Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
18 marzo 2013 1 18 /03 /marzo /2013 04:07

contatore gratis

 

 

Prima di presentare il preziosissimo volume "Le chiavi per aprire 99 luoghi segreti d'Italia" scritto da Costantino D'Orazio ne consigliamo la consultazione, anticipiamo la conclusione perché questo volume è davvero speciale ed è interessantissimo per chi ama i luoghi d'arte e vuole scoprire posti che si trovano al di fuori dei soliti circuiti affollati e poco fruibili sul piano della conoscenza e dell'apprendimento. 


UN PREZIOSO VADEMECUM AD USO DEI TURISTI CURIOSISSIMI 

"Le chiavi per aprire 99 luoghi segreti d'Italia"è una guida dal contenuto inedito che a differenza di tutte le altre guide turistiche, propone sia luoghi che non sono accessibili al pubblico oppure mete poco conosciute che non rientrano nei circuiti del turismo di massa. 
La lettura della guida è una continua scoperta ma anche una conferma del fatto che l'Italia è un giacimento di tesori che noi stessi ignoriamo, è vero che tutti conosciamo almeno il nome di alcuni luoghi notissimi come musei, zone archeologiche o pinacoteche, ma è altrettanto vero che camminiamo nelle nostre città ignorando del tutto cosa si nasconde nel sottosuolo o dietro ad un muro che si trova, magari, lungo la strada che percorriamo quotidianamente. 

Costantino D'Orazio è uno storico e un critico d'arte e grazie alla sua esperienza e conoscenza ha dato un taglio storico-culturale che il lettore apprezzerà congiuntamente alle preziose informazioni necessarie per avere accesso a luoghi nascosti che possiamo fare rientrare nelle così dette "arti maggiori": palazzi, giardini storici, cripte, luoghi un tempo adibiti al culto ma anche nelle "arti minori" che sono un tesoro nel tesoro. 

L'autore non si limita ad una presentazione fine a se stessa delle opere artistiche ma imprime un taglio pratico all'intera narrazione che potrebbe essere definita "solidale" e persegue l'obiettivo di rendere accessibili informazioni che sarebbe impossibile reperire attraverso altre fonti; si tratta quindi di informazioni pratiche come ad esempio quelle che riguardano i recapiti telefonici dei proprietari o dei responsabili dei luoghi d'arte, detti riferimenti che risultano essere preziosissimi il più delle volte non è possibile reperirli attraverso i normali canali informativi; sotto questo punto di vista l'opera è meritoria in quanto fa parte di un progetto sul quale, in questo spazio posso fornire solo alcune indicazioni. 

Leggere e consultare il volume è molto gradevole al di là del suo utilizzo immediato (leggi visite nei posti citati) perché il contenuto descrittivo-narrativo non presenta solo i luoghi, ma coinvolge emotivamente il lettore, è come se si viaggiasse a fianco di un "cicerone" pronto a rivelare notizie, segreti e curiosità presenti in alcune delle più belle città d'arte italiane; tuttavia è un peccato (ma questo non è certo imputabile all'autore) che diversi luoghi non si possano visitare se non per motivi particolari legati all'attività di ricerca e di studio. In altri, invece, si può avere libero accesso ma non per questo il loro carattere di preziosità nascosta viene meno. 

SI POSSONO SEGNALARE ANCHE ALTRI LUOGHI SEGRETI O CHIEDERE LUMI SU QUANTO PRESENTE NEL VOLUME 

Un elemento positivo che fa parte del progetto a cui abbiamo accennato nelle righe precedenti e che merita senz'altro di essere segnalato riguarda la possibilità di contattare l'autore attraverso una pagina dedicata disponibile sul web, riportiamo l'indirizzo che può ritornare utile a tutti coloro che fossero interessati a conoscere le modalità di accesso a diversi luoghi "segreti" presenti nella guida oppure a segnalare altri posti che meritano attenzione: 

http://www.99luoghisegreti.it/ita/2011/05/99-luog hi-segreti-italia. 




Non tutti sanno che molti tesori artistici dall'inestimabile valore storico sono stati inglobati in strutture private, questo fatto rende purtroppo difficoltoso l'accesso ad aree che necessitano di un'autorizzazione per l'accesso da parte degli attuali proprietari. Qualche tempo fa, Alberto Angela, il noto giornalista documentarista figlio di Piero, in una sua trasmissione televisiva aprì al pubblico una Roma sotterranea sconosciuta ai più. Pensate che ancora oggi nel sottosuolo di Roma si trovano templi, stanze di appartamenti privati appartenuti ad imperatori romani, terme e persino interi tratti dell'antico acquedotto romano dove scorre ancora del'acqua purissima. Questi luoghi non sono facilmente accessibili ma forse quello che potrebbe sembrare un "difetto" potrebbe rivelarsi un elemento positivo utile per preservare luoghi che rischierebbero di fare la fine di Pompei. 

------------------------------------------------- ---------- 

 

 

 

 



SCHEDA DEL LIBRO 

  •  Autore: Costantino D'Orazio 
  •  Titolo: Le chiavi per aprire 99 luoghi segreti d'Italia 
  •  Editore: Palombi 
  •  Pagine: 292 
  •  Prezzo di copertina: euro 14 (reperibile online a prezzo scontato) 
  •  EAN9788860603227

 I centri urbani si ampliano e nascondono al loro interno splendidi tesori sconosciuti ai più.

 

Articolo presente in forma modificata su altra piattaforma.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
3 febbraio 2013 7 03 /02 /febbraio /2013 05:40

contatore gratuito

 

Chi è abituato a vedere le pellicole classiche in cui è protagonista il Totò comico, "Uccellacci e uccellini" sembra stonare; facendo un esempio figurato Uccellacci e uccellini potrebbe assomigliare ad un abito indossato nella circostanza sbagliata, ma pensare che Totò sia solo un comico è un luogo comune che a torto - a parere mio- ha perseguitato Totò anche quando era in vita. A parziale ripaazione del danno bisogna riconoscere che oggi sono in pochi a pensarlo. 

Senza dubbio non è una novità per gli estimatori del Pasolini sia scrittore che regista vedere un film così impegnato, viene da domandarsi a distanza di tempo quali siano stati i motivi per cui Pasolini ha scelto proprio Totò per interpretare un film così diverso da quelli del filone comico tradizionale. 
Ma cadere nella trappola di una simile interpretazione significa sminuire sia Pasolini che Totò, due uomini così diversi ma anche profondamente uguali per la loro capcità di saper leggere la realtà. 
Se "Uccellacci e uccellini" può essere considerato l'emblema del pessimismo, della rabbia e del'ironia, si capiscono i motivi che hanno condotto il regista friulano a scegliere quello che è stato definito (sminuendolo) il "Principe della risata". 
Probabilmente ( ma sono sono delle ipotesi) il periodo in cui è stato elaborato il film è stato uno dei più difficili che le società occidentali abbiano dovuto affrontare, ma è stato anche il periodo in cui ( soprattutto) i giovani avevano fiducia in un cambiamento. 
Da questo punto di vista, forse, i medesimi sentimenti li possiamo trovare nelle generazioni odierne, non c'è più Pasolini e Totò ma la rabbia è cresciuta nei confronti di un mondo politico e in genere del potere che si sta dimostrando del tutto inadeguato ad affrontare un'epoca di crisi non solo economica, ma anche morale. 

 

 

 



Le pellicole italiane di quegli anni si possono dividere in due filoni: quelle che celebravano il boom economico e quelle che rappresentavano il disagio di un'intera generazione, non so se le prime possono essere liquidate come opere cinematografiche meno importanti rispetto ai cosiddetti film d'autore, ma una cosa è certa: mentre le prime sono ormai datate e superate dal tempo, le opere del filone della crisi continuano ad essere molto attuali in quanto hanno proposto dei temi irrisolti e che continuano a presentarsi ciclicamente. 
Quasi un "eterno ritorno" disarmante per chi ha vissuto tante illusioni e, a tal proposito, verrebbe da ripetere quello che Gaber disse per connotare quell'epoca di contestazione e quella immediatamente successiva: "la mia generazione ha perso". 


