Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
27 dicembre 2014 6 27 /12 /dicembre /2014 08:29

IL MOMENTOMO

1 Se ti dà l'animo

   D'andar pei chiostri

  Contando i tumuli

  Degli avi nostri,

  Vedrai l'immagine

  Di quattro o sei,

  Chiusi per grazia

  Ne' mausolei:

     Oggi ci insacca

     La carne a macca,

     In laide maschere

     Fidia si stracca.

2 Largo ai pettegoli

       Nani pomposi

       Che si scialacquano

       L'apoteosi.

       Non crepa un asino

       Che sia padrone

       D'andare al diavolo

       Senza iscrizione: 

           Dietro l'avello

           Di Macchiavello

           Dorme lo scheletro

           Di Steneterllo.

3 Commercio libero!

  Suoni il quattrino

  E poi s'avallano

  Chiesa e Casino.

  Si cola il merito

    A tutto staccio;

   Galloni e Panteon

   Sei crazie il braccio.

      Scappa di Duomo

     Un pover'uomo

     Che senta i brividi

     Di galantuomo.

4 O mangiamoccoli

      Che a fare un Santo

      Date ad intendere

      Di starci tanto!

      E poi nell'aula

      Devota al salmo

     L'infamia sdraiasi

     Di palmo in palmo!

         Ah l'aspersorio

         Per un mortorio

         Slarga al postribolo

         Anco il ciborio!

5 La bara, dicono,

   Ci porta al vero:

   Oh sì, fidatevi

   D'un cimitero!

   Un giorno i posteri

   Con labbra pie

   Biasciando il lastrico

   Delle bugie,

      Diranno: Oh gli avi

      Com'eran bravi!

      Che spose ingenue,

      Che babbi savi!

6 Un dotto transeat:

     Ma un'Eccellenza

     Tapparlo o povero,

     Certo è indecenza!

     Ribolla in lurida

     Fogna plebea

     Dal basso popolo

     La fricassea:

         Spalanca, o Morte,

         Vetrate e porte;

         Aria a un cadavere

         Che andava a Corte.

7 Così la postuma

        Boria si placa:

        E molti, a immagine

        Della lumaca,

        Dietro si lasciano

        Sul pavimento

        Impura striscia,

        Che pare argento.

           Ecco gli eroi

           Fatti per voi,

           Che a suon di chiacchiere

           Gabbate il poi.

8 Ma dall'elogio

     Chi ti assicura,

     O nato a vivere

     Senza impostura?

     Morto, e al biografo

     Cascato in mano,

     Nell'asma funebre

     D'un ciarlatano

         Menti costretto,

         E a tuo dispetto

         Imbrogli il pubblico

         Dal cataletto.

9 Perdio, la lapida

       Mi fa spavento!

       Vo' fare in lascito

       Nel testamento

       D'andar tra' cavoli

       Senza il qui giace.

       Lasciate il prossimo

       Marcire in pace,

           O parolai,

           O epigrafai,

           O vendi-lacrime,

           Sciupa-solai.

 

__________________________________________________________________

In questo componimento scritto nel 1841 il Giusti con la sua consueta ironia incline all'irriverenza, rappresenta abitudini e convenzioni  circa il modo di celebrare tutto ciò che è legato alla morte , abitudini che da sempre fanno parte del mondo degli uomini.Questa è la sostanza del componimento nel quale, tra il dissacrante e l'ironico, risalta l'insofferenza dello spirito libero nei confronti dell'ipocrisia e della miseria morale che circonda ogni rito funebre. La vanità dei ricchi non cessa neppure dopo il verificarsi della loro morte  sempre celebrata all'insegna della menzogna e dell'apparenza; i monumenti funebri sono l'esempio  di come gli uomini amino la pomposità e di come gli piace esaltare, attraverso gli epitaffi e le immagini,  anche persone che avevano condotto una vita del tutto ordinaria. La celebrazione del falso si manifesta in particolare nei cimiteri, luoghi per eccellenza di vanità, in cui i vivi attribuiscono ai defunti immeritate virtù mai da loro possedute. Se con la morte tutto si conclude per il defunto, per i vivi inizia invece un disprezzabile mercanteggiare attorno alle sue spoglie, amara osservazione che scaturisce da uno spirito libero che seppe cogliere in baleni di impressioni vizi, passioni e miserie degli uomini.

Caiomario

____________________________________________________________________

 

Mementomo: forma italianizzata della locuzione latina memento homo, "ricordati, o uomo"; tra gli antichi romani era invece diffusa l'abitudine di utilizzare la locuzione memento mori, "ricordati che devi morire", locuzione che veniva sussurrata  continuamente a quel generale romano  che, ritornando da una vittoria, sfilava in corteo dinanzi alla folla esultante. Non cambia tuttavia il significato di entrambe le locuzioni: la vita è breve e l'uomo si deve ricordare che è destinato a morire.

