Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
29 aprile 2014 2 29 /04 /aprile /2014 03:10

Scienze dello spirito e scienze della natura

Wilhelm Dilthey

 

 

 

 

 

dilthey.jpg 

 

Wilhelm Dilthey (1883-1991) filosofo e storico della filosofia è stato un esponente dello storicismo relativistico, un indirizzo della filosofia che si sviluppò in reazione al clima positivistico di fine Ottocento e che pose attenzione al problema della realtà vista sotto l'aspetto storico e come processo in movimento. In questo senso la sua elaborazione filosofica è antipositivistica e anti-idealistica in quanto si pone come obiettivo quello di definire una distinzione tra il sapere storico e quello scientifico.La storia non viene vista da D. come un processo di affermazione dello spirito assoluto così come intese Hegel ma come un'esperienza unica ed irripetibile vissuta dai singoli popoli in una deteminata epoca.

 

Di fondamentale importanza nella teoria elaborata da Dilthey è la distinzione tra scienze dello spirito e scienze della natura. Per scienze dello spirito D. intende «il complesso delle scienze che hanno come loro oggetto la realtà storico-sociale».(1)

Un ulteriore distinguo nell'analisi di D. riguarda il concetto di scienza sotto il quale si indicano «un insieme di proposizioni i cui elementi sono concetti, perfettamente determinati, costanti in tutta la connessione di pensiero e forniti di validità universale, i cui legami sono fondati, in cui infine le parti sono reciprocamente connesse in una totalità allo scopo di poter comunicare, cosicchè un elemento della realtà può essere concepito nella sua compiutezza in virtù di questa connessione di proposizione oppure un ramo dell'attività umana può essere regolato in base ad essa».(2)

 

Nell'ambito delle scienze dello spirito rientra il complesso delle scienze dell'uomo , della storia e della società, D. rifiuta la posizione dei positivisti che avevano negato alla storiografia il «rango di scienza»; nello stesso tempo individua l'errore di fondo di tutte le discipline positivistiche a partire dalla scienza della società (sociologia), discipline che definisce «troppo ristrette in rapporto all'oggetto che devono esprimere»(3).

Insegna D. che nella storia del pensiero vi sono stati numerosi tentativi di delimitare il regno della storia rispetto a quello della natura;  nel Medioevo ad esempio Tommaso d'Aquino distinse  i due momenti  ma tale distinzione era funzionale al concetto di gerarchia del creato dove alla base vi è il mondo dei corpi distinto da quello degli spiriti costituito da sostanze spirituali che sono incorporee per sé.

Più tardi Descartes elaborò il concetto di natura intesa come un grande meccanismo ma anch'egli non potè sfuggire alla spiegazione metafisica facendo ricorso a Dio che «avrebbe, come il più abile degli artefici, predisposto fin dall'inizio i due orologi del sistema materiale e del mondo degli spiriti.» (4).

 

Per la costituzione delle scienze dello spirito è necessario partire dall'esperienza vissuta (Erlebnis)  in questo senso dette scienze sono scienze dell'esperienza in cui sono «contenuti i princìpi del nostro conoscere, che determinano in quale misura può esistere per noi, e i principi del nostro agire, che spiegano l'esistenza di scopi, di beni, di valori su cui è fondato ogni commercio pratico con la natura.» (5)

 

Oltre all'aspetto descritto sopra, Dilthey osserva che le scienze che hanno per oggetto i fenomeni naturali devono fare i conti con i limiti stessi della ricerca umana, limiti che tuttavia non devono essere messi in relazione con la conoscenza dei fatti spirituali; se non si avesse questa consapevolezza si ritornerebbe a Descartes e si spiegherebbe la meccanica atomistica in termini metafisici.

 

L'esigenza di distinguere le scienze dello spirito da quelle della natura è per Dilthey un'esigenza prima di tutto metodologica e critica nel senso kantiano del termine, un'esigenza che segna un passaggio importante nella distinzione tra l'oggetto della riflessione storica e la concezione che aveva della storia la precedente tradizione filosofica e in particolare quella metafisica.

La conoscenza storica si può realizzare utilizzando un metodo scientifico ma nessun metodo formale è per Dilthey davvero efficace senza l'intervento dell'Erlebnis che è nel contempo esperienza vissuta ed intuizione.

Questa concezione si presta alla critica che una storiografia così concepita è in balia dell'elemento irrazionale, tuttavia rimane irrisolto il fatto che l'analisi dei fatti storici cambia continuamente, analisi che è sempre in relazione al momento storico in cui viene effettuata in quanto i risultati a cui perviene dipendono da una serie di variabili riconducibili sempre all'esperienza vissuta dallo storiografo.

 


 

 

_______________________________________________________________________

 

NOTE

 

(1) Lo Storicismo Tedesco a cura di Pietro Rossi, Torino, 1977, p.92.

(2) Ibid. p.92.

(3) Ibid. p.93.

(4) Ibid. p.95.

(5) Ibid. p.97.

_______________________________________________________________________

 

 

Articoli correlati:

 

Il rapporto tra scienze dello spirito e scienze della natura - Wilhelm Dilthey

 

 

Sul significato di Erlebnis si veda:

 

http://www.treccani.it/enciclopedia/erlebnis/    (link)

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Dilthey Wilhelm

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link