Dare una definizione di "Uccellacci e uccellini" è possibile a patto che non si cada nella semplificazione, la chiave di lettura del film sta proprio nel girovagare senza meta di Totò e Ninetto e nell'immagine di quei due cartelli che indicano la distanza di due mete lontane ed improbabili: Istanbul e Cuba. 
Ma è il contesto che appare ancora più emblematico: la periferia romana, quella periferia "borgatara" che riassume tutto il disorientamento dei due pellegrini che sembrano non provare più tanto stupore dinanzi alle circostanze più dispararate; a questo proposito è emblematico l'episodio del suicidio di due "innamorati" a cui i due assistono senza provare più di tante emozioni, un episodio che anticipa tutti gli episodi che verranno dopo. 
Non è forse questo quello che accade regolarmente nelle nostre città dove si può morire nella strada senza che nessuno intervenga. 
Forse il disincanto che ci accompagna verso gli episodi più cruenti non è la forma di cinismo peggiore che stride nei confronti di una solidarietà sempre invocata ma mai praticata? E' vero c'è tanta amarezza in questo nostro essere disincantati, ma forse a parziale giustificazione di questo comportamento ormai diffuso possiamo comprendere questo cinismo solo come l'estremo atto di difesa che rimane al singolo; altrimenti non si spiegherebbe perché siamo diventati così cinici da vedere senza emozioni le cose peggiori come uno spettacolo e, poi,dimenticarle un attimo dopo. 


E se il vagare senza meta dei due frati (Toto e Ninetto) può disorientare lo spettatore, tale senso di disorientamento cresce dinanzi al Corvo il quale rappresenta la coscienza ideologica che non riesce a dare più una risposta agli eventi del mondo. 
Questo forse era vero 40 anni fa, ma oggi è un sentimento che appare ancora più attuale, ma siamo sicuri che sia proprio così? E perchè in Uccellacci e uccellini il Corvo accompagna due rappresentanti del cristianesimo più fedele ai dettami del "fondatore"? Possiamo fare solo delle ipotesi, ma una cosa è certa il dialogo con gli uomini sembra irrimediabilmente compromesso al punto che i due frati parlano (come Francesco) agli uccelli comunicando la Buona Novella. 
Anche questo episodio è ricco di simbolismo, da una parte i falchi e dall'altra i passeri, due categorie che rappresentano quello che avviene nel genere umano, si tratta dei buoni e dei cattivi e non piuttosto dei remissivi e dei coraggiosi? Ognuno può scegliere la sua definizione, ma è sempre il falco che vince sul passero nonostante la diffusione della Buona Novella ed è questa la morale dell'episodio in cui il falco piombando sul passero lo uccide. 

Pasolini che cosa ci vuole dire in questo episodio che non può essere derubricato a semplice riempitivo? Ecco la chiave di lettura della vita: da una parte gli uccellacci ( i falchi), dall'altra parte gli uccellini (i passeri). 
È l'eterna storia della vita che si ripresenta nonostante molti si definiscano cattolici, è come se ogni tentativo di ciristianizzare le coscienze sia inutile perchè la lotta di classe si ripresenta sempre in tutte le epoche. 
È amaro constatarlo ma è così, da una parte l'evangelizzazione infinita, dall'altra parte la lotta tra falchi e passeri, ma ecco che si apre una speranza. bisogna continuare ad annunciare la Buona Novella perché niente è inutile quando si tratta di dare un pò di sollievo dinanzi a tante ingiustizie. 

È inevitabile fare un paragone tra il tempo della predicazione di Francesco e l'epoca contemporanea, siamo davvero sicuri che non esistono più i servi della gleba? Penso che il vero sottosviluppo sia arrivato nelle nostre sociètà opulente, da una parte pochi ricchi che guadagnano anche nei momenti di crisi e dall'altra parte una pletora di poveri e precari che faticano a sopravvivere. 
Mentre il messaggio di Francesco è sempre più urgente, dall'altra parte si assiste ai comportamenti non sempre edificanti dei "religiosi" che sono proni davanti al potente di turno, che parlano di "sfruttatori e sfruttati" in generale e che sono a loro volta uccellacci che infieriscono sugli uccellini. 

Tutto il film è costellato da episodi emblematici che costituiscono una sorta di parabola moderna, apparentemente non c'è un filo logico, la narrazione avviene lungo un percorso che è del tutto casuale come lo è la vita. In ogni circostanza il Corvo parla e sentenzia inascoltato, l'ideologia dimostra la sua inadeguatezza a dare risposte concrete nonostante la sua presenza costante in ogni circostanza. 
E poi il culmine dell'intera narrazione: i funerali di Palmiro Togliatti. L'esigenza di riferirsi a un fatto concreto, davvero accaduto è anche il momento per riflettere sulla fine di un'epoca, senza nostalgia ma con molta emotività (almeno da parte dei partecipanti). 

Perchè ad un certo punto i due frati peccatori decidono di mangiare il Corvo lagnoso? Probabilmente perchè il cibo ( la concretezza) è l'unica risposa davvero efficace dinanzi alla pratica spesso inutile di tanti intellettuali di professione abituati a predicare bene e a razzolare male. 
Pasolini fu senza dubbio un intellettuale non organico che si rese conto della inadeguatezza di tutti quegli intellettuali che campano sulle miserie altrui. Quanto ci sarebbe da dire su quegli accademici di professione che con la parola hanno costruito le loro fortune e quelle delle loro famiglie!! 
Non sarà il caso di arrostire ( in senso metaforico) questi intellettuali cortigiani come i due frati hanno fatto (davvero) con il Corvo? 


Che una certa ideologia marxista abbia dimostrato la sua inadeguatezza è innegabile anche per ciò che riguarda i metodi di lotta e Pasolini sceglie la dolce, disincantata e spesso amara ironia della favola per comunicarlo. 
Chissà cosa avrebbe detto Pasolini di una certa sinistra che continua a parlare di sviluppo solo in temini di produzione (come fanno i liberisti estremi), ed è proprio questo lo scandalo: non abbiamo bisogno di fabbriche per produrre di più, abbiamo bisogno di un nuovo modo di interpretare l'economia. 
Non c'è sviluppo senza sottosviluppo, non c'è primo mondo senza terzo mondo, il nostro mondo industriale non riesce a reggere il confronto con l'aggressività dei paesi emergenti perché è inadeguato e continua a credere che lo svluppo inteso come maggiore produzione di beni sia l'unica risposta. 



Facendo un azzardato confronto tra "Uccellacci e uccellini" con un film come "Accattone", si può notare come Pasolini sia passato da una quasi appassionata difesa del sottoproletariato ad una disicantata visione della impossibilità di cambiare il mondo con l'ideologia. 
Anzi è proprio il sottoproletariato che ambisce a salire la scala sociale e sono proprio i beni di consumo della borghesia opulenta l'obiettivo di chi non ha niente, è questo il cancro della società globalizzata: coloro i quali non hanno vogliono avere le stese abitudini di coloro che hanno e per raggiungere questo scopo sono disposti a tutto. 


Ma se in "Uccellacci e uccellini", Pasolini arriva alla conclusione che l'ideologia non è in grado di cambiare la realtà sociale, quali sono gli strumenti che possono incidere sulla stessa invertendo la rotta di un modo destinato a implodere per le troppe contraddizioni? 
E' purtroppo una domanda che non trova risposta nella narrazione pasoliniana, ma ci rimane lo splendido affresco surrealista di una favola moderna che è sempre attuale. 

"Uccellacci e uccellini" è uno di quei film che viene riproposto di rado in TV, vale la pena vederlo, è un capolavoro! 

