Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
7 aprile 2014 1 07 /04 /aprile /2014 05:36

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2983983740_2bec1ba54d.jpg

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/27056788@N06/2983983740

 

 

UN'OPERA GENIALE 

Nel quadro degli intensi dibattiti che si svilupparono nei primi del Novecento circa il ruolo della logica e del linguaggio si inserisce la riflessione di Ludwig Wittgestein che nel suo "Tractatus logico-philosophicus" a partire da una stimolante analisi logico linguistica si interroga sul ruolo e la validità dell'indagine filosofica, pervenendo a una critica radicale sulla possibilità stessa della filosofia, dei suoi fini, della sua funzione e del suo linguaggio. 

Wittgestein è un filosofo atipico nel senso che a differenza dei filosofi che vanno da Platone ad Hegel, non cercò il sistema filosofico a tutti i costi ricorrendo a delle spiegazioni di carattere metafisico, anzi fin dall'inizio del suo pensiero cercò di spiegare le possibilità della matematica tentando di sottrarsi a qualsiasi asserzione che riteneva insensata e lontana dai dati inoppugnabili dell'esperienza. 

Il Tractatus logico-philosophicus è prima di tutto un'analisi del linguaggio intesa come studio della funzione primaria che deve svolgere il linguaggio stesso per essere logicamente perfetto con lo scopo di costruire un sistema logico e filosofico che sia in grado di esprimere in maniera perfetta ed esente da contraddizioni espressioni linguistiche sensate. 
E' quindi una ricerca se vogliamo ideale di tipo epistemologico che è anche una critica radicale a un certo modo di fare filosofia per stabilire se le problematiche di carattere filosofico non solo abbiano un senso ma addirittura siano assurde. 

DEFINIRE I LIMITI DEL PENSIERO PARTENDO DAL LINGUAGGIO 

  • Definire i limiti del pensiero è definire i limiti del linguaggio attraverso cui il pensiero stesso si manifesta, un pensiero senza linguaggio è un non pensiero perchè è privo di espressione, non comunica, non fa circolare le idee. 

Il mondo viene definito da Wittgestein come "il luogo in cui tutto accade" e che è costituito da "fatti atomici" costituiti a loro volta da fatti elementari, parimenti il linguaggio è costituito da proposizioni elementari. 
Ogni proposizione del linguaggio, quindi, consta di una base a sua volta costituita da proposizioni elementari che non possono essere scomposte e che costituiscono gli elementi ultimi della realtà. 

  • I fatti atomici non ulteriormente scomponibili sono veri o falsi secondo che concordino con la realtà alla quale fanno riferimento. Wittgestein nel suo Tractatus logico-philosophicus sostiene che tutte le proposizioni più complesse e che definisce "molecolari saranno vere o false nella misura in cui i fatti atomici che le costituiscono lo siano. 

Un linguaggio è vero o falso solo in relazione all'affinità con l'immagine (Bild), cioè se rappresenta logicamente l'immagine della realtà a cui fa riferimento. 

  • Non esiste quindi una verità a priori delle proposizioni elementari e la loro verità non può essere stabilita come necessaria in quanto la loro verità o falsità è sempre in relazione con l'esperienza che comunque costituisce una realtà indipendente da loro. 

Ogni espressione logica, quindi, è il risultato dell'ars combinatoria che mette insieme particelle elementari applicando attraverso il processo logico dei connettivi logici del tipo più elementare tipo 'non', 'ma', 'nè' etc... 

  • Costruire quindi proposizioni significa prima di tutto connettere dei nomi, combinandoli attaverso dei simboli che rispettino determinare regole logiche e la funzione primaria della logica è esporre con proprietà di termini tali regole. 

Questa funzione primaria della logica non vuole dire tuttavia che essa possa rappresentare un aumento della nostra conoscenza o dia legittimità a qualsiasi enunciato filosofico rispetto alla scienza. 

  • Le proposizioni logiche anche se dotate di senso non hanno significato nel senso che non aggiungono "nulla" in quanto la loro verità non può essere stabilità aprioristicamente e non può essere stabilita semplicemente da un confronto con l'esperienza per cui il loro riconoscimento può avvenire solo dalla loro forma cioè dal simbolo che esse esprimono. 

 

  • Non si può mettere quindi sullo stesso piano il processo logico e il risultato che da esso scaturisce e quando si fa questa operazione, ciò costituisce solo un espediente che costituisce una "tautologia". 