1.- Se ti dà l'animo.....: se  hai voglia di andare per i chiostri, i chiostri erano i cortili dei conventi spesso circondati da un portico, all'interno dei chiostri venivano spesso tumulati i defunti che in vita occupavano o posizioni di rilievo o che si erano distinti per eccelse virtù. Vedrai l'immagine...: nei mausolei si vede l'immagine di pochi (quattro o sei) personaggi di un certo riguardo, ma accanto alle tombe di costoro vengono messi (Oggi c'insacca) anche defunti che non si sono distinti per particolari meriti o distinte virtù. L'abitudine di seppellire persone di poco valore nelle chiese era evidentemente  molto diffusa ai tempi del Giusti, che ironicamente osserva come lo scultore (Fidia) a forza di fare le immagini che gli vengono commissionate a iosa, si stanca.

2. - Largo ai pettegoli...: si faccia spazio nei mausolei alle persone di poco conto che amano avere iscrizioni pompose (Che si scialacquano/ L'apoteosi). Non vi è persona grossolana e ignorante (asino) che sia padrone di morire senza che abbia un'iscrizione: dietro la tomba di un Macchiavelli, riposa lo scheletro di un Stenterello ossia dietro la tomba di un personaggio importante si trova quella di una persona qualsiasi.

3. - Commercio libero! Si fa commercio di ogni cosa. Purchè si facciano le cose per denaro (Suoni il quattrino: propriamente la frase si riferisce al rumore emesso dalle monete che cozzano l'una contro l'altra), sia la Chiesa che i nobili si mettono d'accordo.-Si cola il merito/A tutto straccio: non si fa attenzione al merito, ma insegne e tempi nei quali sono sepolti personaggi insigni vengono vendute a metraggio.- La crazia era una moneta d'argento che circolava nel Granducato di Toscana al tempo in cui visse Giusti. - Scappa di Duomo/Un pover'uomo/Che senta i brividi/Di galantuomo: un uomo onesto e dabbene scappa dalla chiesa quando assiste a questo commercio.

4. - O mangiamoccoli...: O preti che fate capire quanto sia difficile riconoscere a una persona la grazia della santità, poi accettate che gente infame venga sepolta in chiesa. L'aspersorio, l'oggetto d'arredo utilizzato dai preti nelle funzioni religiose per spandere l'acqua benedetta, per quello che rende per un funerale, fa sì che entrino nella chiesa gente da postribolo.

5. - La bara, dicono/ Ci porta il vero...: I preti ci dicono che con la morte si perviene alla verità, fidatevi di un cimitero e vedrete quale castello di menzogne è stato eretto. Un giorno i posteri, passando sopra il pavimento lastricato da epigrafi bugiarde e leggendo le scritte sbiadite dal tempo, diranno:«Oh gli avi/Com'eran bravi!/Che spose ingenue/Che babbi savi!»

6.- Un dotto transeat...: possiamo ammettere che una persona dotta venga seppellita in questo modo ma è un'indecenza seppellirlo (tapparlo) come un povero.- Ribolla in lurida/Fogna plebea/Del basso popolo/ La Fricassea: marciscano in una lurida fossa comune i cadaveri dei plebei. - La Fricassea: è un termine generico con il quale vengono indicati una serie di ricette a base di carne tagliata a pezzetti che viene poi stufata  e infine condita con uova sbattute e limone. In questo contesto indica l'insieme indistinto dei cadaveri gettati in una fossa comune.- Spalanca o Morte...: apri o Morte vetrate e porte al cadavere di chi era abituato ad andare a corte.

7. - Così la postuma/Boria si placa...: In tal modo trova si calma la prosopopea postuma dei ricchi, molti dei quali  fanno come la lumaca lasciandosi dietro una striscia che poco a che fare con la nobiltà (Impura striscia,/Che pare d'argento.) - Ecco gli eroi....: ecco questa è proprio la razza di eroi che sembrano fatti  proprio per voi che attraverso gli encomi ingannate i vivi circa i meriti di siffatti defunti. Il bersaglio del poeta sono coloro i quali pronunciavano elogi per i morti, elogi  nei quali spesso venivano celebrate virtù e meriti mai posseduti dai defunti.

8.- Ma dall'elogio chi ti assicura...: Tu che sei nato per vivere senza l'inganno chi ti assicura che una volta morto, non cascherai nelle grinfie di un elogista che ti costringerà, tuo malgrado, a mentire dal catafalco.

9.- Perdio la lapida mi fa paura...: Perdio temo la lapide che verrà apposta quando sarò morto perchè si scriveranno cose menzognere. - Nel testamento/D'andar tra' cavoli/Senza il qui giace...: Vorrei essere sepolto senza epitaffio. Lasciate il prossimo che muoia in pace o parolai, compositori di epigrafi, venditori di lacrime e  voi che rovinate i pavimenti con le scritte commemorative.

 

 

     

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura - Giuseppe Giusti

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link