Il film in DVD è ancora vietato ai minori di 14 anni, non c'è nessuna scena scabrosa, ma così decise la censura dell'epoca. 
Nel DVD sono presenti inoltre degli interessanti commenti critici che nulla aggiungono al film, ma possono essere dei momenti di riflessione, vanno presi con questo spirito, ma non li ritengo essenziali. 
Il DVD è reperibile anche online al costo di euro 9,90.

 

Un capolavoro pieno di simboli, ogni scena è una perla che induce a riflettere.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Z. Cinema
30 gennaio 2013 3 30 /01 /gennaio /2013 18:56

article marketing turismo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SCRITTURA EPISTOLARE, UNA GENTILEZZA ORMAI MESSA DA PARTE


Le ragioni per cui non si scrive più sono molteplici e rintracciarle ci porterebbe fuori tema, resta il fatto che è difficile che oggi qualcuno decida di comunicare i propri sentimenti attraverso una lettera, il telefono prima e la posta elettronica poi, hanno soppiantato completamente questa forma di comunicazione che è diventata obsoleta ma solo per quanto riguarda il mezzo impiegato (il cartaceo).
In realtà l'uomo non ha mai cessato di voler comunicare e pur utilizzando altri mezzi, continua a volersi relazionare con i propri simili, paradossalmente anche il più misantropo degli individui quando compila un diario con certosina puntualità, lo fa per due ragioni fondamentali: per comunicare con se stesso o perchè spera che un futuro lettore possa leggere quanto lui ha scritto.

Gli epistolari sono la forma più autentica di comunicazione che l'uomo possa avere mai impiegato perchè attraverso il ripiegamento su se stessi, consentono di svelare la parte più nascosta e autentica della persona.

LA GENTILE SIGNORA LUCIA

Con "Lettere a una gentile signora" ci troviamo dinanzi ad un'opera minore di Carlo Emilio Gadda, è una raccolta di lettere che spesso non viene citata nel corpus dell'opera gaddiana, considero Gadda il più filosofo dei letterati ma anche quello che più di ogni altro ha spaziato nei generi più disparati: si va dagli scritti teorico-filosofici come "I viaggi della morte" a romanzi di grande spessore come "Quer pasticciaccio brutto di via Merulana", dal diario personale come "Il Giornale di guerra e di prigionia" a raccontini di tipo favolisitico come "Primo libro delle favole" sino a queste "Lettere a una gentile signora" , un libro elegante e raffinato alla continua ricerca di nessi e cause.

Per capire il significato dell'opera bisogna comprendere il rapporto che Gadda ebbe con la malattia e il dolore, quando morì la madre, Gadda incominciò ad elaborare il proprio rapporto con il dolore e riversò le sue riflessioni su quello straordinario romanzo che è "La cognizione del dolore".
Questo elaborazione di Gadda fu innazitutto dovuta a un movente che potremmo definire psicoanalitico dove dolore, malattie vere e presunte diventano la causa che lo porta ad utlizzare la scrittura come una vera e propria terapia e la gentile signora Lucia diventa la destinataria di tutti i suoi dubbi, paure e nevrosi che, come abbiamo visto, sono nevrosi che nascono all'interno del proprio nucleo familiare originario.

Quel che più mi ha colpito è lo stile di Gadda in queste "Lettere...", mentre in altre opere Gadda privilegia la frammentazione del linguaggio, l'analisi della realtà che a sua volta viene smontata e che tratta come un pittore cubista, qui Gadda è diretto, immediato, confessa alla gentile signora le proprie frustrazioni mostrando anche una sorta di esibizionismo narcisistico che sfiora un vittimismo quasi coltivato nei minimi particolari.

Sempre facendo un paragone con la già citata "Cognizione del dolore", Gadda si comporta con Lucia come si comportava il personaggio principale del libro, quel Gonzalo Pirobutirro d'Eltino che è un campione di nevrosi senza riscatto, un asociale e un disadattato che oltre alla conoscenza non va, Gonzalo critica la società, ne esce fuori perchè conosce i meccanismi della socità borghese ma non fa nulla per superare questa situazione.
Esattamente questo fa Gadda solo che alla insofferenza verso i limiti della società borghese, aggiunge la propria condizione che arriva a definire di mummificazione fisica, difatti spesso parla di malattia, di rinunce e di impossibiltà di muoversi.
Le lettere vengono scritte da Stresa, a partire dal 1935, ma chi è Lucia Rodocanachi? La gentile signora è un'amante della letteratura, una traduttrice che segue riviste letterarie liguri, un personaggio realmente esistito che aveva delle importanti frequentazioni oltre a quella di Gadda, tra cui quella di Elio Vittorini e di Montale.

Oltre all'aspetto evidenziato queste "Lettere alla gentile signora" sono interessanti perchè contengono tutta una serie di riferimenti a situazioni vissute dallo stesso Gadda o di cui era venuto a conoscenza, ciò permette anche di conoscere cosa avveniva in quegli ambienti, curiosa per esempio, la seguente circostanza :spesso gli scrittori e i traduttori erano in bolletta per il perenne ritardo nei pagamenti da parte degli editori, curioso anche il fatto che la signora Lucia abitava ad Arenzano e quando Gadda andò a Sestri Levante gli scrisse una lettera, fatto questo sicuramente impensabile ai nostri giorni.


.....Che pazienza signora Lucia...

tra dolori, mummificazione fisica e tanta sofferenza la paziente Lucia leggeva le lettere, chissà cosa pensava veramente, forse non lo sapremo mai, ma era gentile e in quella gentilezza che Gadda aveva immediatamente avvertito sin dai primi incontri c'era soprattutto la virtù di coloro che sopportano con rassegnazione le persone o le cose moleste.

Un giudizio positivo sul libro che è anche un'occasione per conoscere sia una parte del vasto e importante epistolario di Gadda sia alcuni aspetti della sua complessa personalità.
Protected by Copyscape Web Plagiarism Scanner

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
30 gennaio 2013 3 30 /01 /gennaio /2013 06:16

4428712962_0d0387aa36.jpg

Fonte immagine:http://www.flickr.com/photos/30453880@N04/4428712962 (album di cdrummbks)

 

 

QUELLA NOSTALGIA PER IL RIBELLISMO FASCISTA 

Quando il fascismo diventò regime abbandonò quella natura ribelle che aveva attratto tanti giovani sin dal suo sorgere, il fascismo delle origini non solo non era moralista ma l'inclinazione fuurista per lo schiaffo ed il pugno mal si armonizzava con le spinte moraliste cattoliche che provenivano da larghi settori della società civile, oggi si parla di cattocomunismo allora esisteva il cattofascismo, molti esponenti di questo cattofascismo che predicavano la morale e andavano poi nei bordelli diventarono, nell'Italia repubblicana, democristiani, molti di quei giovani che appartenevano al fascismo di sinistra o morirono a Salò o diventarono comunisti, poi anche il comunismo venne risucchiato dalla acque paludose di quel moralismo che sembra da permeare da sempre l'Italia da quando non esiste più lo Stato Pontificio. 


Elio Vittorini era un fascista di sinistra convinto e quando scrisse"Il garofano rosso", incominciava a mostrare insofferenza verso quell'Italia dove la censura metteva il naso ovunque e che stava bruciando i suoi figli migliori, li bruciò allontanandoli dallo spirito originario del fascismo, li bruciò poi in una guerra nei confronti della quale gli italiani non erano preparati nè per i mezzi nè per la mentalità. 

