Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 agosto 2012 7 05 /08 /agosto /2012 07:04

Diamanti

Definire Antonio Tabucchi come il narratore italiano più importante che si è imposto nel panorama letterario tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 non è un'esagerazione. 
Scrittore molto raffinato che si abbandona volentieri alla citazione, riesce a comunicare, attraverso la forma scritta, in maniera chiara e scorrevole prediligendo una scrittura agile e fluida rispetto allo stile letterario ampollloso e pesante.
L'opera che ha reso famoso Tabucchi in Italia e all'estero è stata "Sostiene Pereira", opera uscita nel 1994 per le edizioni Feltrinelli. 

TRAMA 

Il romanzo narra la storia di Pereira, un giornalista di mezz'età, vedovo, grassoccio, mite e incline alla solitudine che si trova a vivere in un particolare periodo storico: nel Portogallo della dittatura di Salazar mentre in Spagna è appena avvenuta una terribile guerra fratricida. 
Siamo nel 1938, di lì a poco sarebbe scoppiata la seconda guerra mondiale. 

Pereira non è un giornalista politico, al contrario ha sempre curato la pagina culturale di un giornale che viene pubblicato il pomeriggio, il "Lisboa". 

Ad un certo punto avviene un incontro del tutto casuale e inaspettato, Pereira conosce un giovane di origine italiana, Monteiro Rossi e lo assume per fare del praticantato nel giornale e Pereira ha talmente fiducia in questo giovane che decide di mantenerlo a proprie spese. 
Ma sarà questo incontro che cambierà molte cose nella vita di Pereira il quale incomincerà a pensare che sarebbe stato necessario agire contro la dittatura. 

Ma in questo giovane Pereira non vede il personaggio appassionato di politica ma rivede se stesso con le sue ansie e i suoi desideri e vede anche quel figlio mai nato e in fondo sempre desiderato. 
Ma l'evento che muterà per sempre la vita di Pereira è la morte di Monteiro Rossi, morte che Pereira vivrà come un dramma personale anche perchè si rende conto dell'impotenza dinanzi a un fatto dinanzi al quale Pereira non può fare nulla. 

Ed ecco quindi l'idea di far conoscere al mondo le modalità della morte del giovane che si concretizzerà con un articolo sul giornale nel quale Pereira firmando con il proprio nome, fa conoscere a tutto il mondo come sono avvenuti i fatti. 
Alla fine scoperto, sarà costretto a rifugiarsi in Francia. 

Il libro è articolato in 25 capitoli e in tutti i capitoli ricorre una frase: 

"Sostiene Pereiradi averlo conosciuto in un giorno d'estate. La ragazza che arrivò, sostiene Pereira, portava un cappello di rife

L'intero romanzo, comunque non è frutto della fantasia di Tabucchi ma si ispira a un personaggio realmente vissuto, un giornalista che aveva pubblicato un articolo contro il regime e che poi venne costretto a rifugiarsi all'estero. 
Quando la dittatura terminò, Pereira decide di tornare in Portogallo dove morirà dimenticato da tutti. 


Possiamo definire "Sostiene Pereira" un romanzo all'incontrario nel senso che le parti sono rovesciate: una persona matura riacquista la coscienza di sè grazie a un giovane che gli fa capire che bisogna guardare al futuro e ribellarsi alle ingiustizie e all'oppressione e tutto questo senza rassegnazione e pagandone l'inevitabile costo. 

Il problema realtivo al ruolo dell'intellettuale e alla sua funzione nella letteratura è un problema che è stato affontato innumerevoli volte e Tabucchi da una sua chiave di lettura: l'intellettuale non deve essere acquiscente, anzi deve stimolare le coscienze, ponendo degli interrogativi al fine di non accontentarsi di una visione unica che infonde artificiosamente sicurezza ai cittadini. 

L'intellettuale deve essere , quindi,uno stimolatore di coscienze per aiutare le persone a scrollarsi di dosso quel conformismo dinanzi alla realtà che porta all'accettazione e alla rassegnazione anche dei peggiori soprusi. 

Un libro di grande coscienza civile che induce il lettore a pensare che non c'è età per aderire a nuovi ideali umani, politici e civili e che questa adesione può nascere solo quando ci riappropriamo della nostra coscienza anche perdendo qualcosa che ci da sicurezza , nonostante il succedersi inesorabile dei giorni. 


 L'impegno è per chiunque non solo per l'intellettuale.

 

Sostiene Pereira - Antonio Tabucchi Libri

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link