Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
29 dicembre 2012 6 29 /12 /dicembre /2012 05:30

contatore gratis

 

366214106_023f53d4b6.jpg

Fonte immagine:http://www.flickr.com/photos/11445550@N00/366214106 (album dMôsieur J. [version 7.1.2])

 

 

 

PREMESSA 

In un periodo come l'attuale in cui le novità letterarie si susseguono con un ritmo vorticoso al punto che ci capita molto spesso di venire a conoscenza di tantissimi autori di cui ignoravamo l'esistenza e nei confronti dei quali si fatica persino a ricordare anche i nomi,  meglio quindi dedicarsi alla lettura dei romanzieri da "90 carati" privilegiando i racconti brevi.

Solo i grandi scrittori possono competere con il tempo e solo gli autori di spessore sanno scrivere un romanzo breve in modo avvincente ed irresistibile. Tra i diversi autori da penna e calamaio mettiamo nella lista dei preferiti Gustave Flaubert che ha scritto molto intrecciando racconti in cui il contesto storico fa sempre da sfondo alle vicende individuali; leggendo Flaubert la realtà e l'immaginazione si fondono dando origine a gradevolissime narrazioni. Un esempio per tutti gli aspiranti scrittori. 

Il nome di Gustave Flaubert potrebbe fare intendere che si tratti di un autore dallo stile greve e solenne, ma non è così, anzi la lettura delle sue opere -e questa in particolare- fa apprezzare le grandi capacità narrative dello scrittore francese che racconta la vita quotidiana focalizzando l'attenzione su particolari che potrebbero sembrare insignificanti ma che sono parte della realtà dell'uomo e della sua vita trascorsa nelle faccende ordinarie. Facendo un paragone con l'arte figurativa, Flaubert descrive la realtà e i protagonisti che la animano come il pittore ritrae gli oggetti che compongono una natura morta, solo che la realtà descritta da Flaubert ha vita e come la vita presenta tutte le contraddizioni e i contrasti. 

UN CUORE SEMPLICE

"Un cuore semplice"(1) di Gustave Flaubert potrebbe essere un testo perfetto per uno sceneggiatore che volesse ricreare le atmosfere di un'abitazione di una casa borghese della Francia del XIX secolo. Già dalle pagine iniziali il lettore si trova davanti ad una rappresentazione realistica che dà un senso di immediatezza e di verità: una casa con la carta di parati di stoffa e a fiori , una sedia impagliata, un vecchio pianoforte, a cui segue la descrizione della pianta della casa e degli arredi con le camere da letto, lo studio, la biblioteca ecc..... leggendo questa puntuale descrizione pare proprio di essere dentro la casa della signora Aubain (la proprietaria); con la stessa certosina attenzione e cura nel presentare i particolari, Flaubert descrive i protagonisti del racconto e ogni descrizione è nel contempo un ritratto fisico e psicologico che permette al lettore di coglierne appieno l'identità. 
Durante tutta la lettura si avverte la scintilla d'ispirazione del grande romanziere, un elemento che aumenta il gradiente del lettore che si abbandona al taglio introspettivo che non risulta mai essere ingombrante. 
Flaubert ne fa un abuso ma non si allunga all'infinito in passaggi che fanno calare l'interesse, un esempio? Quando presenta, Felicita, la domestica della signora Aubain i periodi sono volutamente brevissimi, eccone un esempio: "Il suo viso era magro e la sua voce acuta"...punto e così via, questi periodi brevissimi sono come un'istantanea che delinea perfettamente il personaggio descritto in modo che il lettore è in grado di vederlo con nitidezza come se stesse guardando una foto. Un ulteriore esempio? Flaubert ad un certo punto del romanzo introduce un altro personaggio, il signor Bourais, un avvocato a riposo (l'espressione è dell'autore) che cura gli interessi della signora Aubain, anche in questa illustrazione i brevi ed incisivi tratti vergati dalla penna di Flaubert ci consegnano un signore probabilmente di mezza età, che indossa sempre una camicia con una cravatta bianca e che fiuta il tabacco. 

È proprio il codice linguistico di Flaubert che affascina, il passo anche quando è lento non è mai monotono e prevedibile e l'intimistica esplorazione dell'animo non è un esercizio sterile fine a se stesso. 
La lettura del romanzo ci permette di apprendere alcuni aspetti relativi alle preferenze gastronomiche della signora Aubain che non possiamo dire con certezza che fosse rappresentativa dei gusti di tutti i borghesi cittadini della Francia dell'Ottocento, però possiamo ipotizzarlo. Comunque questa signora Aubain doveva avere uno stomaco forte visto che in un pranzo le vennero presentate le seguenti portate: lombo di bue, trippa, sanguinaccio e fracassea di pollo, torta di frutta e squisitezza delle squisitezze, prugne sotto spirito. 
Se vogliamo fare un'indagine sul passato, il cibo ci rivela molte cose circa la scala di valori di un individuo, di una società e di un'epoca; nel caso della signora Aubain siamo davanti ad una padrona che non si fa mancare niente, una donna che vivendo un'esistenza borghese fatta di abitudini alquanto ordinarie non riesce a provocare nessun sussulto a differenza della seducente e peccaminosa carnalità di una Madame Bovary; di contro un'altra figura del romanzo come Felicita, la serva della signora Aubain, è sempre amorevole e devota, un cuore semplice appunto a cui non possiamo che guardare con ammirevole stupore. Andare oltre i cliché non è facile ma la bontà nel nostro mondo contemporaneo non è più un tema sul quale vale la pena sprecare inchiostro. I famosi bestseller appunto!!! 

 

 

 

 

2539187570_a403028350.jpg


Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/8628950@N06/2539187570 (album di cod_gabriel)

 

CONCLUSIONI 

"Un cuore semplice" è un libro che si affronta per il piacere della lettura, un libro capace di restituire l'atmosfera di un'epoca che sembra lontanissima dalla nostra; il racconto è perfetto e al termine della lettura credo che possiate esclamare "Non pensavo che Flaubert sapesse scrivere in modo così lieve".....e i grandi raccontatori di storie hanno spesso scritto dei capolavori senza mai puntare al successo come nel caso dei bestseller che sono, la maggior parte delle volte, solo un fenomeno di marketing costruito dalle case editrici.

I burocrati dei premi letterari dovrebbero istituire dei riconoscimenti postumi per i grandi della letteratura mondiale, sono molti gli scrittori che hanno ricevuto un premio ma fra poco più di un secolo le loro opere riusciranno a resistere al trascorrere inesorabile del tempo come quelle di Gustave Flaubert? Crediamo proprio di no. 

Non perdete la lettura di questo racconto.

 

NOTE

  1. "Un cuore semplice" (Un coeur simple) fa parte dell'opera "Tre racconti" (Trois contes) che comprende "Erodiade" (Hérodias) e "La leggenda di San Giuliano l'Ospitaliere" (La légende de Saint-Julien l'Ospitaliere).  "Tre racconti" venne pubblicato nel 1877 ed ebbe un grande successo tra gli scrittori che si rifacevano al naturalismo letterario.  

 

Altre recensioni: 

http://www.condividendoidee.it/article-la-leggenda-di-san-giuliano-l-ospitaliere-gustave-flaubert-108497605.html

 

Articolo dell'autore pubblicato in forma modificata anche altrove.

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link