Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 aprile 2014 4 03 /04 /aprile /2014 07:12

article marketing italiano

 

 

 

Quando si affronta un autore come Soren Kierkegaard viene da domandarsi se sia possibile aprire una via estetica all'eros nella teologia cristiana; in altri termini: l'idea che si è diffusa di una pratica di culto proiettata verso la morte quanto può incidere su una rappresentazione che sembra mortificare la carne e indurre all'idea che l'eros sia peccato?


Cercherermo di rispondere a questa domanda facendo riferimento all'opera "Don Giovanni. La musica di Mozart e l'eros" scritto da Soren Kierkegaard; ogni volta che ci troviamo ad affrontare dei passi delle opere del filosofo danese veniamo letteralmente provocati dalle sue riflessioni, e in particolare da un'opera come "Esercizio di Cristianesimo". Talvolta le sue tesi non collimano con le nostre attuali convinzioni, ma altre volte restiamo letteralmente stupiti dal suo essere antimetafisico pur mantenendo altissimo il senso della spiritualità.

La sua tesi del paradosso e dello scandalo della fede dovrebbe fare pensare, purtroppo Soren Kierkegaard è studiato poco dai "fedeli cattolici" perché lui -filosofo, teologo e pastore- rappresenta ancora oggi una minaccia per chi vuole dare una visione del Cristianesimo in termini rassicuranti. 
Il saggio di Soren Kierkegaard è tra le sue opere più chiare e -a nostro parere- dovrebbe essere letto da chi si interessa di arte e in particolare di musica, la particolare prospettiva avanzata dal filosofo danese contiene un'analisi dell'elemento artistico molto originale, ne confuto alcuni aspetti condividendoli con chi legge questo mio articolo. 



Soren Kierkegaard considerava la musica come la più astratta delle arti, come tale era la quintessenza dell'arte stessa. Ma essendo l'esteta (l'artista) colui che vive nell'immediatezza è condannato ad essere dipendente dall'oggetto del suo godimento ed è perciò condannato allo sfacelo. In parole semplici l'esteta è vive nella miseria dell'esistenza in quanto non è in grado di andare oltre l'attimo.

Crediamo, a differenza di Soren Kierkegaard, che vi sia invece una via estetica alla Rivelazione cristiana che permette di andare oltre l'attimo, basta leggere il "Cantico dei cantici" per recuperare una visione dell'eros che vada al di là dell'immediatezza e del consumo idolatrico.
Non si tratta quindi di una fascinazione che resta ferma alla materialità ma va oltre e si spinge attraverso la visione estatica verso le alte vette della spiritualità.

D'altro canto Soren Kierkegaard nel suo saggio delinea un'immagine dell'artista come esteta tralasciando altri aspetti che fanno parte di altre figure di artista che non sono immersi nella non-scelta come l'esteta di cui lui parla.

Viene da domandarsi se la figura di Don Giovanni possa poi essere rappresentativa di tutti gli esteti. Chi è Don Giovanni? È colui che desidera una donna e quando l'ha ottenuta passa ad un' altra, vivendo nella ripetitività di un atto sempre eguale a se stesso. In questa prospettiva l'istanza erotica perde slancio anzi passa in secondo piano, ma in questa visione si perde completamente l'idea dell'istanza erotica come fonte infinita di bellezza che trova la sua trasposizione materiale in opere artistiche dove il corpo stesso è l'immagine del divino nella sua perfetta realizzazione.

A quanto pare musica ed eros sono per Kierkegaard due manifestazioni simmetriche che allontanano l'uomo dal divino, quasi due espressioni demoniache che si sciolgono nell'immediatezza; non ci possiamo trovare d'accordo con la tesi espressa nel saggio in quanto viene tralasciato completamente il contributo dato, ad esempio, dalla "musica sacra" che è una forma di rappresentazione altissimamente spirituale che fa da ponte verso il divino.

La musica è anche creatività spirituale e profetica e se vogliamo sprigiona un'intuizione spirituale che solo un'esperienza estetica può dare. La musica può essere il luogo in cui l'ascoltare dell'uomo va oltre il sentire e nella sua eccedenza di senso va oltre i suoni del mondo. In questo ci troviamo in una posizione diametralmente opposta a Kierkegaard. L'idea di una fruizione spirituale della musica mancava al filosofo danese, probabilmente hanno influito su questa sua particolare visione diversi aspetti tra cui le vicende personalissime del suo legame con la fidanzata Regine Olsen con la quale vi fu poi una completa rottura; non c'è dubbio che la figura di Don Giovanni impedisce qualsiasi unificazione tra Eros e Thanatos e che il suo modo di vivere l'oggetto del desiderio ostacola qualsiasi visione dell'Amore ma slegare la mistica della musica al divino significa anche negare qualsiasi teologia estetica.

 



SCHEDA DEL LIBRO

 

  • Autore: Soren Kierkegaard
  • Titolo: Don Giovanni. La musica di Mozart e l'eros
  • Editore: Mondadori (Collana Oscar classici)
  • Anno di pubblicazione: 2000
  • Pagine: 160

 

Articolo di proprietà dell'autore pubblicato anche altrove

 

 

Protected by Copyscape Web Plagiarism Check

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Kierkegaard Soren

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link