Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 novembre 2012 7 11 /11 /novembre /2012 17:35

article marketing turismo

 

 

 

 

"Io non ho alle mie spalle nessuna autorevolezza: se non quella che mi proviene paradossalmente dal non averla o dal non averla voluta; dall'essermi messo in condizione di non aver niente da perdere, e quindi di non essere fedele a nessun patto che non sia quello con un lettore che io del resto considero degno di ogni più scadalosa ricerca" (Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari) 


Così si espresse Pier Paolo Pasolini a proposito del suo atteggiamento nei confronti della realtà storica italiana di cui colse, profeticamente, tutti quei movimenti che come degli inquietanti conati sarebbero esplosi in tutta la loro potenza negli anni successivi ai suoi scritti. 

Leggere a distanza di anni "Scritti corsari" significa addentrarsi in una realtà storica e politica che fin da allora appare immobile ma nello stesso tempo foriera di sinistri presagi. 


Scritti corsari non è un romanzo ma una raccolta di articoli, interviste e recensioni che hanno contraddistinto l'attività di impegno civile dell'intellettuale friulano; come ben specificato nella nota introduttiva dell'edizione del 1975 pubblicata per la Garzanti, sta al lettore fare quell'opera di ricostruzione di tutta una serie di frammenti che costituiscono degli interventi su fenomeni, spesso contradditori, della nostra storia recente. 

Sono vari gli interventi di Pasolini, vorrei soffermarmi su alcuni interventi che ancora oggi fanno riflettere. 

7 gennaio 1973. Il "discorso sui capelloni": 
Pasolini ricorda di aver visto per la prima volta i capelloni a Praga, in una hall di un albergo, erano due e per quanto stessero in silenzio, dice Pasolini che il loro silenzio era funzionale:parlavano senza parlare, quello che parlava era il linguaggio semiologico, il linguaggio dei loro capelli. 
Quale era il messaggio? Il messaggio era il seguente:
Noi siamo capelloni e apparteniamo a una Novità che fa scandalo, i borghesi fanno bene a guardarci con odio e con terrore, noi siamo ben consapevoli della nostra responsabilità, fate così anche voi e attendete gli Eventi (scritto nel testo con la E maiuscola). 
Anche in questo Pasolini assume un atteggiamento controcorrente dicendo che i capelloni furono un'espressione di sottocultura di protesta che si opponeva ad una sottocultura di potere. 
Eppure nonostante costoro si definissero di Sinistra, dice Pasolini, questa Nuova Sinistra è nata dentro l'universo borghese. 
Nel 1968 i capelloni furono assorbiti dal Movimento Studentesco e ne 1969- "con la strage di Milano,la Mafia, gli emissari dei colonnelli greci, la complicità dei Ministri, la trama nera, i provocatori- i capelloni si erano enormemente diffusi. 

Tutto sembrava rivoluzionario ma....( ed è quel ma di Pasolini che assume dei contorni di grande acume intellettuale) ecco rivelarsi l'aspetto irrazionalistico la maschera che sarebbe diventata funzionale al potere, la maschera era di protesta, ma non erano altro che l'atteggiamento di privilegiati ed alludevano ad un atteggiamento di "Destra". 

E' un linguaggio non comprensibile ai più giovani ma chi ricorda quegli anni sa benissimo che cosa vuole dire "reflusso": osserva, infatti, Pasolini, che la sottocultura di opposizione venne assorbita dalla sottocultura di potere, in maniera irrimediabile ed irreversibile....sappiamo come è andata a finire, i più importanti direttori dei giornali, delle banche, delle autorithy vengono proprio da lì. 

Appaiono profetiche queste parole di Pasolini: 

"Sono saltate fuori le vecchie facce da preti, da giudici, da ufficiali, da anarchici fasulli, da impiegati buffoni, da Azzeccagarbugli, da Don Ferrante, da mercenari, da imbroglioni, da benpensanti teppisti" ( Scritti corsari, pag.15). 

