Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
25 giugno 2018 1 25 /06 /giugno /2018 07:20

 

Kant nella Critica della ragion pratica cita il seguente passo tratto dalla Satira VIII di Giovenale (vv.74-89):

"Esto bonus miles, tutor bonus, arbiter idem integer; ambiguae si quando citabere testis incertaeque rei, Phalaris licet imperet, ut sis falsus, et admoto dictet periura tauro, summum crede nefas animam preferre pudori et propter vitam vivendi perdere causas".

"Sii buon soldato, buon tutore e giudice  integro; quando verrai citato come testimone in una causa dubbia ed ambigua, se anche Falaride ti  dovesse comandare di essere  un falso e uno spergiuro minacciandoti di condannarti al supplizio del toro, considera che è la peggiore delle infamie dare la preferenza alla sopravvivenza  rispetto all'onore e per vivere perdere le ragioni di vita".  

Questo passo viene citato come un esempio da tenere in considerazione quando bisogna agire seguendo il senso del dovere per il dovere e non in base ad un movente o a dei fini secondari che ne possano sminuire la portata etica. Secondo Kant infatti agire in vista di qualcosa che porta  una ricompensa è dovuto  solo all'amor di sé e quindi significherebbe agire secondo il proprio tornaconto personale.  Al contrario chi agisce seguendo la santità del dovere e rispondendo solo esclusivamente alla voce della coscienza si innalza rispetto agli interessi contingenti. Per Kant il senso del dovere coincide con il senso dell'onore, un essere umano che agisce in nome del dovere e non per ricevere ricompense o riconoscimenti lo fa per puro interesse morale. L'etica di Kant è un etica del dovere e un'etica così concepita non ammette compromessi.

Un altro punto dirimente per comprendere il dovere kantiano riguarda la domanda se l'agire di questo o quel soggetto sia conforme alla legge morale e a quale legge morale obbedisca. Kant risponde puntualmente che vi è differenza tra una  legge morale che esige da me il “bisogno” degli uomini, in contrapposto a ciò che esige da me il loro “diritto”; è nella seconda direzione che bisogna muoversi per agire in modo conforme alla legge morale. Non basta quindi che un'azione sia correttamente etica in base a motivazione puramente soggettive ma deve valore etico come intenzione conformandosi quindi alla sua massima.

 

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Kant Immanuel

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link