 

 

 



E' noto che "Il garofano rosso" subì delle forti tagli rispetto alla stesura originaria e non per ragioni politiche ma di morale, di pubblica morale, eppure non c'era niente di triviale e di offensivo nel linguaggio usato da Vittorini, bensì alcuni temi trattati dovevano essere ammorbiditi primo fa tutti quello del'amore del protagonista, Alessio, con una procace e attraente prostituta dal nome quasi felliniano Zobeida, una Gradisca letteraria che pur non avendo le fattezze della nave scuola su cui fare esperienza non poteva che attrarre le voglie adolescenziali di quei ragazzi passionali come i giovani di tutte le generazioni. 
È probabile che molte delle vicende narrate nel libro ripercorrano sul piano letterario alcuni momenti di Vittorini primo fra tutti l'ammirazione di Alessio/Elio per Rosa Luxemburg, un'ammirazione questa condivisa da molti giovani soprattutto per un sentimento antiborghese che da sempre era presente in una parte del fascismo. 
Quando il fascismo decise di schierarsi con Franco, per molti giovani questa fu una posizione incomprensibile e l'avere gettato nelle mani sovietiche la Spagna repubblicana portò molti giovani ad essere critici nei confronti del regime esattamente come Alessio il protagonista de Il garofano rosso. 

L'aspetto politico comunque in questo romanzo è forse secondario mentre l'aspetto letterario più interessante è quello che riguarda questa sorta di passaggio di iniziazione che viene descritto da Vittorini dal punto di vista dei giovani che vivono separati la loro realtà rispetto ad un mondo degli adulti con il quale non si aveva alcuna comunicazione (ma è ancora così!). 
Ecco questo è l'aspetto narrativo più interessante, parlare del periodo dell'adolescenza dal punto di vista di chi l'ha vissuta e usa il suo linguaggio, certo che se una considerazione immediatamente diventa inevitabile è quella che riguarda la comparazione del mondo di quell'adolescenza con il mondo dell'adolescenza del terzo millennio, eventuali considerazioni ulteriori rischiano di diventare banali ma il ripiegamento che i giovani hanno oggi, li ha privati della cosa più bella che quell'età dovrebbe avere, la capacità di sognare. 

C'è una vittoria del tempo storico che inevitabilmente porta a superare le varie fasi dell'età ma il bisogno rimane il medesimo anche quando passano le generazioni, Vittorini ci da uno spaccato di quell'Italia così lontana attraverso l'esperienza di apprendistato che un giovane Alessio compie per rendersi definitivamente emancipato dal padre..cambiano i tempi ma il bisogno rimane lo stesso... 

Temiamo che questo percorso si sia fermato da tempo, i giovani oggi non hanno speranza e non riescono più a staccarsi dal cordone ombelicale che li lega alla loro famiglia di provenienza, questo per ragioni economiche prima di tutto ma anche per assenza di spinte vitalistiche ormai compresse da un mammismo dilagante e pericoloso .....meglio Alessio che sognava Zobeide.......

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
27 gennaio 2013 7 27 /01 /gennaio /2013 19:22

contatore visite gratis

 

 

 

 

 

8078503145_de87c80bfe.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/33147718@N05/8078503145 (album di Australian National Maritime Museum on The Commons)

 

 

STORIA DI UN MARINAIO CHE DIVENTO' SCRITTORE 

In un periodo in cui latitano gli scrittori e i pensatori di razza e in cui coloro che dovrebbero insegnare letteratura non sono in grado di scrivere neanche una lista della spesa, leggere la vita di Joseph Conrad è di sprone a tutti coloro che, fuori da circuiti dei vari premi più o meno organizzati volessero intraprendere la carriera dello scrittore. 
Una carriera che spesso ha un riconoscimento postumo perchè, salvo rarissime eccezioni, il destino dello scrittore (come del resto quello dei filosofi e degli artisti) è quello di non essere compresi dai contemporanei e questa vale ancor di più nei tempi di oggi in cui i lettori sono usi a consumare e a considerare il romanzo come qualcosa che deve essere consumato a tutti i costi, una frenesia da best seller a cui gli editori si dedicano con sempre maggiore frequenza e che sembra incontrare il favore di lettori da ombrellone che distrattamente consumano le letture di pagine che vengono sfogliate come se si leggesse un rotocalco. 

Se nella vita di uno scrittore, di un artista o di un pensatore si ritrovano delle corrispondenze con quello che è lo spirito delle sue opere, allora ciò significa che l'opera è l'autore e questa immedesimazione di opera e autore distingue l'opera autentica dall'opera costruita, l'opera che è l'artista dall'opera finalizzata esclusivamente e solamente alla vendita ecco perchè spesso il best seller non è un capolavoro, con qualche rarissima eccezione. 

Joseph Conrad non sfugge a questa regola aurea dell'immedesimazione opera-artista e questo è il motivo di un successo che va oltre la contingenza delle logiche editoriali per quanto la pubblicazione dei suoi romanzi abbia portato lauti profitti ai vari editori che hanno pubblicato le sue opere. 

Joseph Conrad è spesso preso come campione della letteratura inglese contemporanea eppure la sua formazione culturale non era anglosassone, era slavo di nascita e slava può essere considerata la sua iniziale educazione non solo familiare ma anche culturale. 
Figli odi un intellettuale polacco che partecipò alla lette per l'indipendenza della Polonia, frequentò l'Università di Cracovia e rimasto orfano di padre poco più che diciottenne, lasciò la Polonia, andò in Francia e da Marsiglia si imbarcò in quello che fu il primo di una serie di lunghi viaggi. 
Questa decisione segnò profondamente Conrad che da quel momento incominciò un rapporto privilegiato con il mare e con il viaggio, da quel momento per vent'anni Conrad navigherà tra Europa, Asia, Africa e America accumulando un'epserienza che riverserà poi nei suoi romanzi. 

**Il viaggio come è stato vissuto da Conrad è diverso da quello di un Salgari per esempio perchè ogni suo romanzo contiene molti tratti autobiografici e tutta la materia e così impregnata di conoscenza di luoghi, tecniche, caratterizzazione dei personaggi che il lettore coglie immediatamente la creatività presente in una sua opera che è sempre vissuta dall'improvvisazione di altre opere sul mare e sui viaggi i cui contenuti scenici sono del tutto artefatti e costruiti. 

Prima marinaio, poi capitano di lungo corso della Marina britannica è su una nave e in mezzo al mare che Conrad comincia a scrivere la sua prima opera, un romanzo la cui elaborazione fu lenta e tormentata: "La follia di Almayer" e quando venne edito il romanzo, Conrad si rivelò uno scrittore che oltre ad avere elaborato una trama originale, si esprimeva con uno stile elegante e magnifico. 
Il libro contiene già tutti i temi di fondo che saranno poi ripresi nei romanzi successivi e che costituiranno il motivo esistenziale e contenutistico di molte delle sue opere: il tema dei progetti inattuati, della rivalsa. 
Conrad giovanissimo non sfuggì all'attenzione dell'editore inglese Fisher & Unwin che ne intuì il talento e solo un anno dopo Conrad pubblico il suo secondo romanzo intitolato "Un reietto delle isole", prima della pubblicazione Conrad scrisse ad un amico dove, oltre ad aver annunciato il suo imminente matrimonio, gli comunica presto sarà dato alle stampe quello che lui stesso definirà, con una punta di civetteria, il suo capolavoro. 
E' interessante a questo proposito notare che Conrad spiegando le motivazioni della sua nuova attività, dice " devo scrivere per vivere", la decisione infatti di lasciare la Marina britannica per dedicarsi interamente alla letteratura fu coraggiosa e in un primo momento si rivelò giusta in quanto il successo e la consacrazione non mancarono, ma successivamente seguirono degli anni di povertà e di indigenza ma questo non mutò affatto la sua forte vena creativa. 

Nel 1897, pubblica il suo terzo romanzo "Il negro di Narciso" e nel 1900 "Lord Jim", è interessante il fatto che abbiamo dei documenti nei quali Conrad parla delle sue opere in quanto era solito confidarsi con qualche amico circa i contenuti delle stesse e dimostrando di essere in critico delle sue opere a cui dedicava una puntigliosa revisione dove si rivela non solo l'autore ma anche il lettore di se stesso. 
Definisce "Il negro di Narciso" "una storia violenta che tratta di uomini violenti contro uno sfondo immenso" e forse è una delle sue opere migliori in quanto risponde il fatto, da lui stesso confessato, che penetra l'essenza della vita. 

