Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 agosto 2012 7 05 /08 /agosto /2012 10:38

 

 

UN ESEMPIO DI NARRATIVA MERIDIONALISTICA

Le opere di Ignazio Silone rientrano il quel filone letterario che viene definito della "narrativa meridionalistica" e che è appieno inserita, riflettendola, nella situazione drammaticamente in bilico tra abbandono e impegno intellettuale in cui versava il Sud Italia negli anni Trenta.
Tale precisazione introduttiva è necessaria perchè Silone sembra voler indicare non la strada del disimpegno e degli astratti furori ma quella dell'impegno politico e sociale, non solo scandalo e denuncia, quindi, ma anche impegno ideologico, un impegno che diventerà critico e che porterà Silone a rivedere le sue scelte di adesione partitica ed ideologica.
Tale percorso è ben evidente nel romanzo "Fontamara" ma anche nel secondo suo romanzo "Pane e Vino" composto intorno agli anni 1935-36 e che sarà completamente revisionato negli anni '50 per assumere il titolo definitivo di "Vino e pane".

Le problematiche poste da Silone in "Vino e pane" riflettono la situazione dell'intellettuale inserito nel mondo contadino e che da quel mondo proviene, Silone è stato spesso accusato di ingenuità ma le sue riflessioni se sono uno sprone verso l'impegno sociale, lo sono anche dal punto di vita della reazione individuale nei confronti delle tematiche di sempre tra cui quella della libertà come condizione esistenziale del singolo individuo.

A questo proposito è necessaria la citazione letteraria perchè riteniamo questo passo del romanzo di straordinaria attualità, scrive Silone:

"La libertà non è una cosa che si possa ricevere in regalo..Si può vivere anche in un paese di dittatura ed essere libero, a una semplice condizione, basta lottare contro la dittatura. L'uomo che pensa con la propria testa e conserva il suo cuore incorrotto è libero. Per contro, si può vivere nel paese più democratico della terra, ma se si è interiormente pigri, ottusi, servili, non si è liberi, malgrado l'assenza di ogni coercizione morale si è schiavi. Questo è il male, non bisogna implorare la propria libertà dagli altri. La libertà bisogna prendersela, ognuno la porzione che può" (Vino e pane, p.67)

La libertà non è quindi qualcosa che ci viene data dall'alto ma è una condizione esistenziale, colui che è pigro e aspetta che gli altri agiscano al suo posto non è un uomo libero perchè è succube delle decisioni degli altri, oltre a ciò il servilismo e l'ottusità si riproducono in qualsiasi sistema a prescindere dalle condizioni politiche esistenti.
L'impegno sociale quindi non può essere l'alibi per coprire la propria vigliaccheria che tende a vendere se stessi, vendendo gli altri anzi, l'impegno sociale, in questo caso, diventa solo un'azione illusoria che serve a giustificazione della propria ottusità.
Quanta attualità in queste parole!
C''è chi la libertà la invoca e che poi una volta che l'ha ottenuta, non fa altro che riprodurre gli stessi meccanismi presenti nella condizione di assenza libertà: la libertà è impegno corale ma è prima di tutto una condizione esistenziale!

Un altro aspetto presente nel romanzo è quello che riguarda la vocazione della Chiesa intesa come comunità ma anche come istituzione ai cui rappresentanti Silone ricorda la vera missione autenticamente cristiana.
E' questo un nodo irrisolto e se vogliamo ancora di grandissima attualità e che costituisce una delle ragioni dell'allontanamento da parte di molti che vedono nella Chiesa una struttura verticistica intenta solo a fare dichiarazioni e a cui manca la coerenza di comportamenti.
La Chiesa non può che non essere Chiesa di poveri, dei poveri materiali e dei poveri di fede che si sono allontanati perdendo ogni speranza, questa è una delle ragioni storiche per cui una parte del mondo cattolico aderì a posizioni ideologiche socialiste che nascevano da quest'ansia di giustizia sociale che molti videro tradita nell'incoerenza dei comportamenti del clero, spesso lontano da una visione autenticamente vangelica.
L'essere cristiani è quindi, prima di tutto, coerenza di comportamenti ed è un discorso analogo a quello della libertà, l'opera della Divina Provvidenza non si attua con il servilismo e l'ottusità nei confronti del potere, sia esso politico o ecclesiastico, ma attraverso l'impegno personale aderente e coerente alla missione evangelica.

Silone aveva avuto un'educazione religiosa in cui il ruolo della madre era stato fondamentale nella trasmissione dei racconti evangelici, nella maturità crebbe la convinzione che il Vangelo si debba realizzare nella carità, nella testimonianza, nella coerenza dei comportamenti, un Cristianesimo vissuto senza testimonianza è solo formalismo, culto esteriore, servilismo.

Figura centrale del libro è quella di Pietro Spina che sotto le false generalità di Don Paolo Spada vive la clandestinità travestito da prete e le tematiche descritte nelle righe precedenti rientrano in questa scelta di commistione di ruoli dove il falso prete finisce per ragionare come un vero sacerdote.

E' un bel romanzo, forse troppo snobbato dalla critica, in cui Silone fa autocritica, rivede le proprie scelte ideologiche e giustifica i propri sbagli ma è anche un accorato invito a non rinunciare alla libertà anche se apparentemente l'impegno del singolo sembra non portare risultati immediati ed emblematica sembra essere la seguente frase:

"In ogni dittatura..un solo uomo, anche un piccolo uomo qualsiasi, il quale continua a pensare con la propria testa, mette in pericolo l'ordine pubblico".

  • Vino e pane, il vino offerto in sacrificio, simbolo di sacrificio nei riti del giudaismo antico, il vino simbolo del sangue di Cristo, il vino consustanziale, il pane corpo di Cristo, dono di Dio ed emblema della vita, vino e pane il pasto del Signore........

Prima di leggere l'ultimo best seller bisognerebbe scoprire le opere della nostra letteratura.......

 

Titolo: Vino e pane

Autore: Ignazio Silone

Editore: Mondadori

Collana: Oscar classici moderni

Pagine: 302

Anno di pubblicazione: 2001

Codice EAN: 9788804496045

 

  • Prezzo di copertina: euro 9,50.

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link