tra la vitalità dell'uno e dell'altro, anzi.

 

 

 

 



Un noto uomo politico italiano ha sostenuto pubblicamente in TV che il padre di San Francesco ha fatto più bene all'umanità di quanto non avesse fatto suo figlio che aveva (secondo lui) contribuito a diffondere la povertà e quindi a far stare male gli uomini. Non vorrei commentare la superficialità di tale affermazione nè tantomeno ricordare che l'aderenza ai valori autentici del cristianesimo significa anche rispetto della natura, parchi consumi e solidarietà. 
Gozzano lo aveva capito...e con cura quasi maniacale preparò questo copione che può essere per il lettore più di una semplice curiosità da affrontare non con lo spirito di chi si trova davanti ad un reperto archeologico, ma con rinnovato interesse verso i veri valori del cristianesimo. 


"Ed io non voglio più essere io! 
Non più l'esteta gelido, il sofista, 
ma vivere nel tuo borgo natio, 
ma vivere alla piccola conquista 
mercanteggiando placido, in oblio 
come tuo padre, come il farmacista..... 
Ed io non voglio più essere io!" 

Guido Gozzano

 


Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link