A Conrad accade esattamente quello che accennavamo nelle righe iniziali, per quanto abbia un riconoscimento della critica a lui contemporanea, non riesce a vendere abbastanza, i suoi libri non sono best sellers, ha difficoltà, in un certo momento, persino a farsi comprendere dal pubblico, Conrad è disperato e racconta lui stesso che certi giorni è così in preda alla disperazione che gli accade di stare seduto delle ore senza fare assolutamente nulla mentre è preso dalla volgi di sfogarsi urlano e che si trattiene solo per non svegliare la moglie e il bambino. 
Conrad era consapevole di questa situazione al punto da esternarla sfogandosi con gli amici più cari e spiegando che nel suo scrivere la motivazione principale era quella di voler servire la verità e questa esigenza di aderenza alla verità è forse il motivo principale che ha animato la sua forza crativa che si mantenne costante nel tempo. 

A partire da questo momento,Conrad, scrisse dei libri in collaborazione con Ford Madfox Ford : "Gli eredi" (1901), "Romanzo" (1903 ), e quando lo stesso Ford Madfox Ford, rievocherà quella collaborazione ne spegherà i motivi: la ricerca di una nuova forma. 
Proprio in questa ricerca di nuove forme espressive, Conrad continuò la sua ricerca introspettiva affinando sempre più la forma stilistica e dando origine a quello che molti critici considerano il capolavoro di Conrad: Typhoon, "Tifone" (1903). 

Se la prima opera fu tormentata e pervenne al termine dopo un elaborato percorso, l'opera che senza dubbio, fu laboriosa e faticosa è "Nostromo", dobbiamo considerare che fino a pochissimo tempo fa scrivere era ritornare soprattutto sui propri passi, il manoscritto era un continuo revisionare, cancellare, riconsiderare, spesso scrivere una frase non riuscita comportava riscrivere interi periodi, intere pagine e Conrad nella stesura dell'opera, non fu esente dalla parte più impegnativa che sta alla base di ogni romanzo e che riguarda la prima stesura. 

 

 

 

 

 

539124896_9f156dad5d.jpg

Fonte immagine:http://www.flickr.com/photos/58668786@N00/539124896 (album di Pablo Sanchez)

DAI VIAGGI IN ISOLE E TERRE LONTANE ALL'EUROPA 

Se buona parte dell' attività letteraria di Conrad riguarda isole e terre lontane, a partire dal 1907, Conrad sposta i suoi scenari in Europa e muta anche la trama dei suoi romanzi, ne sono esempio i romanzi intitolati "L'agente segreto" e "Sotto gli occhi dell'Occidente" in cui i protagonisti sono i deboli e non più personaggi di viaggi lontani, il suo impegno letterario si muove su uno sfondo vagamente politico. 
Ma questa parentesi durerà poco, l'antico marinaio riprenderà il tema delle isole e dei mari lontani come in "Vottoria" e come nei numerossimi libri autobiografici che darà alle stampe tra cui va annoverato il bellissimo romanzo intitolato "La linea d'ombra". 
Nel 1923 uscirà il suo ultimo romanzo "L'avventuriero" in cui la tematica sarà quella storico-politica e sembrò che potesse iniziare una nuova stagione letteraria per Conrad ma il 3 agosto 1924, un infarto chiuse per sempre l'esistenza terrena del grande marinaio polacco, i suoi romanzi vivranno per sempre. 

 

A chi volesse avvicinarsi all'opera di Conrad, consigliamo, come prima lettura, il romanzo "Un reietto delle isole" edito da Garzanti nel 2010, un libro non eccessivamente impegnativo che consente però di apprezzare la grande magnificenza dello stile di questo grande autore, il costo del libro è di soli euro 10,00.

 

Dettagli prodotto

 

Per maggiori informazioni si rimanda a:

http://www.ibs.it/code/9788811365273/conrad-joseph/reietto-delle-isole.html 


A chi volesse conoscere tutta l'opera di Conrad si segnala una interessante iniziativa di Ugo Mursia Editore che ha pubblicato l'opera ominia intitolata  "Tutti i racconti e i romanzi brevi", il costo  è di euro 60,00. 

 

Per maggiori informazioni si consulti:

http://www.ibs.it/code/9788842542155/conrad-joseph/tutti-racconti-romanzi.html

 


Articolo dedicato a chi ama viaggi in terre lontane e possa vedere in Conrad la fonte di ispirazione per scrivere intorno ad essi.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
27 gennaio 2013 7 27 /01 /gennaio /2013 08:46

contatore visite

3474579660_a3f5d937da.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/22118036@N00/3474579660 (album di Monica Orellano-Ongpin)

 

Una delle guide più interessanti che trattano in modo sistematico il mondo dei formaggi italiani è "L'Italia dei formaggi" scritto a quattro mani da Luigi Cremona e Francesco Soletti; nella guida sono recensiti 490 tipi di formaggio riconosciuti ufficialmente.

Di particolare interesse è la parte introduttiva dove viene spiegato il significato di alcune definizioni che hanno a che fare con il settore caseario a partire dalla definizione di formaggio, inoltre viene illustrato come si fa il formaggio e vengono spiegati i vari tipi di lavorazione (formaggi a pasta cruda, semicruda, a pasta cotta e semicotta, a pasta filata ecc.).

Completa e utilissima è poi la parte che riporta i valori nutrizionali del formaggio; gli autori hanno poi illustrato il modo migliore per valutare un formaggio che deve comprendere l'esame visivo, l'esame tattile esterno e l'esame olfattivo.

 

 

3921777487_994485ee2a.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/81227945@N00/3921777487 (album di Fiore S. Barbato)

Nell'atlante si trovano le schede di tutti i formaggi prodotti nelle varie regioni italiane, per ogni regione è presente una breve introduzione che tratta la realtà casearia dal punto di vista storico.

 

Nella guida sono presenti inoltre i nomi e i recapiti di 360 produttori che vendono direttamente i loro prodotti e di 517 negozi specializzati, ristoranti ed enoteche in cui è possibile degustare i formaggi.

 

"L'Italia dei formaggi" è una delle migliori guide per conoscere tutti i nomi e le caratteristiche di ogni singolo formaggio e per apprendere curiosità, notizie e informazioni pratiche sulla realtà casearia nazionale.

 

SCHEDA DEL LIBRO

  • Autori: Luigi Cremona - Francesco Soletti
  • Titolo: L'Italia dei formaggi;
  • Editore: Touring (collana Guide tematiche);
  • Anno di pubblicazione: 2002;
  • Pagine: 256.
  • ISBN: 8836527272.

 

L' Italia dei formaggi

 

 

Per altre informazioni si segnalano i seguenti link:

  • http://www.deastore.com/libro/l-italia-dei-formaggi-luigi-cremona-francesco-soletti-touring/9788836527274.html;
  • http://www.ibs.it/code/9788836527274/cremona-luigi-soletti-francesco/l-italia-dei-formaggi.html

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
27 gennaio 2013 7 27 /01 /gennaio /2013 08:07

article marketing italia

 

 

 

 

 

 

 

GARABOMBO IL TRASPARENTE 

"Allora tutti constatarono che Garabombo era veramente invisibile. Antico, maestoso,interminabile" (Dalla "Storia di Garabombo l'invisibile

Sia apre con queste parole il romanzo di Manuel Scorza pubblicato da Feltrinelli per la prima volta nel 1973 e ristampato nel 2003, un romanzo che ha avuto un grande successo e che continua ad avere un vastissimo pubblico di estimatori che hanno preso Garabombo come l'eroe ispiratore e portafortuna di tante iniziative sia in campo economico che culturale. 
Le ragioni di questa vastissima schiera di ammiratori ha molteplici ragioni perchè questo romanzo del prematuramente scomparso scrittore peruviano Manuel Scorza non è solo un personaggio di un romanzo, ma è la metafora di colui che si rende invisibile al potere. 

