Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
20 maggio 2014 2 20 /05 /maggio /2014 18:28

TOMMASO MORO

 

 

Spesso si dice e si sente questa espressione:
"È un'utopia" dove con tale espressione, si indica un disegno bello, fantastico ma inattuabile; tale termine viene usato anche come sinonimo di chimera, di miraggio, tant'è che si usa l'espressione: "È bello ma è un miraggio, è un utopia", potremmo continuare con innumerevoli esempi a riguardo, eppure non tutti sanno che il termine Utopia è stato coniato dall'umanista Tommaso Moro che nel trattato Utopia scritto nel 1516, delineò il modello di una società fondata su dei principi di tipo comunistico e sull'uguaglianza, si tratta quindi di una pura immaginazione e non è casuale la scelta del termine da parte di Moro che  significa LUOGO CHE NON ESISTE ( dal greco ου=non e τοπος=luogo).
Naturalmente visto così dal punto di vista del linguaggio comune, la parola utopia viene interpretata solo letteralmente, ma se indica un ideale che non si può raggiungere, può indicare anche un modello a cui tendere che serve anche per criticare una società esistente.
È chiaro quindi che l'uso strumentale del termine "utopia" deve essere inteso in senso lato e non può essere interpretato solo dal punto di vista etimologico perchè è l'aspirazione ideale che conta non tanto il modello proposto!!
L'Utopia è un trattato che presenta dei tratti assai singolare: il primo libro è improntato sotto l'aspetto dialogico, mentre il secondo ha i tratti di una narrazione dove prevale il genere saggistico.

Nel primo libro la voce narrante immagina di aver conosciuto ad Anversa un viaggiatore portoghese, tale Raffaele Itlodeo che gli racconta di aver viaggiato per molti anni nel Nuovo Mondo e di essere alla fine pervenuto in un paese che si chiama Utopia nel sarebbe vissuto per un lustro, a detta del viaggiatore portoghese la forma di organizzazione della società politica e civile sarebbe superiore a quella delle forme presenti nella civiltà europea.
È interessante vedere come l'esposizione non proceda come un racconto di fantasia ma come qualcosa di realmente esistente, operazione questa, consonsentita dalle scoperte geografiche del periodo per cui l'operazione sillogistica condotta da Moro è la seguente:

« le nuove scoperte sono vere-------Utopia è un luogo in cui vi sono state le nuove scoperte-------quindi Utopia è vera.»

È anche interessante sapere che il termine Utopia venne cambiato, probabilmente dallo stesso More, in Eu-topia che significa: εu=migliore     τóπος=luogo   Il luogo migliore.

COME E' ORGANIZZATA UTOPIA

  • Utopia è un'isola, la cui comunità venne fondata da Utopo che vi trovò una popolazione autoctona, il suo primo intento fu quello di innalzare il livello di civiltà di questa gente.
  • Vi sono cinquantaquattro città abitate da un numero variabile di persone che va dai sessantamila ai novantamila.
  • Le case di ogni abitante è circondata da un ampio giardino, le porte non si chiudono mai e ogni dieci anni ogni singolo nucelo familiare cambia residenza.
  • La civiltà è prevalentemente agricola, i terreni coltivabili circondano la città e gli abitanti sono nel contempo agricoltori ma lavorano a turno, ognuno si trasforma per un periodo in cittadino e in un altro in agricoltore.
  • Non esiste la proprietà privata.
  • Nucleo fondamentale della società è un nucleo base composto da trenta famiglie al cui vertice vi è un magistrato eletto annualmente, la carica è a tempo; i magistrati, poi, eleggono a voto segreto un governatore.
  • Il lavoro tra uomini e donne è paritario .
  • Gli obblighi del singolo consistono nel dare due anni di lavoro agricolo alla comunità
  • I vestiti vengono tessuti e confezionati in famiglia e sono eguali per tutti, l'unica differenza è quella tra maschi e femmine e tra celibi e coniugati
  • Le femmine si possono sposare dopo i dodici anni, i maschi dopo i sedici
  • Il matrimonio non viene mai sciolto, solo in caso di tradimento
  • Le ore di lavoro non possono essere superiori alle sei al giorno
  • Il tempo libero viene dedicato alle attività intellettuali, ad ascoltare conferenze, musica, ad attività ludiche
  • Il lavoro supefluo è bandito
  • Ogni cellula familiare riceve ciò di cui ha bisogno attraverso i vari mercati rionali
  • I malati sono curati con grande attenzione, quelli incurabili possono praticare l'eutanasia ma solo dietro autorizzazione dei magistrati
  • È vietato accumulare ricchezze, l'oro accumulato serve solo per un'eventuale guerra che deve essere rigorosamente difensiva

 

  • LE LEGGI SONO CHIARE, POCHE E COMPRENSIBILI PER TUTTI

 

  • Vige il pluralismo religioso.
  • I preti, uomini e donne, si possono sposare.
  • L' educazione è permanente ed è per tutti.
  • La vita è il bene principale dell'uomo e dunque è bandita la PENA DI MORTE


Molto interessante  è notare come il tema di fondo sia quello della felicità umana ed è questa una proiezione tipicamente umanistica che fu sì una stagione culturale italiana, ma che ben presto conquistò anche altri intellettuali dell'epoca come Tommaso Moro.

È stupefacente vedere che alcuni temi trattati da Moro sono così moderni e attuali che sembrano essere stati scritti da un contemporaneo, eppure si tratta di un'opera che ha quasi cinquecento anni: realismo e idealismo si mischiano dando origine a una visione di società in cui è presente l'impegno contro la degradazione e lo sfruttamento e prospettando una sorta di progetto comunistico del'organizzazione sociale. Da lì a poco ci saranno altre analisi e opere che parleranno dell'organizzazione dello stato, della sua forma completamenti nuovi rispetto ai principi sanciti dalla filosofia platonica e aristotelica:con Hobbes saranno messe le basi di un modo di concepire lo Stato dal punto di vista contrattualistico.
Se Tommaso Moro parlava di Utopia, Hobbes parlerà di Leviatano, una sorta di Moloch che presiede a tutto e che organizza ogni cosa: il popolo, per Hobbes, deve essere sottomesso al sovrano, lo Stato è dotato di un potere assoluto che vincola i sudditi in cambio della garanzia di mantenere la pace e la sicurezza.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Moro Tommaso

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link