Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
5 febbraio 2015 4 05 /02 /febbraio /2015 19:30

Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494) fu durante il periodo dell'Umanesimo, assieme a Marsilio Ficino e a Niccolò Cusano, una delle più importanti figure di quella corrente di pensiero denominata "platonismo" che, in opposizione agli averroisti e agli occamisti, si richiamava al pensiero di Platone e dei platonici. Il platonismo fu essenzialmente tutto teso a dimostrare la superiorità di Platone rispetto ad Aristotele, tuttavia la mediazione del cristianesimo, fece sì che tale filosofia assunse dei caratteri del tutto originali rispetto al pensiero dello stesso Platone. Non è facile mettere una cesura netta tra le questioni che rientrano nell'ambito letterario e quelle proprie della filosofia in quanto tutto il movimento umanistico, compreso quello letterario, ondeggiante tra la cultura classica e quella cristiana, si sviluppa partendo dalla filosofia. Francesco Petrarca, ad esempio, quando parla di "sapientia christiana" utilizza i testi tanto di Platone quanto di Cicerone e li utilizzain funzione della figura di Cristo. Anche Pico della Mirandola riteneva che la migliore filosofia fosse quella elaborata da Platone ma la utilizza perseguendo le finalità proprie del Cristianesimo. Pico, fu un platonista sui generis in quanto tentò di valorizzare  anche l'aristotelismo e il tomismo con l'intento ambizioso di rinnovare il Cristianesimo. Pico elaborò quella teoria della pax unica che avrebbe dovuto, secondo i suoi intenti, unire tutti i movimenti religiosi del suo tempo. Per perseguire questo fine elaborò, all'età di soli ventiquattro anni, 900 tesi che andò a discutere a Roma; questa iniziativa allarmò gli ambienti filosfici e teologici romani al punto che papa Innocenzo VIII nominò una commissione che censurò 13 tesi. Per Pico, in odore di eresia, fu l'inzio di un periodo della vita molto travagliato che si concluse solo grazie alla completa assoluzione avvenuta ad opera di papa Alessandro VI che riconobbe l'aderenza del pensiero di Pico alle posizioni dell'ortodossia cattolica. Le opere della cosiddetta "disputa romana" sono: Conclusiones, Apologia e l'Oratio che venne più tardi denominata dai posteri De hominis dignitate. Altre opere di Pico sono l'Heptaplus dove il commento al racconto dei sette giorni della creazione diventa il pretesto per interpretare la storia e la natura alla luce della creazione e della redenzione; il De ente et uno dove Dio viene presentato come Essere assoluto che è Uno davanti alla molteplicità delle creature da lui create e infine Disputationes adversus astrologiam divinatricem dove Pico stronca l'astrologia bollandola come una falsa scienza capace solo di favorire la superstizione e l'ignoranza. Pico, uomo dalle vaste conoscenze, poliglotta e profondo conoscitore dei testi classici, è oggi ricordato soprattutto per la sua prodigiosa memoria, ma la sua eredità più importante è quella di un disegno ambizioso alla cui base vi era il desiderio di pervenire ad una sintesi filosofica che avrebbe dovuto rinnovare gli ambienti crisiani in vista di una duratura e proficua pax unifica di tutte le correnti di pensiero dell'epoca. Visionario? Forse, ma la storia del pensiero è storia di visioni che hanno precorso i tempi stimolando il progresso dell'uomo.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Pico della Mirandola

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link