È proprio questa la caratteristica principale del personaggio e la scena che si apre nelle prime pagine del romanzo, anticipa il tema della storia: Garabombo che va incontro a venti guardie che si trovano davanti a una caserma facendo le sentinelle attorno ad un tripode di un mitragliatore e che quando passa davanti, è assolutamente invisibile ai loro sguardi. 

Immediatamente il lettore entra in contatto con il personaggio che ha anche una caratteristica, entra senza farsi vedere nelle caserme e dorme con le donne sposate, così come non può essere visto dai bianchi ma solo da quelli del suo sangue. 

Il titolo del libro potrà suonare strano se associato al tema del racconto, penso, anche a persone che sono abituate a leggere favole moderne e l'errore di una lettura che faccia rientrare il romanzo nel genere favolistico è ingenerato anche dal fatto che non c'è stata un'elaborazione del testo che andasse al di là della trama da parte dello stesso autore che era prima di tutto un intellettuale  costretto ad esiliare) che scelse la "fabula" come mezzo per comunicare senza incorrere nella censura del potere politico che risultò più di una volta gabbato dalla favola bella e lieve che permetteva a Scorza di dire tutto contro il potere repressivo, difendendo i diritti dei senza voce, degli umili e dei diseredati. 

È l'intellettuale che parla per gli altri, per gente sospettosa abituata a non fidarsi nei confronti degli estranei e meno che mai delle autorità governative come nell'episodio del funzionario dell'Ufficio agropecuario mandato per combattere le malattie dell'agricoltura; attraverso la favola Scorza ci presenta la cultura dei nativi peruviani che è anche la cultura della medicina popolare e di una cultura soffocata e offesa dalle continue espropriazioni. 
"Anche noi soffriamo da generazioni" dice uno dei membri del villaggio di Chinche quando si confida con Garabombo che è il paladino di tutte le lotte e difensore dei soprusi e delle ingiustizie e quando Garabombo obietta che un padrone non espropria, l'abitante di Chinche precisa che non si tratta di esproprio ma di recupero. 

Amara la riflessione di Scorza narratore quando per bocca di Remigio (un'altra delle figure chiave del romanzo) parla della giustizia rivolgendosi al sergente Cabrera (figura dell'esecutore di ogni ordine che produce sopruso): 

"Perchè non è in prigione il presidente della corte suprema? Ci sono cause in Perù che durano da quattrocento anni. Ci sono comunità che reclamano le loro terre da un secolo a questa parte. Chi vuole chi gli dia retta. 
Perchè non è in prigione il giudice Montenegro? 
Perchè non è in prigione la giustizia? 
E sopratutto, perchè non è in prigione in lei..............." 
(in op.cit. pp. 54-55) 

È un mondo quello descritto da Scorza che pur nella sua specificità della cultura peruviana lo si può ritrovare in tutte le società in cui la sottocultura di potere è altro dal mondo reale, è un mondo di funzionari, di burocrazia, di file interminabili, di faccende di bassa politica, di denunce inascoltate..un "deposito di citrullaggini" come lo definisce lo stesso autore. 


COME LEGGERE L'INVISIBILITA' DI GARABOMBO 

La chiave di lettura di questa invisibilità è ambivalente, da una parte l'invisibilità permette a Garabombo di compiere imprese straordinarie, di entrare nelle caserme, di ascoltare, di sentire, di anticipare così le mosse delle autorità ma nello stesso tempo questa diversità è anche un limite perché quando Garabombo si presenta davanti alle autorità non solo non può essere visto ma non può essere neanche ascoltato. 
Un eroe invisibile che può essere visto solo dalla sua gente, che è paladino di una cultura subalterna ma che è anche inascoltato da un potere che è sempre eguale a se stesso e che è sordo a qualsiasi istanza. 

Leggere il romanzo è anche l'occasione per scoprire lo scrittore Manuel Scorza che in un altro suo racconto intitolato "Rulli di tamburo per Rancas" tratta attraverso il linguaggio del racconto magico e meraviglioso il comune destino delle cultura indigena e anche in questo racconto manca il finale del "vissero felici e contenti", è una fiaba a metà quella di Scorza che non segue lo schema classico del racconto magico dove gli stessi ruoli dei personaggi abbracciano diverse sfere d'azione, ma la fiaba è anche questo, è narrazione crudele e in certo senso immorale. 

IL LINGUAGGIO DI MANUEL SCORZA 

Scorza non si distacca dalla tradizione favolistica europea, vi è un'infinità di opinioni su Cappuccetto Rosso, su Biancaneve, su Cenerentola e quasi tutte, salvo rarissime eccezioni, si riferiscono alle versioni edulcorate create per un pubblico infantile, Charles Perrault o i fratelli Grimm non scrivevano per i bambini come non scriveva per un pubblico infantile La Fontaine, le versioni orginali sono piene di immoralità, crudeltà, hanno finali ben diversi dai racconti rielaborati Disney che fu autore bravissimo e geniale ma raccontò un'altra cosa e così è Manuel Scorza con il suo "Garabombo" che è eroe e antieroe e che difende i membri di una comunità, visti dal potere come invasori, ladri, delinquenti. 
Scorza usa il linguaggio quotidiano, privilegia il dialogo, ogni tanto usa anche qualche parolaccia, la scrittura è facile, colloquiale..come quella di una fiaba. 

Le fiabe nascono tra i racconti popolari e non raccontano altro che l'ingiustizia del mondo...........il gatto degli stivali e Garabombo sono la stessa cosa!!! 



"A che cosa servono le fiabe? 
Se dovessero servire a ispirare 
buoni sentimenti 
morirebbero a ogni 
generazione, ogni volta 
che la gente si fa un'idea 
diversa di quelli che sono 
i <buoni sentimenti>. 
Secondo noi le fiabe servono 
soprattutto alla formazione 
della mente: di una mente 
aperta in tutte le direzioni 
del possibile..........." 

(Gianni Rodari)

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
26 gennaio 2013 6 26 /01 /gennaio /2013 20:17

contatore sito web

 

 

 

 

 

IL CAPITANO CONRAD, SCRISSE DI VIAGGI, OCEANI, NOSTROMI E AVVENTURE MARINE 


Saremmo poveri spiritualmente se non avessimo avuto degli straordinari narratori che hanno saputo scandagliare l'animo umano e ci hanno permesso di riflettere e di farci viaggiare con la mente; ho letto molto e spero di avere ancora del tempo per poter leggere dei romanzi, amo i romanzi falsi e veri, così come mi piacciono le operette maliziose e leggere, ma se devo restringere il campo tra gli scrittori viaggiatori sono due quelli che senza dubbio prediligo: Emilio Salgàri che non ha mai viaggiato ma aveva l'animo dell'esploratore e del viaggiatore e Joseph Conrad che viaggiatore lo fu davvero, dapprima in qualità di marinaio e poi come primo ufficiale di bordo. 
Il capitano Conrad era un uomo di mare che, oltre a scrivere i diari di bordo delle navi che comandava, sapeva scrivere straordinari racconti in cui ci ha parlato di viaggi, di località esotiche, di oceani, di nostromi e di avventure marine. Ma catalogare Conrad come uno scrittore di romanzi d'avventura sarebbe a mio parere riduttivo, Conrad è scrittore profondo e complesso che stimola il lettore a guardarsi dentro e a riflettere, i suoi romanzi sono intramontabili e hanno passato indenni le mode, ecco perché Joseph Conrad può essere annoverato tra i grandi della letteratura di ogni tempo. 




