Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 gennaio 2014 3 01 /01 /gennaio /2014 17:08

UN' OPERA DELLA LETTERATURA FENOGLIANA CHE SI DISTACCA DALLE TEMATICHE RESISTENZIALI

Nei precedenti articoli in cui abbiamo parlato di Fenoglio abbiamo fatto riferimento ad un filone riconducibile a quella tematica resistenziale che ha caratterizzato buona parte dell'opera fenogliana, seppur con le evidenti differenze al lettore può sembrare che la scelta monotematica dello scrittore langarolo possa essere stato un limite che ha inficiato la possibilità di sperimentare altri argomenti che non fossero circoscritti nel tempo dell'esperienza della Resistenza.
Essendo comunque Fenoglio un autore che deve essere scoperto da molti e che comunque la riscoperta è spesso limitata dalle scelte editoriali, non sempre è possibile distaccarsi da questo stereotipo che sembra averne limitato un approccio differente.

Ecco perchè il libro "L'affare dell'anima e altri racconti" può essere considerato particolarmente utile per fare conoscere l'altro Fenoglio, quello forse meno spendibile dal punto di vista editoriale ma certamente interessante dal punto di vista letterario e della lettura!!
Fenoglio è stato un autore che ha scritto molto e ha pubblicato poco, la scoperta di numerosi inediti, rinvenuti quasi per caso, ha permesso di ampliare la conoscenza letteraria di Fenoglio e di studiarne alcuni aspetti interessanti anche dal punto di vista della personalità.
E' probabile che "L'affare dell'anima" fosse un abbozzo per una stesura successiva di un romanzo più ampio ma è anche probabile che si trattasse di una prima stesura da "correggere" in vista di una versione definitiva, questa seconda ipotesi non è scartabile se si tiene in considerazione che la predilezione per il romanzo breve non era estranea alle abitudini letterarie di Fenoglio che per taluni tratti ricorda il genere letterario novellistico sia verghiano che quello psicologico pirandelliano.

Tra questi indediti che sembrano vivere delle suggestioni letterarie che abbiamo evidenziato nelle righe precedenti, è da citare "L'esattore", un racconto dove il protagonista, tale Adolfo Manera passa tutta la vita a fare soldi e ad un certo punto vorrebbe passare il testimone ai figli, ma l'impossibilità di comunicare e di trasmettere a loro i segreti di come raggiungere la ricchezza, lo rendono impotente dinanzi al tempo che passa e che lo vede testimone di fatti tragici che lo colpiscono direttamente. Un racconto fenogliano amaro ma che rappresenta anche un riscatto della giustizia che toglie tutto in una volta quello che si aveva avuto, forse con fatica, ma sempre con fortuna e per una serie di fatti fortunati.

**Non capita forse che persone di successo abbiano improvvisamente e repentinamente un livellamento che li riporta nelle posizioni di coloro che non hanno mai avuto niente?**

Fenoglio non fa ipotesi non si chiede il perchè, lo registra, lo descrive ma questo non può che non provocare una serie di interrogativi da parte del lettore, primo fra tutti quello dell'impegno e quello della casualità della vita, della sua impossibilità di essere programmata, poteva prevedere, ad esempio, Adolfo Manera che suo figlio sarebbe morto a soli diciasette anni?  Aristotele Onassis poteva prevedere, aggiungiamo noi, che suo figlio Alessandro, nel pieno della giovinezza morisse in un incidente?

Anche "L'affare dell'anima" tratta il tema della grettezza e dell'avarizia spinta al punto da agire con stoltezza quando non rimane più tempo per vivere, Davide Manera ormai in prossimità della fine pensa di salvare la propria anima lasciando tutto ai preti, barattere quindi la propria salvezza con un bene che è prezioso solo quando si è vivi, il denaro.
Quando parlavamo di echi verghiani era inevitabile il raffronto tra il personaggio di Davide Manera e quello di Mazzarò, l'ossessione della ricchezza e del denaro può diventare stoltezza, ma è anche inevitabile il raffronto con Mastro don Gesualdo ma a differenza dei personaggi  del Verga, Fenoglio preferisce tratteggiare fatti e personaggi con lieve ironia quasi a voler gettare nel ridicolo ogni comportamento stolto e privo di anima ma  di quella vera non di quella che si vuole barattare in cambio di soldi!

Una bella ma poco conosciuta opera di Fenoglio di cui consigliamo la lettura..........leggiamo autori italiani, meritano più attenzione le nostre belle pagine di narrativa.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link