Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
8 ottobre 2012 1 08 /10 /ottobre /2012 05:51

article marketing seo

 

IMGP6517.JPG

 

 

 

IL FASCINO DEL MALE, IL FASCINO DI CRUISE


Nel retrocopertina dell'edizione italiana del DVD viene riportato un giudizio apparso sul "Corriere della Sera" che così recita:

  • "Michael Mann firma uno di quei film che si ricordano dopo anni"


e per rinforzare il concetto, viene riportato anche il giudizio pubblicato su "L'Unità":

  • "Il miglior film americano dell'anno"


Al di là dei giudizi lapidari espressi da autorevoli commentatori possiamo dire che Collateral  è un bel film "americano", ben congegnato e con uno spettacolare ricorso agli effetti scenici, merita di essere visto ma non è un capolavoro e non pretende di esserlo.

LA TRAMA

Tutto il film si sviluppa intorno a due personaggi Vincent e Max, Vincent (Tom Cruise) è uno spietato killer in azione, Max è un tranquillo tassista che va avanti e indietro per le strade di Los Angeles; in uno dei suoi viaggi notturni Max "carica" il secondo cliente della serata, Vincent che è appena arrivato all'aereoporto di Los Angeles e ha appena scambiato una valigia in cui ci sono i ferri del mestiere.
Il tutto si gioca sulla casualità Max è in attesa di clienti davanti all'aereoporto e Vincent sale sul taxi è l'inizio di una notte fatale; il killer chiede al tassista di essere a sua disposizione per tutta la notte dietro un compenso molto allettante: dovrà fare cinque fermate...."cinque fermate, cinque omicidi"..da quel momento le loro vite diventano parallele ( collateral= in inglese collateral significa parallelo, sussidiario ma anche parente per indicare il massimo grado di vicinanza) ma entrano anche in conflitto, senza volerlo Max favoreggia la missione di Max...

COMMENTO

Bellissima la scena dell'aereoporto di Los Angeles in cui Vincent (Tom Cruise) si presenta con tutto l'aspetto del duro, occhiali scuri, cammminata decisa, sicurezza nei gesti...l'aereoporto di Los Angeles nella sua mastodontica estensione è così ed è così di notte ed è così pure la Los Angeles notturna dove puoi trovare palestre con ampie vetrate a vista aperte 24 ore su 24.
Le scene si svolgono in notturno, le luci artificiali prevalgono ma nello stesso tempo la visione non ne viene penalizzata, l'atmosfera surreale ricorda quella dei film francesi con Jean Gabin: pero la Los Angeles notturna non ha il fascino di una Parigi vista di notte, la metropoli californiana appare per quella che è,  un enorme distesa di cemento e di grattacieli dove c'è sempre un vicolo chiuso in cui si annida qualche pericolo: queste stradine laterali da uscita delle cucine di ristorante, inquietano e aumentano la desolazione di un paesaggio metropolitano in cui perdersi, in tutti i sensi, è facile..

Tom Cruise si dimostra credibile angelo della morte, lucido e spietato al limite della rappresentazione manieristica del killer che "deve terminare il suo lavoro", le vittime appaiono dei pezzi di cartone da spazzare via con un calcio.

Abbiamo definito "americano" il film se non altro per la riproposizione di un genere ormai collaudato, ma bisogna riconoscere a Mann l'originalità nell'aver concepito scene di sicuro effetto come quella memorabile della discoteca in cui viene consumato un omicidio e in cui le persone continuano nell'indifferenza a ballare: metafora terribile e credibile di quello che avviene in una metropoli (e non solo) dove si può morire senza che venga spezzato il ritmo della sua vita che pulsa con cinismo e freddezza in un anonimato desolante e disperato.

Un film suggestivo, sapientemente congegnato che esce fuori da ogni stereotipata formula del thriller tutto scoppiettii e lamiere lacerate.


In ultimo: Nel retro della copertina del DVD c'è scritto in basso a destra "FILM PER TUTTI", non siamo d'accordo,  Collateral è  decisamente un film per adulti, le scene di violenza ci sono e il bel volto fotogenico di Cruise toglie drammaticità a quanto di più terribile esiste nei comportamenti umani: l'omicidio.
Ci sarebbe da obiettare su alcune scelte superficiali della distribuzione, assistere ad un omicidio tra una battuta ed un'altra, significa abituare la gente alla normalità del crimine.

Poi non lamentiamoci!!!

 

 


Per il resto se ne consiglia la visione ad un pubblico adulto.

SCHEDA DEL DVD 

  • Titolo: Collateral
  • Regia: Michael Mann
  • Anno di rilascio: 2004 
  • Cast: Tom Cruise, Jamie Foxx, Jada Pinkett, Mark Rufalo, Peter Berg.
  • Genere: Triller
  • Lingua: Inglese, Italiano, Spagnolo
  • Sottotitoli: Italiano, Inglese, Croato,Ebraico, Greco, Portoghese,Serbo, Spagnolo, Sloveno
  • Sottotitoli al commento:Inglese, Italiano, Spagnolo


4819635644_2c50008b79.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/23119895@N00/116033669 (Album di ian_fromblighty)

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Z. Cinema

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link