Quando accadde il tragico naufragio della Costa Concordia mi venne in mente un racconto intitolato "Lord Jim" scritto da Joseph Conrad, lo avevo letto intorno ai vent'anni e lo scrittore polacco mi piaceva moltissimo come mi piacevano altri autori di lingua inglese che raccontavano di viaggi e avventure; l'elenco non è molto lungo e oltre a Conrad, comprende Rudyard Kipling e Robert Louis Stevenson (famoso per "L'isola del tesoro" e "Lo strano caso del Dr. Jekyll e del signor Hyde"); tutti questi autori hanno rappresentato per me il naturale completamento di interessi che attingevano anche dalle letture dei fumetti della Bonelli e dai romanzi di Emilio Salgàri. 

"Lord Jim" è un romanzo in cui si ritrovano tutti i temi che contraddistinguono la narrativa di Conrad: l'avventura, l'eroe rifiutato, l'azione gloriosa, il tradimento, il riscatto, il destino implacabile; la narrativa di Conrad è scevra da qualsiasi dualismo tra reale e ideale, la vita reale è quella che è e ogni essere umano deve fare i conti con un'esistenza che non lascia scampo perché l'esito finale è per tutti eguale. 
Per me un racconto può essere scritto in due modi: insistendo sulla descrizione senza dare la parola ai protagonisti e oppure dando loro la parola; Conrad riesce a fondere entrambe prospettive ecco perché "Lord Jim" può essere diviso in due parti: nella prima il narratore esterna quasi in modo naturalistico ciò che accade, nella seconda parte invece il narratore è Marlow che interpreta i fatti secondo il suo punto di vista. Grazie a questa tecnica narrativa adottata da Conrad il lettore, man mano che scorrono le pagine, si sente coinvolto e finisce per "fraternizzare" con il punto di vista del protagonista. Conrad è il maestro di questa tecnica narrativa, tecnica che contribuisce tuttavia a rendere il romanzo a tratti difficoltoso come può essere la comprensione di una mente complessa che rivela agli altri il proprio pensiero. 

La storia è affascinante: il capitano Marlow comanda la nave Patna a bordo della quale vi sono ottocento pellegrini di fede musulmana, ad un certo punto in seguito ad una collisione, il capitano e i suoi ufficiali tra cui anche Jim decidono di abbandonare la nave. Analogie con il presente? Tante ma udite, udite...Jim viene processato, perde la sua patente di navigazione ma perde la cosa più importante per un marinaio : l'onore. 
Ecco la regola scritta che vale sempre nella marineria di ogni luogo: Jim perde l'onore non quando viene celebrato il processo ma quando decide di saltare in acqua ed è proprio quel gesto che lo renderà un reietto e un vigliacco agli occhi di tutti. Da qui la voglia di riscattarsi. 

MON CAPITAIN DIVENTA TRAFFICANTE INSIEME A LORD JIM 

E bisogna pur vivere mio capitano!!! Marlow segue Jim che diventa trafficante nell'isola malese di Putasan dove sposerà la causa degli indigeni difendendoli dai predoni arabi e dove avrà un'intensa storia d'amore con Jewel, una ragazza indigena che perderà la vita in modo tragico; il vero protagonista del racconto a questo punto diventa proprio Jim ma è Marlow che racconta la storia esprimendo il suo punto di vista. La narrazione diventa imprevedibile e affascinante e per il lettore è un momento di verità e di riflessione. 

IL MESSAGGIO DI LORD JI

Non c'è nessuna sintesi che possa rendere appieno l'idea del romanzo, Conrad è un autore che rappresenta in pieno l'epoca dell'Inghilterra vittoriana ma non cade mai nel moralismo di facciata che invece era una caratteristica di quella società; quel che più ho apprezzato di Lord Jim è il fatto che Conrad va oltre il "tempo della storia", diventando uno stimolo critico per tutti coloro che pensano alla resa e non riescono a fare i conti con il proprio passato. Ma del resto che altro avrebbe potuto fare Lord Jim nel momento in cui aveva perso l'onore? Un reietto che si deve riscattare deve andare oltre il proprio dolore anche se non può andare contro il proprio destino. 
Conrad affronta temi che da sempre fanno parte della letteratura: quelli della colpa e del riscatto, in questo senso può essere annoverato tra gli scrittori "epici"; il suo Lord Jim si conclude con un finale tragico: il riscatto avviene agli occhi del lettore, è postumo; la morte diventa l'unica espiazione possibile, un'espiazione che diventa resa senza ritorno. 


La lettura del libro è vivamente consigliata! 




PILLOLA DI VELENO: Davanti al capitano Conrad faccio io l'inchino e rimango ammirato....invece qualche altro capitano dopo l'inchino, è naufragato!!****

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
23 gennaio 2013 3 23 /01 /gennaio /2013 07:35

5598694146_2d68e9965a.jpg

 

Fonte immagine:http://www.flickr.com/photos/61511237@N03/5598694146 (album di de-zer)

 

 

 

NON RICEVE ALCUN FINANZIAMENTO PUBBLICO* 


Esiste un quotidiano che non è un organo di partito e che non prende finanziamenti pubblici? La risposta è affermativa e questo giornale è " il Fatto Quotidiano"; personalmente ne condivido appieno la scelta in quanto credo che dare soldi ai giornali significhi buttare letteralmente risorse che potrebbero essere impiegate per finanziare progetti destinati, ad esempio, alla cultura eppure in Italia, con l'unica eccezione de "il Fatto quotidiano" nessuno, alle critiche strumentali sui finanziamenti all'editoria, ha fatto seguire gesti concreti ossia esempi coerenti. Con l'eccezione di Marco Travaglio e colleghi. 
Può apparire ovvio osservare che un quotidiano dovrebbe vivere delle sole vendite in edicola e di quelle provenienti dagli abbonati, ma in Italia non è così, pensate che ci sono addirittura dei giornali che fanno capo a gruppi politici inesistenti creati ad hoc per "drenare" denaro pubblico e se a una critica, dovrebbe sempre seguire un atto coerente, è innegabile che "il Fatto Quotidiano" rappresenti un unicum nel panorama editoriale italiano. 

Detto questo crediamo che tutte le versioni di carta dei quotidiani siano destinate a vendere sempre meno copie tramite edicola, è solo una questione di tempo; le edicole vendono di meno anche perché le informazioni diffuse tramite il web trovano un riscontro sempre più favorevole da parte dei lettori anche se, bisogna riconoscerlo, un quotidiano di carta (quello che si compra in edicola), almeno per ora, è molto più completo rispetto al suo omologo online. 

* La scritta si trova nel riquadro rosso ed è stata collocata con la funzione di sottotitolo, quasi a volere rimarcare la propria specificità. 



LO STRILLONE CON IL MEGAFONO CHE INFASTIDISCE I POTENTI

Se la grafica ha una sua importanza, la scelta di mettere il nome del giornale "il Fatto Quotidiano" entro un bel riquadro rosso fa un certo effetto; intanto non passa inosservato come è impossibile non notare la figura dello "strillone" che tiene in una mano un megafono attraverso cui "grida" al mondo le notizie e nell'altra mano un giornale. E' la classica figura dello "strillone" (molto americano) con tanto di berretto con visiera e salopette, una figura che spesso si vede nei film americani degli anni '30 e che ci riporta indietro all'epoca in cui le notizie si gridavano per strada e i giornali si compravano al volo. 

Abbiamo in mano una copia de "il Fatto Quotidiano" dove campeggia il titolo scritto a caratteri cubitali "Parenti d'Italia", il sottotitolo ad effetto è straordinario: "Il "cognato" di Tulliani è l'ultimo esempio ma i famigliari eccellenti all'assalto di poltrone e prebende sono un esercito Vecchia abitudine diventata regola nell'era di Papi". Sono parole al vetriolo che sintetizzano il contenuto dell'articolo è del bravissimo Giampiero Calapà mentre di lato vi è il pezzo intitolato "la cognatite" scritto da quel "polemista" nato che risponde al nome di Luca Telese. L'articolo si colloca in un preciso "menabò", è un corsivo che contiene un "doppio racconto" allegorico, efficace dove viene commentato un fatto d'attualità come quelle della famosa "casa di Montecarlo". 
Nella prima pagina altre firme illustri: Furio Colombo, Nando Dalla Chiesa, Gianfranco Pasquino...insomma un parterre di penne contro davvero eccellenti use a non mostrare alcun timore reverenziale nei confronti di chicchessia. 

