Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 luglio 2012 3 11 /07 /luglio /2012 04:02

Tutte-le-poesie---Salvatore-Quasimodo.jpg

 

 

"Tutte le poesie di Salvatore Quasimodo" è un'opera ponderosa di 656 pagine pubblicata dalla Casa Editrice Mondadori nel 2003; nel volume troviamo l'opera omnia di Quasimodo, a partire dalle prime poesie pubblicate, nel 1930, sulla rivista "Solaria", a seguire la raccolta "Acqua e terre"  pubblicata nel 1930 e la raccolta "Oboe sommerso" pubblicata per la prima volta nel 1932 e poi tutte le altre.


La poesia di Salvatore Quasimodo può essere divisa schematicamente nelle segueti due fasi:

  • Fase ermetica 
  • Fase dell'impegno neorealistico 


Se la prima fase è caratterizzata da un impegno squisitamente poetico, a partire dal 1943 e dalla raccolta "Giorno dopo giorno", la poesia di Quasimodo diventa impegnata ideologicamente e politicamente ma questo non snatura la linea tenuta fin dal periodo giovanile :resta, infatti, intatta la caratteristica principale di tutte le liriche del poeta siciliano: l'uso di una forma espressiva classica consacrata alla tradizione. 

Leggendo le poesie di Quasimodo non si trovano mai forme espressive estreme, piuttosto il tono delle liriche rivela un carattere leggero quasi musicale ma nello stesso tempo molto intenso e atto ad evocare e commerorare sensazioni ed emozioni. 
Tuttavia ogni poesia sembra sfuggire ad ogni riferimento storico andando a caratterizzare una sorta di distacco dalla realtà circostante e da ogni coinvolgimento emotivo. 
E' come se Quasimodo volesse intenzionalmente creare un solco tra realtà del mondo esterno ed espressione poetica, è quasi un disallineamento dalla realtà che il poeta persegue a favore della contemplazione e della descrizione. 
Questa poetica descrittiva evita accuratamente un riferimento puntuale alle cose, prediligendo la forma astratta e perseguendo così uno dei tratti più caratteristici dell'ermetismo. 
Quasimodo appare, nello stile,quasi surreale, calato in una dimensione esistenziale fin dalle prime liriche giovanili in cui veniva descritto il paesaggio della Sicilia con toni favolistici e lontani dalla realtà quotidiana. 

Analizzare l'intera produzione poetica di Quasimodo richiederebbe altri spazi ma è indicativo rilevare alcuni caratteri prendendo ad esempio una poesia molto bella che ho scelto tra le tante: 

"Davanti al simulacro d'Ilaria Carretto

è una poesia rappresentativa ed emblematica che sembra contraddire quanto esposto nelle righe precedenti (riferimento puntuale alle cose) , tuttavia tale contraddizione è solo apparente in quanto si rivela quello che è uno dei temi più trattati da Quasimodo: la solitudine esistenziale. 
In realtà il monumento funebre è solo un pretesto per parlare della distanza esistente tra il mondo dei vivi e quello dei morti: 

" ............................e tu 
tenuta dalla terra, che lamenti? 
Sei qui rimasta sola. Il mio sussulto 
forse è il tuo, uguale d'ira e di spavento 
Remoti i morti e più ancora i vivi, 
i miei compagni vili e taciturni" 

Bellissimo questo frammento in cui Quasimodo con quel "non hanno pietà" denuncia l'illusione dei vivi, un'illusione che offende ed oltraggia in modo crudele chi un tempo l'aveva approvata e condivisa. 
Il grido finale presente nel frammento è una costante dell'intera produzione poetica di Quasimodo quando dice " Remoti i morti e ancora più i vivi": i morti sono lontani (remoti) ma i vivi lo sono ancora di più, è presente un'identificazione tra i morti e l'atteggiamento dei vivi che nel loro cinico egoismo, tacciono e che vengono definiti "i mei compagni vili e taciturni". 

E come non citare la notissima "Alle fronde dei salici" che trae spunto dal biblico Salmo 136 che esprime il dolore degli ebrei per l'allontamento di Israele e il loro esilio in Babilonia. 

Molto si potrebbe dire sul primo verso: 

"E come potevamo noi cantare/con il piede straniero sopra il cuore..." 

in cui l'interrogativo iniziale sembra la conclusione di un ragionamento precedente ma questa lirica è emblematica anche di un nuovo modo di porre la poesia da parte di Quasimodo che dall'io passa al noi quasi a voler essere il portavoce degli altri che la pensano come lui; è una lirica in cui si avverte l'influenza e la forte eredità dell'ermetismo con l'uso di metafore e analogie che rendono il testo intenso ed emotivamente coinvolgente. 

L'ultima poesia che ho scelto è "Un uomo del mio tempo" in cui Quasimodo si rivolge all'uomo del suo tempo ritenendolo solo portatore di morte e di violenza : 

"...T'ho visto:eri tu,/con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,/senza amore, senza Cristo.Hai ucciso ancora,/come sempre/come uccisero i padri, come uccisero/gli animali che ti videro la prima volta." 

Un quadro di desolazione e morte a cui segue un appello: 

"Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue/salite dalla terra, dimenticate i padri:/le loro tombe affondano nella cenere,/gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore" 

Un grido di speranza che il poeta lancia ai giovani, infondendo speranza e invitandoli a recidere qualsiasi contatto con il passato e con quegli uomini crudeli che hanno torturato,sterminato, giustiziato. 


 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura latina e greca

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link