Ecco la critica di Pasolini (siamo nel 1974) che si fa amara e caustica, quando osserva che quella maschera è diventata una moda, utilizzata dalla reclames ( così si chiamava la pubblicità) che non ha più nessuna carica di protesta anzi è funzionale alla stessa sottocultura di potere che viene alimentata da un modo di acconciarsi che definisce "orribile, perchè servile e volgare". 



15 luglio 1973 "La prima, vera rivoluzione di destra" 

Si tratta di un brano tratti dal "Tempo illustrato" col titolo "Pasolini giudica i temi di italiano", è un articolo straordinario perchè Pasolini si scaglia contro quell'abitudine, tutta italiana, di vedere una restaurazione ovunque del fascismo ma che col fascismo non c'entra niente. 
Dinanzi alle fasi della restaurazione, osseva Pasolini, esistono due momenti: il primo nel quale la restaurazione fa di tutto per distruggere la famiglia, la cultura, la lingua, la chiesa e il secondo momento in cui la restaurazione si da dà fare per difendere le istituzioni dagli attacchi degli operai e degli intellettuali; si tratta sostanzialmente di una falsa lotta. 

Cosa accade ( e accade ancora) spesso la lotta dei gauchisti è rivolta contro la maschera, la falsa reazione, tutti fingono di non vedere. 

Nella stessa scuola (oggi cosa direbbe) vengono riproposti degli stereotipi: la lettura meramente scolastica di Pascoli e D'Annunzio si contrappone un'idea liberaleggiante di Croce riportando una frase estrapolata da un contesto ( Pasolini sta parlando dei temi assegnati all'esame di maturità). 

Questo modo di procedere ( ed oggi è eguale, vedendo i temi assegnati alla Maturità) si base su una finzione: tutti si sono attenuti ad un riformismo classico completamente lontano da ogni rapporto con la realtà. 

Perchè Pasolini critica il tema su Croce assegnato all'esame di maturità del 1973? Perchè dice Pasolini il padre di cui parla Croce non è più il padre di oggi (del 1973) perchè era un padre borghese con la barba che dava del Voi ai propri figli e che lo pretendeva imponendolo, spesso questi padri erano davanti a tavoli pieni di carte, seduti in sedie dorate non erano padri spazzini, muratori, braccianti, metalmeccanici o minatori oppure "ladri e vagabondi". 

Gli studenti, naturalmente stavano al gioco , eppure questi studenti sono stati i fratelli minori di quelli che avevano fatto il '68 e nel loro silenzio e nella loro passività Pasolini intravvede "una specie di atroce nevrosi euforica" che fa accettare qualsiasi forma di edonismo. 



Gli articoli e le recensioni sono interessantissime non solo perchè analizzano la realtà senza scadere nel conformismo intellettuale di quei tempi ma individuando i cambiamenti antropologici che in Italia già si stavano manifestando con comportamenti che oggi hanno avuto un esito conclamato con tutte le derive etiche e morali conseguenti. 

In ultimo segnalo l'articolo del 10 giugno 1974 apparso su "Il Corriere della Sera" in cui Pasolini critica quell'antifascismo di maniera e da rituale che esponeva il fianco alle vere forme di involuzione e di reazione che si servivano, spesso, di frasi vuote mentre ( e questo era il vero pericolo) il consumismo si imponeva ovunque coperto da un anacronistico moralismo di facciata che favoriva non il fascismo ma qualcosa di diverso, di completamente diverso...in questo diverso che avanzava Pasolini, intravvide profeticamente, l'inizio della dissoluzione morale che avrebbe come un morbo appestato ogni forma di convivenza civile. 

Uno dei migliori libri che affronta senza indulgenza l'attualità dell'epoca ( e i tempi che sarebbero venuti)....

 Un libro straordinariamente profetico che non può mancare nella propria libreria.


 


Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link