Nella seconda e terza pagina della versione cartacea, vi è solitamente un approfondimento dei temi anticipati sulla prima: è curioso notare che nella copia dell'8 agosto 2011 vengono affrontati dei temi di strettissima attualità che prevedono esattamente gli esiti dei processi nei confronti dell'imputato B. 
Di sicuro effetto il titolo: "Ammazzarli tutti per salvare i suoi: il senso di B. per i processi" e poi l'occhiello: " Da Mediaset a Mills, mannaia ad personam che cancellerà il 50% dei procedimenti: dalla corruzione ai maltrattamenti" (l'occhiello in originale è scritto tutto in maiuscolo grassetto). 

Molti degli articoli contenuti ne "il Fatto Quotidiano" andrebbero conservati e incorniciati a futura memoria come, ad esempio, l'articolo di Giampiero Calapà intitolato "Il Paese dei figli d'arte dalla cricca alla Rai", nel quale si trova un lunghissimo elenco di personaggi illustri (spesso insospettabili) che hanno piazzato i loro figli nei posti che contano (e senza concorso). A quanto pare il posto fisso per via ereditaria piace in Italia e non è affatto fuori moda!!! 


Le vicende di cronaca sono tutte affrontate rispettando l'ordine reale e cronologico degli avvenimenti, molti articoli sono anche dei veri e propri flash back che fanno spesso riferimento a dei fatti di cronaca dimenticati, a misfatti di questa storia tutta italiana di cui vorremo sapere di più. 

Almeno se li conosci li eviti! 

Il taglio e lo stile dipendono sempre dal tipo di giornale, il Fatto Quotidiano ha anche il pregio di aver rivitalizzato la tradizione della satira espressa tramite vignette poste a corredo degli articoli. Una scelta azzeccata che vivacizza il giornale e che "rompe" la sequenza degli articoli scritti. 

 

IL MISFATTO 

È l'inserto satirico de "il Fatto", la scritta che accompagna il titolo è tutta un programma "Organo Ufficiale dei fomentatori d'odio". Si tratta di una dichiarazione chiaramente ironica ma che esprime anche la consapevolezza di chi attraverso le inchieste/denuncia crea subbuglio e dà fastidio, molto fastidio. 

Nel numero di Domenica 8 agosto 2011 alla pagina VII dell'inserto si trova una vignetta dove viene raffigurato un sepolcro dove c'è una Panda di marmo recante l'iscrizione "FIAT Pomigliano d'Arco", nella parte alte della vignetta la scritta "TANTI SALUTI DA FIAT FABBRICA ITALIANA AUTENTICHE TUMULAZIONI. 
". Una vignetta che vale più di qualsiasi testo espositivo-argomentativo quanto a capacità di affondo che fa...male. 

Il giornale è in edicola "6 numeri alla settimana (da martedì alla domenica", il costo in edicola è di euro 1,20. Un numero arretrato costa euro 2,00. 

E' possibile acquistare il Fatto Quotidiano tramite abbonamento. 

* L'abbonamento postale base per l'Italia costa 290,00 euro, in alternativa si può scegliere la versione online in formato PDF, l'abbonamento annuale costa 130,00 euro. 

Per sottoscrivere l'abbonamento bisogna andare sul sito www.ilfattoquotidiano.it e compilare il modulo relativo. 

Il Direttore responsabile de il Fatto Quotidiano è Antonio Padellaro. 

Se ne raccomanda la lettura per sapere i fatti e misfatti di destra, sinistra e centro.....

Conclusione: Italia...tragedia in 4 atti + seguito raccontata ogni giorno da "il Fatto Quotidiano".

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri
21 gennaio 2013 1 21 /01 /gennaio /2013 15:25

4705684752_08e858a591.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/48220291@N04/4705684752 (album di National Library Of Norway)

 

 

Abbiamo qualche dubbio sul fatto che  "La signora del mare" di Henrik Ibsen si possa definire ancora una dramma borghese per lo meno nell'accezione che storicamente si intende con questo termine, prima di tutto perché la società nella quale ha vissuto lo scrittore e drammaturgo norvegese non esiste più e poi anche perché i termini cambiano di significato con il mutare delle condizioni sociali. Non c'è dubbio che oggi rileggere Ibsen significa anche rideterminare la storia entro il nostro immaginario e leggerlo attualizzando una storia come quella de "La signora del mare". In quale misura quindi con l'avvento di una società multimediale che ha cambiato tutto ma non i rapporti tra un uomo e una donna, è possibile riproporre "La signora del mare" dinanzi ad un pubblico di lettori sempre più massificato e sempre più legato e subordinato all'immagine televisiva? 
La domanda merita una risposta articolata perché il "drammone" proposto da Ibsen ci presenta il tempo come eterno presente dove la conflittualità tra uomo e donna all'interno di una coppia è di stretta attualità. Distruggiamo quindi la temporalità storica e non pensiamo a una coppia dell'Ottocento borghese ma ad una coppia odierna e soprattutto disancoriamo la storia del dottor Wangel e di Ellida dalla cittadina sul mare che sorge nella parte occidentale della Norvegia, in questo modo si può avanzare una chiave di lettura della storia "normalizzandola" alla realtà odierna e tenendo ben presenti i mutamenti molto rilevanti e importanti che vi sono stati in 120 anni. 

 

 

 

4706077084_389b60b9f0.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/48220291@N04/4706077084 (album di National Library of Norway)

La storia de "La signora del mare" non va tuttavia banalizzata nello sforzo di attualizzarne la portata, ma non bisogna neanche frasi prendere dall'impeto dei sentimenti e dell'emotività anche se la questione della rottura di qualsiasi rapporto coniugale tra un uomo e una donna ha delle pesanti ricadute di tipo morale nella vita di una persona. In sostanza Ellida quando decide di non avere più alcun rapporto con Wangel si espone ad un continuo rimbrotto recriminatorio tutto interno ad una coppia. Se pensiamo che molti dei problemi di coppia sono dovuti a problematiche di questo tipo vediamo che il messaggio del sacro e del sublime riguardo alla vita matrimoniale viene neutralizzato completamente dalla rottura del coniugare nel senso sessuale del temine, significato -ricordarlo non è superfluo- da cui deriva il termine coniuge così come viene correntemente usato. 
La seconda questione, peraltro attualissima, riguarda quella di un uomo di una certa età, di condizioni economiche molto buone che ad un certo punto decide di sposare una donna notevolmente più giovane che, a sua volta, accetta la proposta di matrimonio se non altro per uscire da una condizione di vita precaria. Ed è questa la condizione di Ellida. La letteratura e il teatro fingono significati e valori, ma poi è inevitabile che si ritorni alla realtà e il rapporto tra Ellida e il dottor Wangel è molto più vero se si considera un fenomeno che si è diffuso sempre di più nel momento in cui la "disponibilità" delle donne italiane al matrimonio è diminuita e gli uomini benestanti e non si sono rivolti alle donne dell'est, le uniche disposte ad accettare la presenza di uomini che non avrebbero avuto alcuna possibilità di trovare una moglie in Italia. 

In ogni caso la relazione tra i due che all'inizio è lacerante, si ricompone, perché? Perché alla fine Ellida si rende conto che la buona sorte non accade sempre due volte e che il marito, forse non le piace, ma è un brav'uomo e questo basta per riprendere la vita coniugale incompleta. 

Consigliamo pertanto di leggere "La signora del mare" come un'opera aperta, le espressioni quotidiane presenti nel dialogo sono preziose e alla fine della lettura ci si rende conto che i due protagonisti non sono così immaginari come si potrebbe essere indotti a pensare.

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link