Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 agosto 2012 4 30 /08 /agosto /2012 10:23

article marketing italiano

Le hanno inventate tutte per abilitare all'insegnamento: la SISS (Scuola di Specializzazione all' Insegnamento Secondario), il TFA (Tirocinio Formatico Attivo) con un solo obiettivo: sfoltire il numero sempre maggiore degli aspiranti all'insegnamento.

Ma ancora una volta chi paga per questa situazione sono gli studenti e le famiglie, nei giorni scorsi l'ex ministro dell'istruzione Giuseppe Fioroni è intervenuto sul pasticciaccio delle domande sbagliate presenti nei quiz di preselezione all'ammissione ai TFA,  le prove sono state tenute nel mese di luglio, sono state spese risorse economiche ingenti e chi  ci ha guadagnato sono stati gli Atenei.

Ai quiz preselettivi avrebbero partecipato circa 150 mila persone, una massa ingente di persone che in gran parte non entrerà mai nel mondo della scuola; la critica che Fioroni e altri 27 esponenti della cultura accademica italiana si sono posti è tardiva ma è importante: quale ruolo possono avere questi test per quanto riguarda la didattica se non premiano il merito ma la fortuna? Chi supera i test sarà un buon insegnante oppure una persona abile a superare dei quiz, in altre parole chi supera i test per l'esame di guida sarà un buon guidatore?

Abbiamo avuto in Italia fior di insegnanti che hanno formato intere generazioni e fino a qualche anno fa non esistevano i corsi abilitanti, ora abbiamo i corsi abilitanti ma abbiamo una scuola incapace di formare gli studenti e nella quale cresce il numero di coloro che  la abbandonano per sempre. Dall'altro lato non vi è stata nessuna verifica sul grado di conoscenza e di capacità didattica degli insegnanti.

Da quest'anno le scuole magistrali saranno a numero chiuso, un argine tradivo per risolvere il problema alla fonte, è inutile sfornare migliaia di diplomati che andranno solo ad aumentare il numero dei senza lavoro. A quando il numero chiuso in certe facoltà che hanno prodotto migliaia di disoccupati che non troveranno mai un impiego nella scuola? A chi giova invitare ad iscriversi a corsi universitari che costano alle famiglie e che illudono le giovani generazioni su possibilità che non esistono? 

La vera selezione sta nei risultati che si ottengono all'università esame dopo esame, fare studiare un giovane per 4 o 5 anni (ammesso che non vada mai fuori corso), imporgli poi un anno di frequenza ad un corso abilitante e non dargli nessuna prospettiva occupazionale è spreco di risorse pubbliche ed è devastante sul piano individuale. Perchè allora non inserire nel piano di studi universitario il corso abilitante? La scuola italiana rischia di diventare solo la meta di chi sogna di lavorare 18 ore alla settimana per 9 mesi all'anno, ma così non si avranno mai dei buoni insegnanti, ma solo dei dipendenti pubblici, ecco uno dei motivi per cui è in aumento l'abbandono scolastico;  sono sempre di meno gli insegnanti che sanno fare didattica, sono invece sempre più numerosi coloro i quali non sanno insegnare anche se hanno superato dei quiz nozionistici. Ma per questo ci sono le trasmissioni televisive con i quiz a premio, diventare insegnante è un'altra cosa.

Rivedere il sistema di accesso all'insegnamento è necessario per costruire la società del futuro, indire un maxi concorso mostro non risolverà il problema della qualità della scuola italiana. Avremo bisogno di rispetto verso chi ha studiato e si è formato con passione pensando che così avrebbe contribuito a realizzare una società migliore, ne avremo bisogno e ne avrebbero bisogno tutti coloro che credono nel ruolo insostituibile della scuola.

 

IMGP6212.JPG

Album di Caiomario

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Società

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link