Un esempio concreto: Se diciamo "nevica" oppure "non nevica" , potremmo dire anche "c'è una bufera" oppure "c'è bel tempo", le prime due sono proposizioni elementari, mentre le altre due sono proposizioni non-elementari costituite dalla congiunzione di due proposizioni elementari, le seconde sono vere solo se le prime sono tali. 

Non esiste quindi una verità a se stante nel linguaggio logico, solo il linguaggio della scienza è dotato di significato in quanto evita le tautologie e il formalismo. 
La filosofia intesa in senso tradiizionale, non può quindi avere nessuna pretesa di essere una scienza in quanto le sue proposizioni sono prive di significato e di riferimento. L'intero campo della conoscenza può essere quindi ricondotto a due principi quello della verificabilità e della falsicabilità dell'esperienza, dato che per Wittgenstein non esiste alcun significato al di là della direzione da lui indicata, in quanto quelle proposizioni che sfuggono a questo schema sono prive non solo di significato ma costituiscono un non senso logico. 

Se diciamo "piove" oppure "non piove" non diciamo nulla sullle condizioni atmosferiche, non diamo alcuna informazione sul tempo, si tratta di "tautologie" prive di senso a differenza delle espressioni usate ne linguaggio scientifico che possono essere messe in confronto con i dati empirici e quindi falsificate o verificate. 

Attraverso questa analisi Wittgestein toglie qualsiasi residuo valore alle asserzioni metafisiche che in quanto tali sono prive di senso e a questo punto è chiaro anche il compito della filosofia che deve essere quello di "un'attività chiarificatrice" volta a spiegare il significato delle proposizioni e di conseguenza l'incosistenza dei problemi filosofici. 

Il compito della filosofia è non dire nulla di quello che non si può dire, solo in questo modo si possono dissolvere tutti gli equivoci, le ambiguità, i non sensi logici che sono generatori di paradossi e di fraintendimenti e quindi anche di valori. 

IL NUCLEO CENTRALE DEL TRACTATUS 

  È un'opera che potremmo definire a tempo per il lettore, in quanto una volta che si è colto il significato, essa può essere messa da parte diventando il criterio guida che deve condurre alla liberazione totale da certe illusioni che creano non valori che traggono la loro origine da falsi problemi. 
Il linguaggio ha di per sé un limite costitutivo, esso non è in grado di parlare della sua essenza così come non è in grado di parlare dell'essenza della realtà fattuale. 

I CINQUE PUNTI PRESENTI NEL TRACTATUS LOGICO-PHILOSOPHICUS 

  1.  Le proposizioni sono vere o false solo se il linguaggio è una rappresentazione della realtà, in termini semplici il significato del linguaggio è come quello di una mappa che consente di trovare luoghi che vengono rappresentati con un nome a cui corrisponde un luogo reale. In questo senso il linguaggio è raffigurazione. 
  2.  Una raffigurazione ha un senso all'interno di una forma, per cui in una mappa un simbolo rappresenta qualcosa in relazione al significato che gli si da, nella mappa abbiamo la legenda che spiega il significato dei simboli. 
  3. Non possiamo artificiosamente separare segno e realtà a cui si riferisce un simbolo, perchè quella realtà ha significato solo all'interno di un determinato codice linguistico. 
  4. La forma logica è una sorta di rappresentazione universale che permette di codificare il linguaggio. 
  5. Il linguaggio vive una contraddizione perchè non può parlare di se stesso in quanto dovrebbe uscire dal bozzolo della forma rischiando così di autodissolversi. 



Segnaliamo le seguenti traduzioni riproposte più volte da Einaudi: 

Tractatus logico-philosophicus, a cura di G.C.M. Colombo (con testo a fronte), Bocca, Milano, 1954; e a cura di A.G. Conte, Einaudi,Torino, 1964. 

NOTA: L'edizione a cura di G.M.C. Colombo contiene un'introduzione di Russel, una preziosa nota introduttiva che dimostra quale attenzione, già ai suoi esordi, vi fosse intorno a Wittgenstein. 


"Il senso del mondo deve sussistere fuori del mondo. Nel mondo tutto è come è e tutto accade come accade; in esso, non c'è alcun valore: e se anche vi fosse, non avrebbe alcun valore
(Ludwig Wittgenstein) 


Tractatus-logico---Ludwig-Wittgenstein.jpg

Protected by Copyscape Online Infringement Checker

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Wittgenstein Ludwig

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link